Skip to content


Con la Russia, per l’Europa

Con la Russia, per l’Europa

Che cosa autorizza un Paese come gli Stati Uniti d’America a intromettersi nelle decisioni, nella vita, nelle libertà di altri Paesi? In nome di che che cosa gli USA sono giudici dei destini di ciò che avviene nel continente asiatico, in America Latina, in Europa, ovunque? Da dove proviene questo privilegio assoluto di decidere per tutti che cosa sia il bene e che cosa il male? Che cosa legittima la pretesa che gli altri popoli, stati, nazioni debbano obbedire ai giudizi, alle decisioni, alle azioni degli Stati Uniti?
Non vedo porre tali domande, che pure sono essenziali di fronte a un’ingerenza sempre più pervasiva, totale, assai rischiosa, da parte dello stato nordamericano in tutti gli eventi del pianeta.
Ai difensori dell’imperialismo statunitense (così si chiama tecnicamente nella scienza della politica) pongo tali domande, che non sono retoriche. Vorrei proprio saperlo, infatti. Perché e da dove nasce il privilegio assoluto degli USA di decidere sulla Siria, sull’Iran, sui rapporti tra la Cina e la Russia, sui governi italiani, sulla politica monetaria cilena, solo per fare qualche esempio di una presenza totale? Da dove proviene? Che cosa lo motiva? Su quali elementi normativi o etici del Diritto internazionale si fonda?
Sin quando queste e analoghe domande non riceveranno risposte razionali e plausibili, l’ingerenza planetaria degli Stati Uniti d’America sarà una forma della volontà di potenza, la più pericolosa mai attuata nella storia della nostra specie.
Nulla di nuovo naturalmente, anche se nuove sono le potenzialità distruttive che una simile politica comporta, ma allora bisognerebbe dirlo in modo esplicito, senza infingimenti: nelle guerre che gli USA iniziano ovunque o alle quali partecipano domina la legge del più forte, vigono principi di natura geopolitica, sono in gioco le ambizioni di dominio economico e strategico della potenza più armata del pianeta. Di questo si tratta. E non di ‘valori’, ‘democrazia’, ‘libertà’. Ripulire il campo dall’ipocrisia moralistica e semantica sarebbe già un passo avanti.

È soltanto in questo quadro che si può comprendere la questione Ucraina.
Oskar Lafontaine, ex ministro delle Finanze tedesco ed ex presidente del partito socialdemocratico (SPD) ha dichiarato apertamente che «la guerra in Ucraina non è una guerra della Russia contro l’Ucraina o viceversa, ma una guerra degli Stati Uniti contro la Russia» (Contropiano. Giornale comunista on line, 16.2.2012). È infatti una guerra anche vigliacca quella combattuta dagli Stati Uniti d’America per procura contro la Russia in Ucraina, «senza rischiare la vita di un solo soldato sul terreno, limitandosi a fornire strumenti di morte e informazioni spionistiche per rendere l’impatto più efficace» (Marco Tarchi, Diorama Letterario 371, p. 1).
Una guerra che invera e prosegue la svolta rovinosa che a partire dalle Paci di Versailles del 1918-1919 ha trasformato la guerra in una questione assoluta, nella quale il nemico non è più un semplice nemico ma è diventato un subumano che non merita alcun rispetto. Una disumanizzazione, anche rispetto al mondo antico, che ha la sua plastica testimonianza nella richiesta del presidente ucraino di vietare a tutti gli atleti russi di partecipare alle Olimpiadi di Parigi del 2024, quando invece per i Greci le Olimpiadi erano ragione di tregua nei conflitti in corso.
La marionetta che governa Kiev (e che si crede un burattinaio) oltrepassa ogni misura, razionalità, responsabilità, chiedendo «armi, più armi» alla NATO. Tanto che i Paesi che compongono l’alleanza militare si stanno dissanguando per finanziare la guerra, togliendo pane, sanità, scuola, lavoro, ai propri cittadini allo scopo di armare all’inverosimile la dittatura ucraina.
E che si tratti di una dittatura è confermato dal Partito Unico al potere, dalla persecuzione dei russofoni e della Chiesa ortodossa non nazionalista, dalle ‘punizioni’ erogate in pubblico e senza alcun processo per chiunque sia giudicato ribelle dalla polizia, dal tentativo di sterminio degli abitanti delle regioni autonome, dal dominio totale sui media ucraini. Anche Amnesty International conferma che l’esercito dell’Ucraina ha come obiettivo la morte e il danno dei cittadini ucraini. L’Ucraina è in realtà uno dei Paesi più corrotti d’Europa e fiumi di denaro dei cittadini e contribuenti italiani ed europei vanno a ingrossare i conti correnti di politici e oligarchi ucraini.

L’eterogenesi dei fini è una delle forme più ironiche e più amare delle vicende umane. In questo caso, essa fa sì che i “democratici” italiani ed europei sostengano anche i movimenti neonazisti al potere in Ucraina. E lo fanno mettendo a rischio i propri concittadini in nome degli interessi e della propaganda degli Stati Uniti d’America. Di fronte alla rovina dell’Italia e dell’Europa, a vantaggio degli USA e per difendere il governo fantoccio dell’Ucraina, ci sarebbero le condizioni per processare i governi in quanto colpevoli di «alto tradimento» degli interessi e della sicurezza dei cittadini.
La miseria economica, il disagio sociale, la crisi della sanità, dei servizi, della formazione sempre più diffuse in Italia e in Europa per difendere e finanziare i Quisling dell’Ucraina costituiscono una prova assai chiara della inadeguatezza, della corruzione, della menzogna che guidano le classi dirigenti del Continente, compreso il governo Meloni. Perché, ad esempio, non ci sono soldi per il bonus edilizio, per l’assunzione di medici negli ospedali, per la ricerca universitaria, per gli edifici scolastici, e invece ci sono (molti) danari per inviare armi e ogni altro strumento di guerra all’Ucraina?
Gli inventori di una Ucraina «democratica» – si tratta in realtà di uno degli stati europei più autoritari e corrotti, con radici e simpatie nazionalsocialiste – si affannano a riempirla di armi e di denaro con il rischio di portare a distruzione l’Europa. Se l’aggressore operativo è la Russia, il vero aggressore strategico è la NATO, che venendo meno agli accordi di Minsk ha ampliato il proprio controllo sull’Europa sino ai confini della Russia. È come se quest’ultima ponesse le sue basi nucleari in Canada o nel Messico. Inaccettabile.

[L’espansione della NATO dal 1998 al 2022]

Gli Stati Uniti vogliono controllare ogni azione politica che accade nel mondo, non accettano neppure come ipotesi un pluriversalismo che limiti il globalismo unipolare che tendono a imporre all’intera umanità. Una prova linguistica e semantica di tale pretesa è l’affermazione che «la comunità internazionale» stia condannando e sanzionando la Russia. In realtà, i Paesi che si sono rifiutati di sanzionare la Russia rappresentano invece l’82% della popolazione mondiale.

E tutto questo per difendere «la libertà», la «democrazia»? No, tutto questo serve a organizzare, imporre e difendere un principio e un germe totalitario che consiste nella Gleichschaltung, nell’allineamento a una sola prospettiva, nella «soppressione dei modi di pensare dissidenti, l’eradicazione di ogni pensiero non coincidente con l’ideologia dominante» (Alain de Benoist, DL 371, p. 13).
Il totalitarismo non consiste  infatti soltanto e principalmente nei mezzi che si usano ma sta nello scopo per il quale si usano. Gli strumenti possono essere assai più leggeri rispetto a quelli utilizzati dai regimi totalitari del Novecento, «mezzi meno brutali, addirittura fatti per piacere e sedurre, che vanno di pari passo con l’adozione e un apparato di sorveglianza di un’ampiezza (e di un’efficacia) mai vista. Questo si chiama pensiero unico, e ogni progetto che punta ad imporre un pensiero unico è totalitario» (Ibidem).
Gli Stati Uniti d’America costituiscono una nazione nata dal peggio dell’Europa, prosperata con il genocidio e le guerre in tutto il pianeta. Una nazione distrutta dall’illusione multiculturalista e spenta dal Politically correct. Gli USA sono una democrazia apparente, sono una società iniqua e feroce.
La corsa a essere e a mostrarsi servi degli USA e della NATO, contro gli interessi dell’Europa e dell’Italia, è una delle massime espressioni della tragedia che l’Europa vive in questo nostro tempo. I decisori politici europei sono dei veri e propri traditori al servizio di una potenza straniera e nemica, che sta muovendo guerra all’Europa.
La Russia è stata sempre amica dell’Italia. L’ingratitudine spinta sino a fornire armi ai suoi nemici è una responsabilità inaudita del governo Draghi prima e di quello Meloni dopo. Tutto questo si spiega anche con l’idolatria televisiva, con la rinuncia al pensiero, con la Società dello Spettacolo. Una società stordita, inebetita, che scatta come un burattino alle parole d’ordine e alle menzogne dei media, primo dei quali la televisione. Nonostante tale controllo mediatico, il rifiuto della guerra è netto da parte della maggioranza dei popoli e dei cittadini europei. E questo ricorda il 1914. Governi e ceti dirigenti sono oggi come allora accecati da calcoli e fanatismi che portarono alla catastrofe l’Europa.
L’immagine sopra e quella qui sotto spiegano più di tante parole che cosa sia accaduto negli ultimi decenni., una proliferazione di basi statunitensi ovunque (800 sparse in tutto il mondo), che mette a rischio l’esistenza e l’autonomia della Russia e della Cina. Pensare che questo possa accadere senza che Russia e Cina si difendano è stoltezza politica.

[Le basi statunitensi in Asia e Oceania]

Gli Stati Uniti d’America e i loro alleati non hanno il diritto di parlare di pace, semplicemente.  Non ne hanno diritto perché la politica estera degli USA dal 1945 al presente è consistita in una serie ininterrotta di guerre. Ecco un elenco delle tante guerre che gli USA hanno scatenato, per non parlare dei colpi di stato contro Paesi sovrani, come il Cile del 1973:

 -Corea e Cina 1950-53 (Guerra in Corea)
– Guatemala (1954)
– Indonesia (1958)
– Cuba (1959-1961)
– Guatemala (1960)
– Congo (1964)
– Laos (1964-1973)
– Vietnam (1961-1973)
– Cambogia (1969-1970)
– Guatemala (1967-1969)
– Grenada (1983)
– Libano, Siria (1983, 1984)
– Libia (1986)
– El Salvador (1980)
– Nicaragua (1980)
– Iran (1987)
– Panama (1989)
– Iraq (1991) (Guerra del Golfo)
– Kuwait (1991)
– Somalia (1993)
– Bosnia (1994, 1995)
– Sudan (1998)
– Afghanistan (1998)
– Jugoslavia (1999)
– Yemen (2002)
– Iraq (1991-2003) (truppe Usa e UK insieme)
– Iraq (2003-2015)
– Afghanistan (2001-2015)
– Pakistan (2007-2015)
– Somalia (2007-2008, 2011)
– Yemen (2009, 2011)
– Libia (2011, 2015)
– Siria (2014-2015)

Per quanto riguarda l’Ucraina è ormai chiaro che il gasdotto che unisce la Germania alla Russia è stato distrutto da militari USA. Una gravissima azione di guerra attuata con modalità terroristiche.
E questo perché gli Stati Uniti d’America praticano la guerra contro l’Europa. Lo fanno da tanto tempo. Adesso l’hanno proprio dichiarata. La responsabilità maggiore è dell’Unione Europa, è dei ceti dirigenti europei di “destra” e di “sinistra” – compreso il governo italiano guidato da Giorgia Meloni – che non difendono i loro popoli da un nemico così implacabile, barbaro.
Tutto questo è espressione dell’Identità che tende a cancellare la Differenza. E invece l’essere, anche quello politico, è un gioco senza fine di Identità e Differenza, nel quale nessuno dei due poli cancella, può cancellare, l’altro. Pena la dissoluzione.

50 commenti

  • agbiuso

    Marzo 17, 2024

    Un realistico e appassionato discorso di Sahra Wagenknecht al Parlamento tedesco.
    Un discorso impossibile nel parlamento italiano, ancora più asservito e folle di quanto non lo sia il Bundestag.

    Video del discorso con la traduzione italiana (2 minuti e 32 secondi)

  • agbiuso

    Marzo 16, 2024

    Da: Souvenir d’Odessa
    il Simplicissimus, 16.3.2024

    Non è un caso che Washington abbia affidato a Macron il compito di fare il piccolo Napoleone tentando di spaventare la Russia: in quanto impiegato dei Rothschild è il più adatto a rappresentare l’angoscia esistenziale delle oligarchie europee di fronte a una devastante sconfitta in Ucraina che le spazzerebbe via ridando spazio a una concezione sociale d’Europa e ai suoi popoli.

  • agbiuso

    Marzo 15, 2024

    Da: Macron al ballo dei vampiri
    il Simplicissimus, 15.3.2024

    “È stata l’economia di carta che si è accartocciata di fronte a quella basata sulla produzione di beni reali”

  • agbiuso

    Marzo 10, 2024

    La stampa italiana – e occidentale in genere – è guerrafondaia e diffamatrice.
    Serva, insomma.

  • agbiuso

    Marzo 7, 2024

    Via dal pazzo Occidente
    il Simplicissimus, 7.3.2024

    Si chiude oggi a Soci il Festival Mondiale della Gioventù che è stato uno straordinario spettacolo che dimostra come la Russia stia diventando il Paese a cui guarda con speranza il Sud del mondo finora rapinato e umiliato dall’occidente. Nello scenario incredibile del parco delle scienze e delle arti annidato tra montagne innevate e il Mar Nero – realizzato per le olimpiadi invernali del 2014, mentre gli Usa e la signora Nuland ( in realtà Nudelman) stavano addestrando i cecchini di piazza Maidan – sono giunti oltre 20.000 giovani provenienti da oltre 180 nazioni, asiatici, africani e latinoamericani, così come dissidenti assortiti provenienti dal “giardino” occidentale ossessionato dalle sanzioni e dalla censura. Tra loro decine di educatori, dottorandi, attivisti del settore pubblico o della cultura, atleti, giovani imprenditori, scienziati, giornalisti, così come adolescenti dai 14 ai 17 anni, per la prima volta al centro di un programma speciale, “Insieme nel futuro”. Queste sono le generazioni che costruiranno l’avvenire comune del pianeta, non quelle che si accalcano davanti ai negozi di telefonini o quelle che si fanno attrarre da nazisti degenerati come Schwab o folli come Gates.

    Non meno di 300.000 giovani da tutto il mondo hanno fatto domanda per venire al festival, quindi, selezionarne poco più di 20.000, tra quelli che già spiccano per impegno nei loro Paesi è stata una vera impresa. Dopo il festival, 2.000 partecipanti stranieri si recheranno in 30 città russe per uno scambio culturale. Esattamente quello che Xi Jinping definisce “scambi tra le persone”. E difatti l’idea di una piattaforma per persone giovani, impegnate e molto organizzate, attratte dai valori che la Russia esprime ha permeato l’intero festival, in netto contrasto con le pubbliche relazioni artificiali e ossessionate dalla “società aperta” espressione assolutamente bugiarda poiché propone un modello unico e rigido, incessantemente venduto dalle solite fondazioni egemoniche del Nord America. Putin che ha tenuto il discorso di apertura è stato piuttosto tagliente nelle sue parole – riportate da Pepe Escobar – e ha sottolineato come vi sia una chiara distinzione tra i cittadini del mondo, compreso il Nord del mondo, e la plutocrazia occidentale intollerante ed estremamente aggressiva, mentre la Russia, si presenta come uno stato-civiltà multinazionale e multiculturale, che per principio accoglie tutti i cittadini del mondo.

    Insomma ancora una volta si delinea uno scontro tra modelli, uno che aspira ad essere realmente inclusivo e l’altro, quello occidentale, che fa dell’inclusività un pretesto per mantenere viva l’arroganza di fondo che esprime, proponendo modelli obbligatori che spesso non sono altro che un ribaltamento dei precedenti. Non è un caso che mentre a Soci si svolgeva il festival della gioventù la Nato ha lanciato l’ennesima esercitazione miliare questa volta comprendente le forze delle nazioni scandinave: alla fine il piano della guerra e della prepotenza è quello che caratterizza un Occidente ormai privo della capacità di comprendere il mondo che lo circonda e tira botte da orbi in giro. Per esempio al festival è stata lanciata da un intellettuale indiano, l’idea di una multipolarità asiatica che recuperi e valorizzi le differenze di questo enorme continente che peraltro raccoglie i due terzi dell’ecumene umano, una prospettiva assolutamente al di là delle semplicistiche categorizzazioni occidentali. Quelle che lo stanno trascinando a fondo.

  • agbiuso

    Marzo 6, 2024

    Da: Ucraina annientata: la Nuland si dimette
    il Simplicissimus, 6.3.2024

    Dopo 15 anni che questo personaggio si è occupato di animare il dossier Ucraina per arrivare attraverso una guerra alla dissoluzione della Russia, il risultato è disastroso e infame allo steso tempo: la Russia non è stata indebolita dalla guerra, anzi ha ritrovato un’unità di azione tale da indurre Washington a sbarazzarsi di quel delinquente di Navalny ormai totalmente inservibile da vivo, ma utile da morto per oscurare l’intervista di Carlson a Putin. Al contrario l’Ucraina, demograficamente devastata, non ha alcuna prospettiva di sopravvivere, se non come un paese arretrato senza sbocco sul mare controllato dalla Russia. Dato che sono stati spesi centinaia di miliardi di dollari per l’Ucraina, praticamente senza alcun controllo, molti pensano che Victoria e la sua famiglia, abbiano sicuramente fatto un po’ di soldi. E ci si chiede se qualcuna delle indagini in corso e quelle future sul buco nero dell’Ucraina la lascerò incolume.

  • agbiuso

    Marzo 3, 2024

    Gentile ministro Crosetto,
    e invece il genocidio dei bambini palestinesi a Gaza non costituisce “una grave violazione del diritto internazionale”? Gli Houthi attaccano le navi che contribuiscono a tale genocidio.
    Concordo con lei sul fatto che in Italia ci sia “un antimilitarismo diffuso”, che spero contribuisca a rendere più prudenti e ragionevoli i guerrafondai della Nato, compresi i guerrafondai italiani.

  • agbiuso

    Marzo 2, 2024

    Putin e la menzogna occidentale
    Il Simplicissimus, 2.3.2024/

    In mezzo alle sciocchezze isteriche dei leader dell’occidente che avvertono di essere galline e non faine come dice un proverbio basso tedesco, ci sono due notizie che prendono campo e che sono sinergiche, la prima è la scoperta di un documento del 2022 che rivela quali fossero i punti essenziali della pace tra Ucraina e Russia contrattati nella primavera di quell’anno. Essi – come rivela anche il Wall Street Journal con una faccia tosta da esposizione – non erano affatto punitivi per Kiev, ma secondo le stesse fonti ucraine, molto favorevoli: il Paese avrebbe conservato la sua sovranità e avrebbe potuto persino diventare membro dell’Ue. L’unica restrizione era quella di non aderire alla Nato e di porre alcuni limiti alle dimensioni delle sue forze armate. Quelle condizioni erano molto migliori di qualsiasi cosa l’Ucraina sarà in grado di ottenere in un negoziato futuro.

    L’idea che quel trattato di pace fosse molto punitivo per l’Ucraina era l’ennesima menzogna delle canaglie di Londra e Washington che avevano fatto saltare il tavolo della pace e causare così almeno mezzo milione di morti inutili in una guerra che riguarda non tanto l’Ucraina quanto la faccia dell’Alleanza occidentale che aveva visto saltare i propri piani di facile sconfitta della Russia attraverso le sanzioni. In fondo si è trattato e si tratta di una sorta di genocidio assistito come quello della Palestina. Il sangue gronda dal trono dell’impero. Questa circostanza rende abbastanza ridicola l’idea che i più stupidi personaggi del Washington consensus a cominciare dal lento e corpulento Lloyd Austin per arrivare all’esile Macron, cercano di far passare ossia che la Russia non si fermerà all’Ucraina e nel sostenere questo rischiano di portarci all’olocausto nucleare.

    Il secondo evento è quello del discorso alla Federazione russa di Putin che dopo aver messo in guardia la Nato dal tentare avventure che sono già state perdenti in passato (il riferimento è a Napoleone e Hitler) ha rivendicato la potenza delle armi avanzate con le quali Mosca può colpire dovunque. Il leader del Cremlino ha mandato un messaggio chiarissimo: ha fatto comprendere come non ci sarà modo di piegare la Russia e di evitare l’Armageddon:

    “Il cosiddetto Occidente, con le sue pratiche coloniali e la sua propensione a provocare conflitti etnici in tutto il mondo, non solo cerca di impedire il nostro progresso, ma immagina anche una Russia che sia uno spazio subalterno, in declino e morente dove possono fare ciò che vogliono. In realtà, vogliono replicare in Russia ciò che hanno fatto in numerosi altri paesi, tra cui l’Ucraina: seminare discordia in casa nostra e indebolirci dall’interno. Ma si sbagliava e ciò è diventato evidente ora che si sono scontrati con la ferma determinazione e determinazione del nostro popolo multietnico.
    Insieme, come cittadini russi, saremo uniti in difesa della nostra libertà e del nostro diritto a un’esistenza pacifica e dignitosa. Tracceremo la nostra rotta, per salvaguardare la continuità delle generazioni e quindi la continuità dello sviluppo storico, per affrontare le sfide del futuro sulla base della nostra visione del mondo, delle nostre tradizioni e valori che vogliamo trasmettere ai nostri figli.”

    Si può apprezzare o meno, ma non c’è alcun dubbio che siamo mille miglia distanti dai balbettii ottusi e infantili dei leader occidentali il cui unico obiettivo è quello di non apparire perdenti, altrimenti il resto del pianeta potrebbe dubitare non solo della forza, ma della bontà di quel sistema di rapina chiamato neoliberismo. Sono personaggi per i quali il napoletano ha l’espressione giusta: “omm’ e niente”, gente da nulla, ma detto con più disprezzo. Io dico che è una vergogna essere governati da questi nani da giardino stupidi e incattiviti.

  • agbiuso

    Febbraio 21, 2024

    Segnalo un’eccellente analisi di Leonardo Mazzei sulla condizione di guerra nella quale la nostra specie sta precipitando, sulle sue radici, modalità, possibili sviluppi.

    Terza guerra mondiale
    Sollevazione, 13.2.2024

    Versione pdf dell’articolo

  • agbiuso

    Febbraio 20, 2024

    Navalny. Le 5 domande a cui la propaganda occidentale non può rispondere
    di di Marinella Mondaini e Diego Siragusa
    L’AntiDiplomatico, 20.2.2024

    Era prevedibile: il nazista, razzista, omofobo e xenofobo, agente provato della CIA e del Servizio segreto britannico pagato per sovvertire la Russia, era l’eroe dell’Occidente, il suo paladino. Il primo ignobile commento per la morte di Navalny è arrivato dal signor Sergio Mattarella, portavoce della Nato:

    “La morte di Aleksej Navalnyj nel carcere russo di Kharp rappresenta la peggiore e più ingiusta conclusione di una vicenda umana e politica che ha scosso le coscienze dell’opinione pubblica mondiale. Per le sue idee e per il suo desiderio di libertà Navalnyj è stato condannato a una lunga detenzione in condizioni durissime. Un prezzo iniquo e inaccettabile, che riporta alla memoria i tempi più bui della storia. Tempi che speravamo di non dover più rivivere. Il suo coraggio resterà di richiamo per tutti. Esprimo alla famiglia di Aleksej Navalnyj il cordoglio e la vicinanza della Repubblica italiana”.

    Quest’uomo per mesi ha taciuto sul massacro di palestinesi a Gaza e in Cisgiordania, non ha mai pronunciato le parole “cessate il fuoco subito” ma non ha perso un secondo per mostrare la sua personalità completamente disanimata e servile al centro dell’impero.

    Senza attendere l’esame autoptico, i pretoriani della disinformazione non hanno avuto dubbi: E’ STATO UCCISO DA PUTIN. Sono gli stessi sepolcri imbiancati che hanno taciuto sulla morte in carcere del giornalista statunitense Gonzalo Lira, arrestato e torturato dagli ucraini per i suoi articoli in favore della Russia. Un’altra prova suprema della politica dei due pesi e due misure.

    Esaminiamo le circostanze della morte di Navalny. Ci sono le prove e le registrazioni che Navalny era un nazista, un razzista dichiarato. Nel suo blog compare dichiarando che i musulmani sono scarafaggi da schiacciare; si mostra con una ciabatta e una paletta in mano. Se non basta – dice – allora usate la pistola. Altri cortometraggi lo mostrano alla testa di cortei di nazisti con le svastiche e i saluti romani. Provato che era finanziato dagli USA, dagli inglesi e dalla Nato, come documenta un video realizzato dagli agenti russi e diffuso da Massimo Mazzucco. Era in carcere condannato per vari reati e da anni non si parlava più di lui, dimenticato. Perché Navalny era in una prigione russa? La sua avventura giudiziaria era cominciata nel 2013. Furto di legname dello Stato e poi denunciato dall’azienda francese Yves Rocher Vostok LLC e Multidisciplinary Processing Company LLC, con l’accusa di aver commesso un furto con l’inganno di fondi appartenenti alle suddette aziende, nonché di riciclaggio di denaro. Non fu accusato da Putin, ma da un’azienda francese! Poi gli altri guai arrivarono dopo, quando fu reclutato dagli agenti dei servizi segreti occidentali. E proprio adesso, durante l’Operazione speciale russa in Ucraina, con tutto il paese che sostiene Putin, oltre l’80%, con le imminenti elezioni presidenziali, giovava forse a Putin ucciderlo?

    Sic stantibus rebus, occorrono alcune domande di natura logica:

    1) che interesse aveva Putin a ordinare la morte di un nazista delinquente a pochi mesi dalle elezioni presidenziali dove egli è candidato?

    2) che interesse aveva Putin dove l’intervista con Tucker Carlson che sta facendo il giro del mondo e mostra la sua statura di vero statista, colto e avveduto?

    3) che interesse aveva Putin nel momento in cui la Russia sta vincendo la guerra e che la vittoria imminente metterà alle corde la Nato e tutto l’Occidente collettivo?

    4) che interesse aveva Putin a danneggiare se stesso e il suo paese, nel momento in cui l’economia russa, nonostante le sanzioni, chiude il 2023 con un PIL che registra un + 3.6 mentre le economie occidentali segnano il passo?

    5) che interesse aveva Putin a offrire ai nemici della Russia su un piatto d’oro un’occasione per colpire la sua reputazione?

    Lo scrittore russo, ora cittadino italiano, Nikolai Lilin ha dato la risposta, logica e assoluta: NESSUN INTERESSE. Anzi: Putin aveva tutto l’interesse a tenerlo vivo e in buona salute. I lettori osservino attentamente: questo “incidente” avviene in Russia a pochi mesi dalle elezioni presidenziali; allo stesso modo la storia misteriosa di Skripal, l’ex agente russo passato ai servizi segreti inglesi e “avvelenato” col gas nervino, battezzato «Novi?ok», insieme alla figlia, avvenne il 4 marzo 2018. Anche in quel caso, poco prima delle elezioni presidenziali in Russia. CHE STRANA COINCIDENZA!!! Gli Skripal, cittadini inglesi e non solo protetti, ma anche ben nascosti dai Servizi britannici, dopo la fugace apparizione della figlia Julia in un video del 23 maggio 2018 e diffuso dalla BBC, sono totalmente scomparsi dalla «realtà tangibile». L’unica notizia, che dava da intendere che fossero ancora vivi, risale al giugno 2020: «padre e figlia, sotto nuovo nome e nuovi documenti sono andati a vivere in Nuova Zelanda». L’ordine comprende anche quello di stracciare ogni tipo di contatto con i parenti in Russia e, va da sé, anche con la stampa. Un’operazione perfetta per piegare chi era ancora riluttante a spingere la macchina da guerra occidentale contro la Russia. Anche Navalnij era stato «avvelenato da Putin» e anche qui la storia non sta in piedi.

    Tutti sanno in Russia, grazie a vari istituti demoscopici, che solo il 3% dei cittadini sapeva e sa chi era Navalny: un teppista, un traditore del suo paese che riceveva soldi dalla CIA per sovvertire il suo paese e consegnarlo ai suoi nemici.

    L’atto più ignobile fu compiuto dal Parlamento Europeo. Durante la cerimonia svoltasi il 15 dicembre Daria Navalnaya, figlia di Alexei Navalny, ricevette il premio Sacharov del Parlamento europeo a nome del padre detenuto. Fu esaltato come «attivista russo, che lotta strenuamente contro la corruzione e le violazioni dei diritti umani da parte del Cremlino». Un nazista, razzista, xenofobo e omofobo che invitava i suoi concittadini a uccidere i musulmani e gli emigranti paragonati agli scarafaggi insignito di un premio per i diritti umani? Dobbiamo elencare altre prove dell’abominio dell’Occidente e del suo incontrollato cinismo?

  • agbiuso

    Febbraio 18, 2024

    Tutte le forze politiche italiane unite nell’elogio di un nazistoide finanziato dalla CIA. Pur di criminalizzare la Russia. Italia, una perfetta colonia dell’impero USA.

  • agbiuso

    Febbraio 17, 2024

    Ha stato Putin… disperati dopo la conquista di Adveeka
    il Simplicissimus, 17.2.2024

    Ci vuole proprio una grammatica analfabeta per parlare dell’ipotesi che circola tra la betise internazionale, secondo cui sarebbe stato Putin ad uccidere Navalny, un fascistoide violento, truffatore di professione tanto da aver raggirato una notissima azienda francese della moda, che per alcuni anni è stato spacciato come l’oppositore del presidente russo, ma che in realtà esisteva solo nell’informazione occidentale, che non mai avuto alcun rilievo nelle battaglie elettorali e di cui l’80 per cento dei russi ignorava l’esistenza. Perché mai Putin dovrebbe ledere la propria immagine per far fuori una nullità, che semmai avrebbe potuto eliminare molti anni fa? Una nullità che tra l’altro gli faceva gioco, perché poteva mostrare ai cittadini russi di che pasta sono fatti gli uomini della quinta colonna americano? Chi può essere così stupido da credere una cosa del genere? Eppure se questa favola è stata creata, ci sarà più di qualcuno con facoltà talmente limitate da cadere in questa sciocca trappola.

    D’altro canto ci voleva assolutamente qualcosa che facesse parlare d’altro rispetto alla caduta di Adveeka, la città fortezza abbandonata precipitosamente dai reparti di fanatici nazisti che hanno lasciato le truppe “normali”, già circondate e con molti feriti, a cavarsela da sole dopo aver subito catastrofiche perdite che si aggirano sugli 11 mila uomini. La criminalizzazione di Putin che sfrutta sempre la fola del regime illiberale e non democratico che viene appiccicata al Cremlino grazie al ricordo dell’Unione sovietica, è l’estremo tentativo di Biden. lui sì un vero criminale di guerra, per ottener i soldi per l’Ucraina che probabilmente a questo punto fanno più che altro parte di un vasto sistema corruttivo nel quale sono implicati anche le amministrazioni e i governi occidentali. Ma è chiaro che le accuse a Putin sono sciocchezze infantili di un occidente si rimbambinisce, però se proprio volte sapere qualcosa di questo Navalny, un tipico prodotto americano come lo sono quasi tutti questi “oppositori” artificialmente creati, eccovi una serie di link nei quali di volta in volta avevo focalizzato questo repellente personaggio:

    https://ilsimplicissimus2.com/2017/03/28/il-nostro-agente-a-mosca-battaglia-navalny/
    https://ilsimplicissimus2.com/2017/06/14/identikit-di-un-libertario-made-in-cia/
    https://ilsimplicissimus2.com/2017/04/04/san-pietroburgo-i-complotti-degli-anticomplottisti/
    https://ilsimplicissimus2.com/2018/02/27/putin-e-loccidente-dei-criminali-vittimisti/
    https://ilsimplicissimus2.com/2021/01/20/novichok-e-il-ballo-della-steppa/
    https://ilsimplicissimus2.com/2021/05/27/atterraggio-forzato-151492/
    https://ilsimplicissimus2.com/2022/05/10/il-bono-il-brutto-e-il-cattivo/
    E’ facile vedere come sia sempre la stessa cosa, tanto da indurre il sospetto che Navalny ,ormai un personaggio completamente inutile dopo l’inizio dell’operane speciale, sia stato fato fuori dai servizi occidentali. Non sarebbe certo la prima volta.

    Ma il terribile regime di Putin che viene sempre ribadito senza mai fornire una ragione per cui dovrebbe esserlo, avendo più o meno le stesse regole e meccanismi delle vantate democrazie occidentali. è quasi niente in confronto ai regimi occidentali che ormai sono decisi a togliere ogni diritto di parola ai cittadini: in Francia sotto la guida di Macron, l’Assemblea nazionale ha approvato una legge che dispensa multe e galera a chi osa invitare la gente a non vaccinarsi, ecco il testo di questo capolavoro di tirannide sanitaria:

    È punita con un anno di reclusione e un’ammenda di 15.000 euro la provocazione ad abbandonare o ad astenersi dal seguire un trattamento medico terapeutico o profilattico, allorché tale abbandono o astensione venga presentato come benefico per la salute delle persone interessate quando invece, allo stato delle conoscenze mediche, ciò sia chiaramente suscettibile di comportare gravi conseguenze per la loro salute fisica o psicologica, tenuto conto della patologia di cui soffrono.
    È punibile con le stesse sanzioni la provocazione ad adottare pratiche presentate come aventi scopo terapeutico o profilattico nei confronti delle persone interessate allorché è evidente, allo stato delle conoscenze mediche, che tali pratiche espongono le stesse ad un rischio immediato di morte o di lesioni tali da comportare mutilazioni o invalidità permanente.
    Quando alla provocazione prevista dai primi due commi abbiano fatto seguito gli effetti, le pene sono aumentate a tre anni di reclusione e a 45.000 euro di multa.
    Quando tali reati siano commessi attraverso la stampa scritta o audiovisiva, per quanto riguarda l’individuazione dei responsabili si applicano le specifiche disposizioni delle leggi che regolano la materia.
    A questo punto altro che regime di Putin: il Paesi occidentali dovrebbero sciacquarsi la bocca prima di parlare della Russia o di qualsiasi altro regime. E altro che Navalny, questi sono assassinio seriali.

  • agbiuso

    Febbraio 8, 2024

    Costituzione della Repubblica Italiana
    Articolo 11
    “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”.

    Il Parlamento italiano, il governo, le massime istituzioni della Repubblica continuano a tradire la Costituzione:

  • agbiuso

    Gennaio 10, 2024

    Ma certo, ministro Crosetto.
    Come si suol dire, finché c’è guerra c’è speranza per la grande industria/finanza bellica e per i suoi servitori politici.

  • agbiuso

    Gennaio 3, 2024

    Da: Come lo Yemen ha cambiato tutto
    di Pepe Escobar, l’AntDiplomatico, 3.1.2024

    Il movimento di Resistenza dello Yemen, Ansarallah, ha detto chiaramente che qualsiasi nave affiliata a Israele o destinata a Israele sarà intercettata. Mentre l’Occidente se ne stizzisce e si immagina di essere un bersaglio, il resto del mondo comprende perfettamente che tutte le altre navi sono libere di passare. Le petroliere russe – così come le navi cinesi, iraniane e del Sud Globale – continuano a muoversi indisturbate attraverso Bab al-Mandeb (punto più stretto: 33 km) e il Mar Rosso.

    Solo l’Egemone è turbato da questa sfida al suo “ordine basato sulle regole”. È indignato dal fatto che le navi occidentali che forniscono energia o beni a Israele, violatore delle leggi, possano essere ostacolate e che la catena di approvvigionamento sia stata interrotta e gettata in una crisi profonda. L’obiettivo individuato è l’economia israeliana, che sta già subendo una pesante emorragia. Una singola mossa yemenita si rivela più efficace di un torrente di sanzioni imperiali.

  • agbiuso

    Dicembre 16, 2023

    Che profonda tristezza la decadenza dell’Europa, mia madre.
    “Con un presidente come questo la Francia può fare solo ciò che ordinano gli Usa ed è dunque del tutto inutile rivolgersi al personale di servizio che non ha alcuna autonomia, ma ogni tanto apre la bocca per fingere di averla”.

    Da Il patetico Macron e la sua Francia di Vichy
    il Simplicissimus, 16.12.2023

  • agbiuso

    Novembre 29, 2023

    Da: De profundis per l’Europa
    il Simplicissimus, 28.11.2023

    “In poche parole hanno scatenato l’inferno senza avere la minima idea di ciò che stavano facendo, alla luce solo di una tradizione russofobica che ha portato a sottovalutare in maniera catastrofica l’avversario. E adesso che il più forte esercito messo in piedi dall’occidente è stato sconfitto, anzi praticamente eliminato, non credono ai loro occhi, non sanno davvero cosa fare, forse sperano di poter riallacciare rapporti brutalmente troncati facendo finta di cercare qualche accordo o addirittura fingendo pentimento. Ma per l’Europa il dado è tratto, è già nel limbo della storia fino alla sua dissoluzione.

  • agbiuso

    Novembre 19, 2023

    “Ma la profferta degli Stati Uniti alla Cina nasconde una novità: anche l’establishment meno retrivo di Washington ha ormai preso coscienza che il mondo unipolare, con gli Usa come unica potenza mondiale, non ritornerà più.

    A seppellirlo definitivamente è stata proprio la guerra ucraina, che avrebbe dovuto piegare la Russia e invece ha gettato nel cestino della storia tale sogno egemonico, che nel corso del conflitto è stato ribadito come un mantra nella nuova formulazione di una lotta esistenziale per rilanciare “l’ordine mondiale basato sulle regole” (ovviamente made in Usa). Non gli è andata bene, anzi”.

    Da “La sconfitta della Russia?” I primi importanti media Usa si arrendono formalmente
    L’AntiDiplomatico, 19.11.2023

  • agbiuso

    Novembre 13, 2023

    “Per non isolare del tutto il duce di Kiev e fare qualcosa che possa risollevare il morale de regime, la Commissione europea ha concluso questa settimana che l’adesione dell’Ucraina all’UE è un argomento di discussione. Tuttavia, quasi nessuno dubitava che ci si potesse aspettare qualcosa di intelligente da Ursula von der Leyen la quale è arrivata a dire che l’Ucraina ha fatto il 90% dei suoi compiti per soddisfare i criteri dell’UE: immagino che essi siano sopprimere i partiti politici, revocare qualsiasi libertà di espressione, cancellare le elezioni e fare mostra di razzismo e xenofobia”

    da La favola sta finendo e si prepara il golpe a Kiev
    il Simplicissimus, 13.11.2023

  • agbiuso

    Ottobre 6, 2023

    Il Burevestnik è una realtà. E ora dove andranno a nascondersi?
    il Simplicissimus, 6.10.2023

    “L’influenza occidentale nel mondo è un immenso schema piramidale militare e finanziario che ha costantemente bisogno di più “carburante” per sostenersi, con risorse naturali, tecnologiche e umane che appartengono ad altri. Questo è il motivo per cui l’Occidente semplicemente non può e non si fermerà. I nostri argomenti, ragionamenti, appelli al buon senso o proposte sono stati semplicemente ignorati”. Queste sono le parole pronunciate da Putin al Valdai club dove si riunisce l’ altra economia del mondo. Un discorso diretto e lucido e anche drammatico che tuttavia nello stesso giorno è stato accompagnato da una prova di forza: Putin ha annunciato il successo nel test del missile da crociera intercontinentale a propulsione nucleare Burevestnik.

    Gli americani che non riescono a realizzare nemmeno un missile ipersonico, si sono illusi che la Russia avesse fallito e avevano parlato di test “infruttuosi” tra il 2017 e il 2019. cercando di spacciare il loro desideri per realtà e invece adesso eccolo il Burevestnik pronto a essere parte integrante della difesa nucleare russa e con a bordo armi armi atomiche di estrema potenza. Si tratta in buona sostanza di un ordigno a gittata illimitata che può rimanere in volo diversi giorni il cui compito principale è quello di spazzare via le restanti installazioni militari della Nato in caso di conflitto globale e assicurarsi che i criminali e le loro famiglie che hanno scatenato la Terza Guerra Mondiale non possano nascondersi e salvarsi. Così ora debbono deselezionare le caselle per la Nuova Zelanda e Patagonia come luoghi in cui i neoconservatori e la loro cabala possono salvarsi, cosa che peraltro nemmeno nascondono, vantandosi dei loro nascondigli. Saranno inesorabilmente raggiunti e vaporizzati, visto che i loror sudditi rincoglioniti da anni di american shit che hanno fatto passare per imperdibili sheet, non sembrano intenzionati ad usare la cara vecchia corda che fa tanta paura ai tiranni. E non è lontano il giorno in cui se ne dovranno pentire amaramente.

  • agbiuso

    Ottobre 5, 2023

    “Il Regno Unito consiglia agli Stati Uniti di intensificare, poiché il Regno Unito è bloccato in fantasticherie imperiali del XIX secolo. I neocon degli Stati Uniti sono bloccati nella loro spavalderia imperiale. Urgentemente, menti più fredde devono prevalere”.

    Da Jeffrey Sachs – I 4 eventi che infrangono le speranze neocon di un’ulteriore espansione della NATO verso est
    l’AntiDiplomatico, 5.10.2023

  • agbiuso

    Settembre 28, 2023

    Tutto è perduto fuorché la confusione
    il Simplicissimus, 28.9.2023

    La Russia produce ormai ogni anno 2 milioni di proiettili da 152, quelli classici per l’artiglieria, mentre gli Usa alla massima capacità ne possono produrre 360 mila. Tutto questo ci dice molte cose, anche se sembra un dato circoscritto o marginale: la cosa più importante è che l’appoggio occidentale all’Ucraina non potrà che declinare nel tempo, lo si voglia o meno, mentre le capacità russe non potranno che aumentare. Ci dice anche, indirettamente, che l’occidente pensava sarebbe stato facile avere ragione della Russia, che sarebbe bastato spostare un semplice elemento per innescare il crollo, come accade per quel gioco delle quelle torri costruite con tasselli di legno di cui ora non ricordo il nome. Quindi non ha ritenuto di prepararsi adeguatamente alla guerra, mai pensando che la Russia avrebbe potuto non solo resistere, ma fare barba e capelli agli occidentali.

    Ci parla in maniera eloquente anche, se non soprattutto, della totale e pericolosa confusione che regna tra fazioni opposte del potere occidentale che da una parte suggeriscono di mettere fine a un conflitto già perso e nel quale un intero popolo viene costretto a un inutile massacri e dall’altra invece si tenta di estende il conflitto alla Moldavia e al Caucaso come abbia visto bei giorni scorsi e come vediamo dall’enorme fila di abitanti del Nagorno che cercano di raggiungere l’Armenia del traditore Nikol Pashinyan. Ci dice infine che la Polonia sta assumendo il ruolo centrale in tutto questo, rappresentando alla perfezione il dramma occidentale e i suoi dilemmi. Vessillifera della russofobia sta però litigando con Zelensky, non vuole più mandare armi a Kiev, non farà passare il grano per difendere la propria agricoltura e forse si prepara ad occupare parte del territorio ucraino: una vittoria dei nazisti è ormai fuori questione anche perché le guerre non si vincono con le balle dei giornali mentre la Russia si è molto rafforzata e a oggi ha l’unico esercito che abbia esperienza diretta di una vera guerra con le tecnologie attuali, mentre la Nato che ha sempre pianificato e diretto le azioni ucraine, non sa proprio da dove cominciare e si dedica ad attacchi terroristici, come ormai interpretasse essa la parte dei talebani come se fosse dall’altra parte rispetto al ruolo che ha sempre giocato.

    Conviene a Varsavia essere oltranzista come nell’anno e mezzo appena trascorso? Tanto più che i sondaggi d’opinione indicano che più dell’80% dei cittadini polacchi sono contrari a ulteriori aiuti all’Ucraina e che – scandalo al sole – non sono nemmeno tanto russofobi e hanno un atteggiamento generalmente amichevole nei confronti dei russi. Forse si è fatta strada nei dirigenti di Varsavia l’idea che la Polonia non sia esattamente una fraterna amica degli Usa che può ricavare bottino dall’avventurismo di Washington e dalla sua ossessione nei confronti della Russia, ma che possa essere la prossima vittima sacrificale degli Usa. Questo non posso saperlo anche se la storia mi dice che i polacchi da 400 anni sbagliano tutte le mosse e che il periodo di splendore della corte polacca fu dovuto al matrimonio di Sigismondo il Vecchio con Bona Sforza d’Aragona, duchessa di Bari figlia di Gian Galeazzo e Isabella d’Aragona che diede alla Polonia un respiro europeo, non solo nella cultura e nell”architettura, ma anche grazie a tre figlie che divennero regine rispettivamente di Polonia, Ungheria e Svezia. Poi tutto questo si è dissolto. Ma basta con la storia dalla quale mi lascio sempre trascinare.

    Può anche darsi che l’occidente stia usando la Polonia – che può rivendicare le stragi fatte dagli ucraini durante la seconda guerra mondiale – come apripista per cominciare a svicolare da una guerra che ha già perso e cacciare Zelensky dopo averlo accusato di ogni cosa possibile: sarebbe la cosa più ovvia, ma ci sono forti resistenze che derivano probabilmente dalle elite di potere che ci hanno regalato la pandemia e le cazzate climatiche le quali si rendono conto che darla vinta alla Russia significa rinunciare al globalismo, dopo aver distrutto gli Stati e in qualche modo l’origine del loro stesso potere. Si sente quasi lo stridore della lotta intestina e i grugniti allarmati di Schwab: Roma aveva le oche, l’ Ue i maiali.

  • agbiuso

    Settembre 24, 2023

    “I leader politici europei hanno agito contro gli interessi del loro popoli per placare l’agenda guerrafondaia di Washington e soddisfare le insaziabili richieste del regime nazista di Kiev di aiuti militari e finanziari. Si stima che i contribuenti europei abbiano foraggiato i banditi ucraini per un importo di almeno 90 miliardi di dollari, che è comunque una cifra ridotta se si pensa alle enormi perdite dovute all’abbandono delle fonti energetiche russe a basso costo che stanno spingendo l’intero continente fuori dal mercato”

    Comincia da Varsavia la crisi dell’Ue
    Il Simplicissimus, 23.9.2023

  • agbiuso

    Settembre 23, 2023

    Il recente discorso del Ministro degli esteri russo Lavrov al Consiglio di Sicurezza dell’ONU mi sembra assai lucido nell’indicare le radici del conflitto in Ucraina, gli ostacoli alla pace, il suprematismo atlantista e il razzismo diffuso nell’Occidente.
    Il sito Il Simplicissimus lo ha tradotto in lingua italiana, visto che i media non ne hanno dato notizia.

    ============

    Il discorso di Lavrov che chiude la bocca all’occidente
    il Simplicissimus, 21.9.2023

  • agbiuso

    Settembre 4, 2023

    Eh sì, il collega Vincenzo Costa (professore di filosofia teoretica all’Università San Raffaele di Milano) ha ragione: l’informazione italiana, quella alla quale si abbeverano milioni di cittadini spettatori, di videosudditi, è precipitata a un livello assolutamente infimo.

  • agbiuso

    Luglio 31, 2023

    Ecco – inesorabili, ipocriti, giustificazionisti di ogni violenza – arrivano anche i valori del ministro italiano della guerra Crosetto. Non potevano mancare.

  • agbiuso

    Luglio 24, 2023

    Un breve intervento di Alessandro Orsini

    ===============
    Pietà per l’Ucraina

    Siccome Richard Moore, il capo dell’MI6, i servizi segreti esteri britannici, vaga alla ricerca di un perché, vorrei chiedere gentilmente al Corriere della Sera di fargli pervenire questa mia missiva umanitaria mentre Odessa è sotto le bombe: “Caro Richard Moore, mi chiamo Alessandro Orsini, sono un pacifista italiano. Vorrei tranquillizzarla. Lei non ha nessuna possibilità di umiliare Putin. Se andasse allo scontro con la Russia, l’Inghilterra sarebbe rasa al suolo in un secondo giacché l’Inghilterra ha circa 200 testate nucleari e la Russia oltre 6000. Eliminati i complessi di superiorità del blocco occidentale, la realtà le apparirà evidente: il massimo che il re inglese possa fare a Putin è portargli la colazione a letto con Boris Johnson a spalmare pane e marmellata a profusione. Moore, amico mio, sveglia, non siamo nel settembre 1939. Questa è l’era nucleare. L’Ucraina si trova in questa tragica situazione a causa di una classe dirigente europea che nella testa ha un criceto che gira nella ruota. Il fatto che i leader inglesi abbiano pensato, senza un briciolo di umanità, di poter distruggere la Russia per mezzo dell’Ucraina fornisce una misura precisa di quanto sia urgente che l’Europa vada in super produzione di cervelli e non di proiettili”.

  • agbiuso

    Luglio 12, 2023

    Semplici e limpide constatazioni per chiunque legga la storia contemporanea sine ira et studio, guardando agli eventi e al loro significato.
    Intervento della Deputata tedesca Sevimd Dagdelen, del partito Die Linke (La Sinistra), al Parlamento europeo.

  • agbiuso

    Luglio 11, 2023

    Una volgarità e un’arroganza sconfinate. Gli dèi accecano coloro dei quali decretano la rovina:
    Videocronologia NATO

  • agbiuso

    Luglio 6, 2023

    L’ucrainizzazione dell’Europa
    Simplicissimus, 6.7.2023

    “I nazisti ucraini quando vennero tirati fuori al congelatore dove Washington gli aveva conservati per decenni, per costituire formare il nerbo dei governi fantoccio di Kiev, cantavano ” l’Ucraina è Europa”, ma sta diventando sempre più evidente che la tendenza è esattamente quella opposta perché l’Europa è oggi una grande Ucraina. Cosa hanno in comune queste due entità? Fino a una ventina di anni fa quasi nulla, oggi molte cose. Per esempio l’interruzione delle fonti energetiche fondamentali dalla Russia, il paese più ricco di risorse del mondo: senza di esse sia gli ucraini che gli europei stanno rapidamente perdendo il loro status di nazioni sviluppate e industrializzate, ma l’Europa è stata in grado di trovare sostituti solo per circa la metà del gas naturale che aveva perso prima con le sanzioni e definitivamente quando gli americani hanno fatto saltare in aria il gasdotto del Mare del Nord e il gas che riesce ad ottenere dagli Usa ha un prezzo esorbitante, circa quattro volte il prezzo russo. E non detto che siano forniture sicure e costanti. Dato che il gas di scisto negli Stati Uniti sta raggiungendo il picco, e perciò quella metà potrebbe facilmente trasformarsi in una frazione molto più piccola.

    Non solo, sia l’Ucraina che l’Europa ( Francia compresa ) dipendono dal combustibile nucleare russo e dalle competenze tecniche di Rosatom per mantenere in funzione il loro numero sempre più ridotto di centrali nucleari, mentre dipendono dalla Cina per tutto ciò che ha a che fare con le installazioni di energia eolica e solare, nessuna delle quali può servire come sostituto di fonti energetiche tradizionali a causa del problema dell’intermittenza e imprevedibilità della produzione. Dunque la prima analogia è proprio l’incombente carenza di energia.

    Ma c’è anche altro. L’Ucraina ha una popolazione di lingua russa molto numerosa , la parte più altamente concentrata della quale nella regione del Donbass ha rifiutato di avere qualcosa a che fare con il governo ucraino nazionalista che gli americani hanno installato a Kiev nel 2014, dando luogo a una vera e propria guerra civile che ha covato per otto anni prima di portare a una conflagrazione a piena forza. L’Europa da parte sua, come vediamo bene in questi giorni ha problemi non molto diversi: ormai una vasta popolazione proveniente da cultura molto diverse che non vuole non vuole avere niente a che fare con i governi centrali di Parigi o Berlino, per non parlare dei burocrati non eletti di Bruxelles. Gran parte di questa popolazione proviene da paesi che sono stati devastati dagli Stati Uniti, e talvolta dagli sforzi congiunti di Usa e Nato, per diffondere “libertà e democrazia” in stile americano. Disprezzano i nativi europei e, essendo abituati a soffrire sotto le amministrazioni coloniali bianche, vedono i governi occidentali un prolungamento di quella storia. I coloni bianchi hanno saccheggiato le loro terre d’origine e ora sono essi a non rispettare il Paese in cui vivono.

    D’altro canto le varie politiche di accoglienza e integrazione sono state segnate da atteggiamenti ipocriti, poiché l’apertura alle migrazioni è stato funzionale alla lotta di classe al contrario, permettendo di abbassare i salari, di comprimere i diritti del lavoro e di far diventare “normale” la precarietà. In seguito, una volta ottenuto il primo scopo, le forze globaliste hanno trovato un doppio vantaggio nel favorire o anche provocare queste migrazioni: sottraggono braccia e cervelli ai Paesi che sfruttano senza ritegno mentre collaborano a far decadere il senso delle comunità stata e nazionali, provocando quello sradicamento generale che è il presupposto del globalismo. Così è evidente che la seconda grande analogia tra Ucraina ed Europa è che la prima è segnata dalla ribellione dei separatisti russi, la seconda dalla ribellione dei migranti che sono rimasti sostanzialmente estranei alla società in cui vivono. C’è anche una terza analogia: come il regime di Kiev cerca di mettere in scena l’esistenza di una propria autonomia rispetto agli Usa e alla Nato, anche i pagliacci del milieu politico europeo dell’Europa occidentale fingono di avere voce in capitolo e di volere una guerra che è la rovina dei loro Paesi. In realtà il continente e stato rapito e violentato come narra la mitologia, da chi si crede il re degli dei”

  • agbiuso

    Giugno 26, 2023

    Il 24 giugno a sgretolarsi è stata la propaganda sul conflitto in Ucraina
    di Alberto Fazolo
    26.6.2023

    Il 24 giugno si è sgretolata la narrazione dominante sul conflitto in Ucraina. Non è ancora chiaro se quel giorno Prigozin e gli uomini della Wagner tentarono un golpe che naufragò o se la spedizione verso Mosca fosse solo un diversivo per poter prendere il potere nella regione di Rostov, che si trova in territorio russo, prossima al confine con l’Ucraina. Occupando Rostov e sottraendola al controllo di Mosca, Prigozin realizzò – anche solo per un giorno- quanto gli USA vanno auspicando da tempo, la “balcanizzazione” della Russia.

    La tecnica “divide et impera” è spesso stata usata da Washington risultando molto efficace. Riuscire a minare l’integrità territoriale della Russia sarebbe un colpo in grado di stravolgere in favore degli USA gli assetti geopolitici globali. La “balcanizzazione” della Russia è quindi un obiettivo prioritario per Washington, talmente importante da sacrificargli la possibilità di una vittoria militare ucraina.

    Ciò è emerso con evidenza lo scorso 24 giugno.

    La Wagner era in turnazione di riposo, si trovava nelle retrovie. Lungo tutta la linea del fronte era schierato esclusivamente l’esercito russo che dopo l’insubordinazione della Wagner si è trovato con le linee logistiche interrotte e circondato da forze ostili.

    La Wagner prese il controllo di Rostov occupando il quartier generale delle operazioni in Ucraina e uno dei più importanti aeroporti del conflitto, quello da cui partono i velivoli per la copertura aerea alle truppe di terra.

    In sintesi, il 24 giugno le forze russe in Ucraina si trovarono senza comando, prive di copertura aerea e circondate: sbaragliarle sarebbe stato semplicissimo.

    Per la prima volta l’Ucraina ha avuto la concreta possibilità di infliggere un durissimo colpo alle forze russe e di rovesciare le sorti dello scontro. Sarebbe stato semplice e rapido, bastava sferrare un attacco. Attaccando avrebbero potuto vincere non una battaglia, ma il conflitto. Eppure gli ucraini non lo hanno fatto, nonostante si trattasse di una occasione irripetibile.

    Non si è approfittato di questa opportunità perché a comandare le forze ucraine non è Kiev, ma Washington, nella cui scala di interessi la “balcanizzazione” della Russia è più importante della vittoria ucraina. Questo episodio ci mostra in maniera inequivocabile come per gli Stati Uniti l’obiettivo reale non sia la difesa dell’Ucraina, bensì il logoramento della Russia e la destabilizzazione dell’Europa. Gli USA sono pronti a combattere “fino all’ultimo ucraino” ma impedendogli di vincere.

    Una vittoria negata che è un vero tradimento.

    Da qui emergono due questioni. La prima è di natura etica e riguarda l’uso strumentale del popolo ucraino che stanno facendo gli USA, cioè la disinvoltura e la spietatezza con cui -per i propri esclusivi interessi- li mandano al massacro.

    La seconda è di natura politica: dato che ormai è evidente che l’obiettivo della guerra non è una vittoria militare di Kiev, dobbiamo dire chiaramente che il nostro coinvolgimento (in primo luogo con l’invio di armi) serve solo a fomentare il più ampio scontro globale e non a difendere l’Ucraina.

    A questo punto è palese che siamo di fronte ad una cinica manovra che prevede il sacrificio degli ucraini per l’esclusivo interesse degli USA, bisogna dirlo con chiarezza e rompere le ipocrisie. Chi ha a cuore il destino del popolo ucraino si deve opporre al criminale uso strumentale che se ne sta facendo, mandandoli al massacro con la promessa di una vittoria militare che in realtà non si vuole ottenere.

  • agbiuso

    Giugno 7, 2023

    Eloquente.

  • agbiuso

    Maggio 14, 2023

    Eh sì, i giornalisti hanno «toujours un maître, parfois plusieurs»
    (Guy Debord, Commentaires sur la société du spectacle, Gallimard 1992, § VII, p. 31).

  • agbiuso

    Aprile 25, 2023

    Da una parte le mummie dell’antifascismo istituzionale, dall’altra tutti coloro che difendono l’Italia e l’Europa dalla distruzione e amano INCONDIZIONATAMENTE le libertà (di parola, di dissenso, del corpo, di movimento, di cura di sé, di scrittura…) e la pace contro la guerra infinita degli Stati Uniti d’America e della NATO.

  • agbiuso

    Aprile 23, 2023

    L’1% del PIL non per la sanità, non per il disagio sociale, non per l’ambiente, non per l’università, non per la scuola.
    L’Ucraina chiede il denaro degli europei allo scopo di finanziare la guerra che conduce contro la Russia per conto degli Stati Uniti d’America.

  • agbiuso

    Aprile 6, 2023

    In un’immagine la natura aggressiva e guerrafondaia degli Stati Uniti d’America e della NATO.

  • agbiuso

    Aprile 4, 2023

    Condivido.

  • agbiuso

    Marzo 26, 2023

    Aggressione di uno Stato sovrano da parte della NATO.
    L’Italia vi partecipò per decisione di Massimo D’Alema, presidente del Consiglio dei ministri, e di Sergio Mattarella, vicepresidente del Consiglio dei ministri con delega ai servizi segreti.
    Accadde nel 1999 e questo crimine contro l’umanità è ancora impunito.

  • agbiuso

    Marzo 26, 2023

    “L’invasion de l’Irak a défié le Conseil de sécurité de l’ONU en tant que seul arbitre quant à savoir si l’usage de la force serait nécessaire pour combattre une véritable menace à la paix et à la sécurité internationales. Il a violé la Charte des Nations Unies. Cela a encouragé les exemples de mensonges horribles (ces armes de destruction massive obstinément spectrales) et l’inflation des menaces supposément posées par le régime de Saddam Hussein”.

    Vingt ans après la guerre en Irak, les criminels sont toujours en liberté
    di Binoy Kampmark, 22.3.2023

  • Amedeo Barbagallo

    Marzo 25, 2023

    Desidero aggiungere, alla sua lucidissima analisi, un riporto verso una questione che mi sta molto a cuore: nel Caucaso l’integrità territoriale dell’Armenia e degli armeni del Nagorno-Karabakh viene giornalmente minacciata dal regime dispotico di Baku, appoggiato da quella Turchia che possiede ancora un “conto in sospeso” con gli armeni. L’Azerbaigian attacca giornalmente le frontiere armene, mentre nel 2020 ha invaso e conquistato un territorio che non gli appartiene né per storia né per cultura. Anche in quella sperduta regione esistono un “aggredito” e un “aggressore”, per usare due termini della propaganda occidentale. Tuttavia, gli aggressori ci inviano giornalmente quel gas metano che dalla Russia non compriamo più. Per tale ragione l’aggressione ai danni dell’Armenia non esiste agli occhi dei politici occidentali. La loro stessa esistenza ha più valore di un metro cubo di gas.

  • agbiuso

    Marzo 17, 2023

    ὕβρις e globalizzazione.

  • agbiuso

    Marzo 8, 2023

    “Torna il fascismo ma il suo volto non è quello della Meloni (risibile pedina di un gioco più grande di lei) ma il ghigno dello Zio Sam e dei suoi zelanti servitori europei, sinistre comprese”
    Carlo Formenti in Segui la lotta di classe e capirai la storia
    L’AntiDiplomatico, 8.3.2023

  • Luciano Colella

    Marzo 1, 2023

    Grazie Professore…

  • agbiuso

    Febbraio 28, 2023

    Mi sembra una pertinente analogia.

  • Marco Christian Santonocito

    Febbraio 27, 2023

    Forse proprio perché “La presidenza Trump…è stata una delle pochissime a non aver aperto nuovi teatri di guerra per gli Stati Uniti”, si è assistito a un attacco mediatico massiccio e largamente condiviso alla presidenza Trump, non solo negli USA.
    Grazie davvero per i chiarimenti.

  • Corrado

    Febbraio 26, 2023

    “Che cosa autorizza un Paese come gli Stati Uniti d’America a intromettersi nelle decisioni, nella vita, nelle libertà di altri Paesi? In nome di che che cosa gli USA sono giudici dei destini di ciò che avviene nel continente asiatico, in America Latina, in Europa, ovunque? Da dove proviene questo privilegio assoluto di decidere per tutti che cosa sia il bene e che cosa il male? Che cosa legittima la pretesa che gli altri popoli, stati, nazioni debbano obbedire ai giudizi, alle decisioni, alle azioni degli Stati Uniti?”…. “Da dove proviene? Che cosa lo motiva? Su quali elementi normativi o etici del Diritto internazionale si fonda?”

    Buonasera Professor Biuso. Non vuole la mia essere una risposta ma un pensiero.
    Credo che tutto ciò parta dalla Riforma, quando Lutero e Calvino si posero dalla parte “giusta” della fede e coloro che aderirono credettero (e tutt’ora credono) alla salvezza a prescindere dal comportamento torbido che possano avere in questo mondo. Gli Stati Uniti sembrano riprodurre quell’ente unico e infallibile cui obbedire. Con noi o contro di noi perché siamo nel giusto, dio è con noi…
    L’accanimento contro l’odierno multipolarismo ricorda la persecuzione nei confronti della visione del sacro politeistica. Non so’; forse il paganesimo non essendo mai estinto fa paura, la libertà fa sempre paura…

    Grazie per le sue preziose riflessioni, un caro saluto.
    Corrado

  • Davide Amato

    Febbraio 26, 2023

    Caro professore, grazie per questa riflessione che condivido dalla prima all’ultima parola. I fatti da lei esposti sono incontrovertibili per chiunque abbia seguito (con la coscienza a posto e con il cervello acceso) le vicende geopolitiche degli ultimi decenni.

    Sono queste le ragioni per cui l’alleanza tra la Cina e la Russia (“Solida come una roccia”) è un fatto ormai di necessità: le ambizioni imperiali/unipolari statunitensi hanno unito questi due Paesi in una lotta per l’autodeterminazione e per la difesa della propria sovranità nazionale. Non è un mistero infatti che la massima ambizione statunitense, in caso di vittoria nella guerra contro Russia e Cina, è la disgregazione di questi due Paesi in una serie di piccoli staterelli minori, maggiormente ricattabili e controllabili. Insomma gli Usa minacciano la stessa esistenza dei popoli russo e cinese in quanto popoli unitari e sovrani. E questo perché essi costituiscono la principale minaccia al dominio unipolare dell’impero capitalista statunitense.

    Ma questo scenario non si avvererà. Questa guerra ha dimostrato che la vera supremazia statunitense, nonostante le centinaia di migliaia di miliardi gettati nell’apparato militare, non consiste nella potenza di fuoco, ma nell’impero mediatico. Se sul campo militare la Russia sta tenendo testa a tutti i Paesi Nato coinvolti nel conflitto, e sembra anzi stare vincendo, dal punto di vista mediatico e simbolico (almeno all’interno dei Paesi dell’impero) il dominio statunitense è ancora incontrastato.

    Per questo riflessioni come la sua hanno il merito non solo della verità (che è evidente a chiunque non sia imbevuto di propaganda occidentale), ma del coraggio e dell’autonomia di pensiero.

    Continui, continuiamo a pensare e a dire quello che nessuno ha gli strumenti e il coraggio di dire.

    • agbiuso

      Febbraio 26, 2023

      Caro Davide, lo scopo della mia riflessione è proprio quello da lei così ben colto: cercare di ragionare in modo autonomo e spingere i miei amici lettori a farlo; non per condividere ciò che affermo ma per riflettere senza farsi condizionare troppo da un apparato politico-mediatico veramente impressionante, tutto schierato a favore degli interessi di un solo Paese, i quali configgono con le libertà e il benessere sia dell’Italia sia soprattutto dell’Europa.
      Grazie dunque della sua condivisione.

      • Marco Christian Santonocito

        Febbraio 26, 2023

        Gentile Professore Biuso,

        la ringrazio per il coraggio e l’impegno nel diffondere la verità con tanta lucidità e fermezza. Un esempio inestimabile.
        Mi chiedo se in fondo la straordinaria macchina mediatica che, con tutta evidenza, ha esteso all’inverosimile la sua sfera di influenza, abbia nei fatti raggiunto il suo scopo primario, quello di orientare e influenzare a suo piacimento l’opinione pubblica, visto che la maggioranza degli italiani, e forse degli europei, non giudica positivamente la partecipazione del proprio Paese alla guerra Nato-Russia.
        Può essere forse interessante ricordare una intervista, pubblicata dal Manifesto il 20.02.2016, nella quale Noam Chomsky critica apertamente gli Stati Uniti e, in particolare, il partito Repubblicano. Una risposta eloquente a chi continua a sostenere che la guerra in Ucraina abbia avuto inizio nel febbraio 2022, una risposta che proviene dal passato e da un cittadino statunitense. (Ma è lecito pensare che il più grande pericolo a livello globale sia rappresentato principalmente dal partito Repubblicano americano?)

        Riporto di seguito alcuni brani significativi dell’intervista:
        «Il Partito repubblicano odierno, vorrei aggiungere, costituisce una delle organizzazioni più pericolose nella storia dell’umanità.»
        Alla domanda: «Il bilancio della Difesa Usa per il 2016-17, approvato la settimana scorsa senza alcun dibattito a livello congressuale, quadruplica», Chomsky risponde:
        «Certamente esistono rischi di un aggravarsi di scontri e tensioni strategiche strumentali tra i paesi appartenenti alla sfera d’influenza russa e le zone di influenza americana. Ma gli Stati Uniti potrebbero mai accettare sui propri confini quanto sta avvenendo su quelli della Russia? Sarebbe pensabile un dispiegamento di missili Nato al confine con il Canada e il Messico? Verremmo tutti inceneriti. Questo ulteriore potenziamento della Nato ritengo che costituisca una strategia, una provocazione geopolitica molto pericolosa.»

        https://ilmanifesto.it/chomsky-la-destra-usa-un-pericolo-per-la-specie-umana

        (Purtroppo la pagina del Manifesto non è leggibile cliccando sul link qui sopra, lo è però se si apre la pagina dal motore di ricerca Google).

        • agbiuso

          Febbraio 27, 2023

          Caro Marco,
          Chomsky ha ovviamente ragione sul pericolo gravissimo per la pace costituito dall’allargamento della NATO sino ai confini della Russia.
          Non ce l’ha, invece, per quanto riguarda la responsabilità dei due partiti che si alternano al governo degli USA.
          La presidenza Trump, infatti, è stata una delle pochissime a non aver aperto nuovi teatri di guerra per gli Stati Uniti.
          Il vero partito guerrafondaio è invece quello Democratico, con esponenti quali Obama / Hillary Rodham Clinton prima e Biden oggi, la cui continuità con l’apparato bellico e la convinzione di un diritto degli USA al dominio del mondo costituiscono il grande pericolo del presente.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti