Skip to content


Untore

Untore

L’Università di Catania, nelle persone del rettore Francesco Priolo e del direttore generale Giovanni La Via, mi ha sospeso dal servizio e dallo stipendio sino al 15 giugno 2022.
Sospeso non perché abbia commesso un reato, non perché sia venuto meno ai miei doveri d’ufficio, non perché non abbia svolto esami o lezioni, non perché abbia trattato persone, studenti, colleghi in modo non corretto.
Sospeso perché non intendo introdurre nel mio corpo delle sostanze che i ‘bugiardini’ delle aziende che le producono definiscono sperimentali e delle quali non si conoscono gli effetti di lungo periodo.
Sospeso perché, al di là della questione sanitaria, mi oppongo a una degenerazione politica assai grave che sta cancellando la Carta costituzionale, l’equilibrio tra i poteri, i diritti fondamentali della persona.
Sospeso perché non mi sono vaccinato.
Prima di prendere questa decisione ho chiesto alla ATS di Milano informazioni sulla vaccinazione, come previsto dalla normativa in vigore e come è mio diritto/dovere di cittadino. Non ho ricevuto risposte se non il rinvio alle FAQ di alcuni siti istituzionali, dove non ho trovato quasi nulla che riguardasse i quesiti che ho posto. Mi sono dunque sottoposto a un esame allergologico il sui esito è stata l’autorizzazione all’esenzione dalla vaccinazione. Ho inviato tale documentazione a Unict, aggiungendo inoltre un referto relativo ad altri problemi sanitari che rendono rischiosa la somministrazione del vaccino. Di tutto questo l’amministrazione non ha tenuto conto.

Le motivazioni della mia decisione sono dunque di natura anche sanitaria ma non solo. Ce ne sono altre che si possono riassumere nei due elementi che hanno sempre guidato -almeno spero!- la mia esistenza: l’amore per la conoscenza e per le libertà. Non intendo obbedire a ingiunzioni arbitrarie e tiranniche; cerco di conservare la coscienza dei miei doveri di essere umano, di cittadino e di professore.
Sento infatti come un dovere il rimanere fedele alla missione dell’Università, che consiste anche e specialmente nel costituire un luogo aperto e critico, atto a formare persone quanto più possibile libere e consapevoli; da due anni, invece, gli Atenei sono diventati delle caserme respingenti, discriminanti e chiuse non soltanto ai corpi ma anche e specialmente a ogni accenno di ipotesi, prospettiva, suggerimento, pensiero critico nei confronti dei dogmi politici travestiti da securitas sanitaria.
Quella in atto è anche una grave infodemia, che ha visto i media al servizio passivo e acritico di un potere la cui irrazionalità e paranoia canettiane mi sono sembrate sempre più evidenti. Nel corpo collettivo è in atto un’ondata di irrazionalismo, di propaganda, di miseria culturale e di tirannide sulla quale in questi due anni ho scritto centinaia di pagine in riviste, in volumi collettanei, sul mio sito. Probabilmente sulla base di questi interventi e testi, mi aveva anche contattato la redazione di un programma televisivo che si chiama Di martedì. Ho rifiutato cortesemente l’invito perché si tratta di situazioni trappola nelle quali a coloro che mettono in dubbio la narrazione dominante viene impedito di condurre e concludere ogni discorso sensato.

Rendo pubblici alcuni dei documenti relativi alla vicenda:
la mia lettera all’ATS di Milano;
risposta della Dirigente dell’ATS di Milano;
avviso ricevuto da parte dell’Area Risorse Umane Unict;
decreto di sospensione;
lettera dei docenti italiani al governo in carica.

Il terzo documento l’ho ricevuto da un’entità «obbligo.vaccinale@unict.it», che si firma «Area Risorse Umane». A proposito di tale modalità di comunicazione un collega mi ha scritto giustamente questo: «La lettera di Unict è scandalosa non solo per il contenuto ma anche per la forma. Chi sono infatti le ‘risorse umane’? Come si fa a firmare un documento di questo tipo a nome di ‘Area Risorse Umane’? Nessuno, ovviamente, vorrebbe sottoscrivere a proprio nome una simile lettera, che nulla toglie alla penna e alla freddezza procedurale di Adolf Eichmann». Un’altra collega ha scritto: «Gli Atenei si sono macchiati intellettualmente, notificandoci queste sospensioni. E in modo profondo, una sottomissione orribile, che sarà una macchia indelebile. Non è la prima volta nella storia. Se gli dei saranno clementi, ci daranno la possibilità di vedere a breve la macchia venire alla luce». Al che ho risposto: «Sì, è una macchia di sottomissione all’iniquità, alla superstizione, all’infamia. Non è solo per ragioni personali che non lo dimenticheremo, che non potremo dimenticarlo, ma perché un atto come questo muta nel profondo ogni relazione dentro l’istituzione e il significato stesso dell’Università come luogo di ricerca, curiosità, scambio, libertà».
Aggiungo, tra i documenti relativi a questa vicenda, una lettera che avevo già pubblicato in questo sito, firmata anche da me e inviata da numerosi docenti italiani ai decisori politici, compreso l’ologramma ministra Messa; testo che era stato preceduto da analoghi documenti inviati dai docenti di numerose Università ai loro rettori. Tale lettera mi sembra infatti una sintesi eccellente della situazione istituzionale e giuridica. 

Rispetto le posizioni di tutti su che cosa introdurre nel proprio corpo; spero che vengano rispettate dagli amici – degli altri non mi importa – anche le mie; chi vuole vaccinarsi lo faccia quante volte vuole o ritiene sia necessario, senza pretendere di imporre la stessa pratica a chi, per qualunque ragione, non intenda inocularsi.
Una soluzione sarebbe stata e sarebbe ancora ammalarmi, guarire e almeno provvisoriamente risolvere. Ma, nonostante l’abbia tentato in vari modi, non riesco proprio a prendere il Covid19. Che dei cittadini, ne conosco numerosi, vengano indotti a sperare di ammalarsi è uno dei segni più chiari della barbarie giuridica, esistenziale e sanitaria in atto.

Chiedo a chi avrà letto queste righe di non rispondermi (e sperabilmente neppure pensare) «non sei affatto discriminato, dipende da te; vaccìnati e tutto sarà risolto». Rispondere in questo modo significherebbe non aver compreso nulla di ciò che ho scritto e soprattutto sarebbe una triste testimonianza di asservimento interiore e concettuale, forse a questo punto inemendabile.
Al di là dei rischi che comporta e anche al di là del suo significato politico, accettare il comando iniquo di un’autorità perduta sarebbe per me un’azione senza senso. Non un’azione buona o cattiva, giusta o ingiusta, libera o imposta, opportuna o radicale. No, un’azione proprio senza senso, «una nonsenseria» (per parlare la lingua di Horcynus Orca). Qualcosa che non si può chiedere a chi ritiene che siamo dei dispositivi semantici, a chi dedica la propria esistenza alla filosofia.

 

[Addenda 1, 13.3.2022]
Ringrazio tutti coloro -studenti, amici, colleghi- che hanno voluto esprimere nei commenti pubblicamente la loro solidarietà e vicinanza. Vi ringrazio uno per uno, di cuore, anche per aver ritenuto necessario farlo, appunto, in pubblico.
Ringrazio anche i tanti -davvero tanti- che mi stanno scrivendo, chiamando, manifestando il loro sconcerto e il loro affetto. Prevedevo dei commenti amichevoli ma non in tale misura e modi. Evidentemente esiste nel corpo collettivo anche la percezione della insensatezza e dell’iniquità di ciò che stanno subendo tante, troppe, persone la cui unica colpa è avere dei dubbi, desiderare mantenere la sovranità sul proprio corpo, cercare di ragionare -ed eventualmente anche sbagliare- da sé e non come parte della propaganda mediatico-sanitaria.
Aggiungo qui soltanto due osservazioni.
La prima è un paradosso. In due anni di epidemia non ho preso alcuna precauzione, ho respirato senza maschere appena ho potuto, ho incontrato e abbracciato tante persone, ho toccato tutto, sono anche stato vicino a mia moglie che si è ammalata di Covid ed è guarita. Ma io non ho preso nessuna «variante». Sono insomma nei confronti del virus, per quello che si può vedere, «sano». E però non posso insegnare. Tante persone, amici e colleghi con tre dosi di vaccino si ammalano di Covid e prima che la malattia emerga entrano in Università (o in altri luoghi di lavoro) e si muovono liberamente.
La seconda osservazione prende spunto da un’amica che mi ha espresso il suo dispiacere aggiungendo «io mi sono vaccinata, ho preferito farlo. Non mi sono sentita lesa nelle mie libertà fondamentali». Le ho risposto ribadendo che chiunque lo vuole ha diritto di vaccinarsi più volte; la questione è obbligare chi non vuole. C’è un’enorme differenza tra le due cose. La mia amica, appunto, «ha preferito farlo»; io e tanti altri non abbiamo il diritto di «preferire non farlo».

 

[Addenda 2, 20.3.2022]
Ho ricevuto, per conoscenza, una lettera indirizzata agli Organi di Ateneo.
La copio qui sotto, con il relativo documento.

Alla cortese attenzione

del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Catania
Professore Francesco Priolo

e del Direttore Generale
Professore Giovanni La Via,

e p.c.

del Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche
Professoressa Maria Caterina Paino

e del Professore Alberto Giovanni Biuso

Con la presente trasmettiamo in allegato una lettera sottoscritta dagli studenti del Dipartimento di Scienze Umanistiche e nello specifico dagli studenti di Filosofia e di Scienze Filosofiche.
La lettera è frutto di un sentimento comune che è maturato a seguito dell’avvenuta sospensione del Professore Alberto Giovanni Biuso, il quale non è a conoscenza dei contenuti di questa lettera.
In attesa di un Vostro cortese riscontro, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.
Gli studenti firmatari

Lettera_Studenti_Dipartimento_di_Scienze_Umanistiche (pdf)

41 commenti

  • agbiuso

    Dicembre 1, 2022

    Sì, devo ammettere che sono molto orgoglioso delle scelte che ho compiuto a proposito del vaccino Covid19 e dell’epidemia Sars-Cov2. Prima o poi morirò, naturalmente, ma ho mantenuto integro il mio sistema immunitario, vale a dire la più forte difesa della mia salute.

  • agbiuso

    Novembre 9, 2022

    Scuse (come è doveroso).

  • agbiuso

    Novembre 1, 2022

    Un testo del Dottor Luca Speciani

    ========
    E così dal 2 Novembre torniamo ad essere medici.
    Grazie. Era un atto dovuto.
    Essere stati tenuti ai margini dell’attività sanitaria per la sola colpa grave di avere mantenuto la mente libera dai condizionamenti dei produttori di vaccini e aver scelto di proteggere i nostri pazienti e le nostre famiglie, invece del nostro conto in banca, resta uno degli episodi più vergognosi della storia del nostro paese. Ora, vi prego, si passi alla fase successiva.
    In primis pretendiamo delle scuse (non solo a noi ma a tutti coloro che sono stati obbligati a questa vigliacca sperimentazione pena la perdita del lavoro: sanitari, forze armate, insegnanti, studenti). Molti, tra questi, hanno avuto la vita distrutta da miocarditi, pericarditi, infarti, ictus, gravi recrudescenze erpetiche, cancri, malattie autoimmuni (quasi 5.000.000 di danneggiati nella sola Europa, dati Eudravigilance/EMA). Poi si passi ai risarcimenti. Equi e soddisfacenti, per chi ha perso lavoro, salute, affetti a causa della miopia (o della malafede) di tutti i complici di questo gioco allo sterminio che aveva il nome di “grande reset”, come teorizzato da Schwab a Davos.
    Non pensino quindi i tanti complici di Speranza, modesto burattino nelle mani di “filantropi” assassini, di passarla liscia. Il ministrino non ha infatti agito da solo ma fiancheggiato da politici, giornalisti, virostar, CTS, magistrati, giornalisti. Che dovranno rispondere delle proprie omissioni (e dei loro conflitti di interesse) con il loro patrimonio. E dei loro omicidi con la perdita della libertà. I dati, ormai, sono infatti sotto gli occhi di tutti (bastino per tutti le ammissioni Pfizer all’UE) e solo un cieco può non vederli.
    Patetici i colpi di coda da pesce agonizzante dei Mentana, dei Parenzo, dei Burioni, dei Fazio, delle Ronzulli. Leggere oggi i loro ridicoli passi indietro (si, beh, in parte è vero, però…) fa solo venire il vomito. L’ho scritto con chiarezza ne “I sacrificabili” con un anno di anticipo sui fatti: i burattini che hanno goduto, da beceri ignoranti, di fama ed esposizione mediatica supportando il regime, quando il progetto crolla diventano sacrificabili. È ciò che succederà al fantoccio Speranza, unico in aula con quel marchio d‘infamia chiamato mascherina, sui cui appalti ci auguriamo venga fatta presto luce, così come su tamponi e banchi a rotelle. Scandali degni del paese di Arlecchino e Pulcinella.
    Se però pensano, sacrificando il pagliaccio di turno, di passarla liscia, si sbagliano. Come descritto nella conclusione de “I sacrificabili” (che aveva previsto tutto) saranno presto o tardi chiamati a rispondere delle loro malefatte. Chi con l’oblio, chi con la galera. Perché l’omicidio in questo paese è ancora un reato.
    Dormite sereni, ragazzi de “La Sapienza” che manifestate oggi contro il fascismo, e che non vi siete accorti, giusto l’altro ieri, che veniva impedito ai vostri genitori di accedere al posto di lavoro (nel silenzio dei sindacati) e ai vostri coetanei di fare sport se non sottostavano al vile ricatto cui voi avete miseramente ceduto per poter continuare a godervi l’aperitivo. Non auguro a nessuno, una volta indegnamente laureati, di cadere sotto le vostre mani per la progettazione di un ponte o l’asportazione di una cistifellea. Ho vergogna per voi.
    A noi, medici e sanitari coraggiosi, che non abbiamo avuto paura del potere e abbiamo affrontato a testa alta, senza escamotage, la perdita del lavoro e gli insulti dei minus habens, l’onore di aver rappresentato, insieme a uno sparuto gruppo di altri resistenti, la parte migliore di questo paese, che forse, un domani, anche grazie a noi, potrà ancora dirsi libero, fiero e sovrano.

  • agbiuso

    Ottobre 31, 2022

    Fonte: The Atlantic, 31 ottobre 2022

    Guarda guarda…Le vittime di esclusioni, discriminazioni e violenze -ho visto i manganelli della polizia agire durante le manifestazioni- dovrebbero «perdonare» i loro aguzzini. E perché mai? Chi, come me e tanti altri, è stato discriminato e sospeso ha diritto a ottenere giustizia.

  • agbiuso

    Ottobre 30, 2022

    Danni incalcolabili, sì, i quali confermano che quanti hanno chiesto, approvato, preteso o difeso tali discriminazioni abusano della qualifica di democratici e sono invece esponenti dello Stato ambulatoriale che ha distrutto la Costituzione repubblicana.

  • agbiuso

    Ottobre 14, 2022

    Quello che avrebbe dovuto essere chiaro a molti, se non a tutti, che ‘vaccini’ preparati in pochi mesi non avrebbero garantito protezione a nessuno e sarebbero stati anzi pericolosi, adesso è confermato anche dai produttori di tali vaccini. E tuttavia siamo stati perseguitati per averlo pensato, per esserci rifiutati di avvelenarci.
    In ogni caso sorrido a pensare quanta libertà e quanta intelligenza la filosofia regala a chi la pratica.

  • agbiuso

    Ottobre 1, 2022

    Da Le sette parti della notte
    di Giorgio Agamben, Quodlibet, 16.9.2022

    =======
    Perché avete taciuto? Che i tempi fossero oscuri, che il crepuscolo regnasse in ogni luogo non basterà a giustificarvi. Perché avete taciuto? Anche se non riuscivate più a distinguere la luce dalle tenebre, almeno questo avreste dovuto dirlo, dovevate almeno gridare nel crepuscolo, nell’ora incerta fra cane e lupo. Il vostro non era il silenzio di chi sa di non poter essere ascoltato, di chi nell’universale menzogna ha qualcosa da dire e per questo si fa avanti e tace. Il vostro era il silenzio connivente di chi nella notte tace perché così fanno tutti. «È vero – direte – era ingiusto, ma ho taciuto, perché tutti tacevano». Eppure la menzogna parlava e voi l’avete ascoltata. E il vostro silenzio copriva anche la voce di chi nonostante tutto provava a parlare, a far uscire dal suo mutismo la terza parte della notte.

  • agbiuso

    Agosto 29, 2022

    Sono stato personalmente discriminato, danneggiato e offeso dalle decisioni politiche del ministro Speranza e del suo governo. Condivido quindi la richiesta che di tali decisioni costui renda conto.

  • agbiuso

    Agosto 26, 2022

    Per milioni di cittadini ricorrono tali anniversari.
    Mi è stato impedito di entrare nel mio Dipartimento (il Disum di Unict), nel mio studio, nelle aule. Mi è stato proibito di fare lezione. Mi è stato tolto lo stipendio senza aver commesso reati.
    Non lo dimenticheremo. Mai.

  • agbiuso

    Agosto 14, 2022

    Crimini da non dimenticare, affinché non si ripetano.

  • agbiuso

    Agosto 6, 2022

    Un anno fa, 6 agosto 2021, entrava ufficialmente in vigore in Italia una normativa volta all’esclusione e alla discriminazione dei cittadini in base alle loro idee e alle loro azioni sul corpo e sulla malattia.
    Neppure io dimenticherò chi ha voluto tale normativa e chi se ne è fatto attivamente o passivamente complice.

  • agbiuso

    Giugno 13, 2022

    Sì, è iniziato tutto con il Covid, con il conformismo e il terrore, con stampa e tv vendute, con la scienza dissolta.

  • agbiuso

    Aprile 15, 2022

    Riporto qui la lettera ai suoi alunni di una collega che insegna al Liceo.
    Subito dopo si può leggere un disvelante intervento dello scorso 30 marzo di FEDERICO D’INCÀ, Ministro per i Rapporti con il Parlamento – Gruppo parlamentare 5 Stelle.

    ============

    Care ragazze e cari ragazzi,

    come saprete dal 1 aprile 2022 i docenti non vaccinati torneranno a scuola. La sospensione prevista per 6 mesi è stata ridotta a 3 mesi e questa è un’ottima cosa in quanto riprendere a lavorare significa riprendere lo stipendio e tutti i contributi ai fini pensionistici e di tassazione negati in questi tre mesi. Però non mi sarà concesso di tornare in classe a farvi lezione ma sarò demansionata, mi occuperò della didattica del nostro liceo. Lo Stato non vuole (nonostante il tampone che dovrò fare ogni due giorni fino a fine aprile e poi non si sa) che io stia a contatto con voi. Perché dunque, visto che il tampone negativo garantisce la sicurezza sanitaria mia e vostra? Perché io non posso stare in classe con i miei allievi a fare lezione e invece posso stare in segreteria con altre persone a lavorare? Ve lo spiego con la mia idea intuita da subito e con quanto confermato dal Ministro Bianchi in parlamento (vedi link in fondo).

    Il primo punto è l’evidente e innegabile punizione che si deve infliggere a chi come me ha fatto una libera scelta dettata da innumerevoli dubbi che poi, purtroppo, si sono rivelati veritieri. Tale punizione però non serve solo ad infliggere una pena a chi, secondo loro (perché queste leggi sono anticostituzionali), ha violato la legge ma serve soprattutto come esempio “educativo” per voi alunni.

    Sì, perché io non devo apparire ai vostri occhi come la prof. che ha resistito al ricatto per tenere fede alla propria e autentica scelta fatta di studio, ricerche e verifiche in più di un anno con tutto lo stato d’animo che ne può derivare, ma come colei che, disattendendo al volere imposto da un regime totalitario, viene demansionata dall’attività di docente e sbattuta (concedetemi il termine) a fare il lavoro di segretaria. Senza nulla togliere alla dignità lavorativa di un addetto di segreteria o altro, lo Stato preferisce togliere un buon docente e pagarne anche un altro in più, sottraendo i fondi al fondo d’istituto e farmi svolgere una mansione di cui non è certo la materia per la quale io ho studiato tanti anni e di cui ho un’esperienza sul campo di più di 25 (vedi cv in allegato).

    Un altro punto essenziale è che il docente riammesso in servizio non deve in nessun modo formare un allievo al libero pensiero, all’autonomia e alla critica, cosa alla quale, come ben sapete, io tengo molto e della quale ho sempre comunicato a voi la mia “mission” di insegnante, oltre la materia specifica di indirizzo. Lo Stato sa bene che i docenti come me pensano e agiscono diversamente dalla massa e voi non dovete diventare così; voi dovete capire che se in futuro farete così come me, sarete puniti, questo è il forte messaggio. Quindi dovete essere formati ad ubbidire e accettare qualsiasi cosa vi venga imposta di fare, a prescindere dalla volontà individuale e anche dalle leggi che i nostri padri hanno scritto e per le quali hanno anche combattuto. Insomma, non dovete avere un pensiero autonomo e libero e se ne avrete uno, sarete puniti.

    Alla luce di tutto ciò, io vi invito con tutto il cuore e il bene che vi voglio, a riflettere da soli e a valutare tale provvedimento emanato con il decreto legge n.24/2022 che determina anche le regole di riapertura dopo il termine dello stato di emergenza. Vi esorto a verificare sempre e autonomamente tutto ciò che vi viene detto, io a scuola ho imparato questo. All’inizio si fa un po’di fatica ma poi diventa una necessità. L’autonomia di pensiero, il pensiero critico, sono qualcosa di estremamente importante nella vita e in tutti i campi della vita stessa. E’ importante per voi per valutare e fare le scelte giuste per ciò che siete e sarete, è importante per tutte le relazioni, per il lavoro, per la musica e per la libertà.

    A voi la scelta ora e in futuro, la scelta di “essere o non essere”.

    Io sarò sempre al vostro fianco a supportarvi ogni qual volta ne avrete bisogno, perché voi siete sempre i mei allievi e i veri innocenti di tutta questa brutta storia e che stanno pagando il prezzo più alto, più alto anche del mio.

    Anche se a scuola non ci vedremo, vorrà dire che ci vedremo fuori magari andandoci a mangiare una bella pizza all’aperto.

    Vi voglio bene

    ===========
    Resoconto stenografico dell’Assemblea

    Seduta n. 668 di mercoledì 30 marzo 2022

    FEDERICO D’INCA’, Ministro per i Rapporti con il Parlamento [Gruppo parlamentare 5 Stelle. Signor Presidente, colleghi deputati, rispondo agli onorevoli interroganti sulla base degli elementi forniti dal Ministro dell’Istruzione, impossibilitato a partecipare alla seduta odierna. Il decreto-legge n. 172 del 2021, convertito con modificazioni dalla legge n. 3 del 2021, ha esteso a partire dal 15 dicembre 2021 l’obbligo di vaccinazione contro il COVID-19 anche al personale scolastico e ha disposto che l’inadempimento dell’obbligo vaccinale avrebbe comportato fino al 15 giugno 2022 per il personale interessato la sospensione dell’attività lavorativa e la mancata corresponsione della retribuzione e di altro compenso o emolumento comunque denominati. Lo scopo principale della misura era quella di incentivare il più possibile la campagna vaccinale in corso, anche a costo di una conseguenza molto pesante per il personale che avesse scelto di non vaccinarsi.

    Con il miglioramento del quadro epidemiologico, testimoniato dall’uscita dallo stato di emergenza, il Governo ha valutato l’opportunità di rivedere le misure di contenimento e, soprattutto, le loro molteplici conseguenze. Con il decreto-legge 24 marzo 2022, n. 24, il Consiglio dei Ministri ha unanimemente deciso di mantenere fino al 15 giugno 2022 l’obbligo vaccinale. Nello stesso tempo, però, ha ritenuto di eliminare la sospensione dal servizio per coloro che non ottemperano all’obbligo, superando la severa implicazione di non riconoscere neppure il cosiddetto assegno alimentare. Peraltro, sottrarsi all’obbligo vaccinale per gli insegnanti ha una peculiare conseguenza: la vaccinazione costituisce un requisito essenziale per lo svolgimento delle attività didattiche a contatto con gli alunni. Di qui l’utilizzazione del docente non vaccinato in attività di supporto alle istituzioni scolastiche, quali, a titolo esemplificativo, le attività, anche a carattere collegiale, di programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, documentazione, aggiornamento e formazione, e la conseguente sostituzione per l’attività didattica con supplenti. La motivazione di tale disposizione risiede nella speciale rilevanza che la figura del docente ricopre all’interno della comunità educante. La disposizione coniuga, infatti, due esigenze: quella di attenuare le conseguenze di inadempimento all’obbligo vaccinale senza deflettere, però, rispetto al principio di responsabilità dei docenti dinanzi agli alunni. Come correttamente osservato dall’interrogante, la violazione di un obbligo non può restare priva di conseguenze. Si tratta, dunque, di un messaggio forte e coerente, che si è voluto dare ai nostri giovani. Gli insegnanti inadempienti disattendono il patto sociale ed educativo su cui si fondano le comunità nelle quali sono inseriti. Il puro e semplice rientro in classe avrebbe comportato un segnale altamente diseducativo; per questo si è dovuto trovare un ragionevole equilibrio tra il diritto dei docenti non vaccinati di sostenersi e il loro dovere di non smettere mai di fornire il corretto esempio.

    Tale decisione risponde peraltro anche all’esigenza di garantire il diritto alla salute agli alunni e alle alunne delle classi non vaccinati e ai fragili e agli stessi docenti non vaccinati, nonché di meglio preservare la continuità didattica. In ultimo, relativamente alla copertura finanziaria delle sostituzioni dei docenti non vaccinati, quantificati in circa 3.800 unità, in questa prima fase abbiamo dovuto utilizzare quota parte del Fondo per la valorizzazione dei docenti e vi è l’impegno dell’Esecutivo per integrare le risorse di tale Fondo.

    fonte: Camera de Deputati

  • agbiuso

    Marzo 31, 2022

    Miserabili sostenitori dello Stato etico.

  • agbiuso

    Marzo 27, 2022

    Da molti anni ormai troppi dirigenti (presidi) delle scuole mostrano disprezzo e odio verso i loro insegnanti.
    Qui sono arrivati proprio all’infamia dei più fanatici kapò.

  • agbiuso

    Marzo 26, 2022

    Marche, docenti universitari contro il “cappio” del Green Pass: “Nessuna base scientifica per l’obbligo vaccinale”
    (25.3.2022)

    “Numerosi docenti, ricercatori e personale tecnico e amministrativo degli Atenei di Ancona, Camerino, Macerata e Urbino, dell’Accademia di Belle Arti di Urbino e dell’ISIA di Urbino hanno condiviso una lettera aperta ai propri Rettori e Direttori, dichiarando di prendere formalmente le distanze dal provvedimento di sospensione dal lavoro e dello stipendio dei colleghi che, per vari motivi, hanno deciso di non iniziare o completare la profilassi anti-SARS-CoV-2”.

    È quanto dichiara, in una nota, il professor Vincenzo Cuteri, referente Movimento Universitario contro le Discriminazioni che definisce il Green Pass come un “cappio”. I firmatari della lettera ritengono “fortemente ingiusta, sproporzionata e discriminatoria tale misura punitiva, che è lesiva della dignità, della libertà, dei diritti fondamentali dell’uomo e soprattutto del diritto al lavoro”.

    “Non vi sono basi scientifiche per l’obbligo vaccinale dei lavoratori dell’università, peraltro in un contesto di basso rischio” aggiunge il professor Vincenzo Cuteri “Tale provvedimento non garantisce una maggiore sicurezza contro la diffusione del virus nell’ambiente di lavoro, perché anche i vaccinati come i guariti possono diffondere il virus”.

    I firmatari chiedono ai Rettori marchigiani di “discutere le proposte avanzate e di trovare una soluzione che permetta ai dipendenti sospesi e deprivati dello stipendio di essere totalmente reintegrati, anche in considerazione del fatto che già numerose sentenze hanno dichiarati illegittimi i provvedimenti di sospensione”.

    “La raccolta firme è ancora in atto – conclude Cuteri -, pertanto i docenti e il personale tecnico e amministrativo che condividono gli assunti del Movimento Universitario contro le Discriminazioni sono invitati a contattare i Coordinatori della propria sede di appartenenza”. Per l’Ateneo di Macerata la coordinatrice del movimento di protesta è la professoressa Clara Ferranti, mentre per l’Ateneo di Camerino è lo stesso Cuteri.

  • agbiuso

    Marzo 20, 2022

    Dal Dottor Claudio Gullotta

    ===============
    La mia Pec del 17/3/22 all’Ordine dei Medici di Catania in risposta alla sospensione. Al sig. Presidente dell’Ordine dei Medici di Catania
    Ai sig.ri Consiglieri dell’Ordine dei Medici di Catania

    Apprendo non con sorpresa, ma con amarezza, la sospensione da quest’Ordine dei Medici, dopo anni di riservata, ma dignitosa, carriera di medico ospedaliero nel ruolo di Anestesista Rianimatore. Oggi non esercito più, essendo in quiescenza, pertanto la vostra decisione in obbedienza ad una legge dello stato non mi lede materialmente, ma solo moralmente.
    La legge che impone l’obbligo di vaccinazione anti Sars-Cov2 ai sanitari suppongo derivi da una scelta, condivisa solo da pochi Paesi europei, a salvaguardia dei pazienti. Purtroppo, lo sottolineo, i fatti e i lavori scientifici hanno dimostrato che la vaccinazione non impedisce il contagiare e il contagiarsi. Ma la legge è stata fatta solo per la salvaguardia dei pazienti? Se ciò fosse vero decadrebbe il motivo di mantenere sospesi i medici non vaccinati, ma guariti dalla Covid19. In ogni caso, io quali pazienti dovrei salvaguardare se non esercito più la professione dalla data del pensionamento? Lo attesta il non avere alcuna partita IVA aperta.
    Mi rendo conto di avere disobbedito ad una legge dello stato, ma l’obbedienza è sempre una virtù?
    Se lo chiedeva anche Don Milani nel suo libro dal titolo “L’obbedienza non è più una virtù”. Si riferiva all’obbedienza cieca, acritica, quella che può successivamente anche lasciare pesi sulla coscienza.
    Tengo a precisare che ho sempre riconosciuto l’utilità dei vaccini tradizionali, quelli che usano meccanismi d’azione sufficientemente sperimentati e che danno immunità, anche se non illimitata.
    Altresì avrei dovuto obbedire perché, oltre al governo, “lo dice la scienza”; ma neanche ciò è stato sufficiente, non avendo compreso a quale scienza si riferisca il dettame. A quella che è divenuta dogma e ostaggio di alcuni governi, di cui il nostro non è secondo a nessun’altro, oppure a quella che ho studiato all’università dove il dubbio costruttivo ne era l’essenza e rappresentava la tutela dei pazienti?
    Se la scienza è divenuta dogma, io la ricuso, ho già la mia religione.
    Se la scienza è divenuta serva della politica che impone, nel suo nome, restrizioni di tipo socio-amministrativo, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta fonte di ricatto lavorativo popolare con estorsione di consensi, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta fonte di discriminazione e divisione sociale, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta preclusione della dignità e delle libertà individuali, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta ostacolo al medico nel potere curare i pazienti in scienza e coscienza anche con farmaci in uso dalla farmacopea italiana, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta prigioniera delle decisioni di venti membri del CTS blindati a qualsiasi dialogo e confronto con i colleghi, io la ricuso.
    Se la scienza è divenuta esclusiva proprietà di lobby farmaceutiche, io la ricuso.
    Solo oggi capisco e sperimento come in nome dei dogmi, quando esasperati come in questo periodo, nei secoli l’umanità sia potuta andare incontro a periodi di grande oscurantismo.
    Se in un prossimo futuro (forse il 16 giugno) il governo Italiano decidesse di ritornare in regime democratico con relativa decadenza dei vostri obblighi nel dovere sospendere colleghi che, come me, ponendosi dei dubbi si sono astenuti dall’obbedire ciecamente, accetterò con piacere la riammissione a quest’Ordine dei Medici di Catania.
    Se così non fosse, vi ringrazio e mi congedo dopo un viaggio, durato quarant’anni, che ho percorso insieme a questo Ordine.
    Distinti Saluti
    dott. Claudio Gullotta

  • agbiuso

    Marzo 20, 2022

    Grazie ancora a tutti coloro che hanno aggiunto le loro voci di amicizia e di stima nei mei confronti, qui in pubblico e in privato.

    Informo di aver ricevuto ieri (19.3), per conoscenza, una lettera indirizzata agli Organi dell’Ateneo di Catania. Chi volesse leggerla, la può trovare come Addenda al testo.

  • Carmelo M. Russo

    Marzo 19, 2022

    Egr. Prof. Biuso, come altri studenti del Corso di Laurea in Scienze Filosofiche, avrei iniziato a seguire le Sue lezioni di Filosofia delle Menti Artificiali. Mi dispiace molto per quello che sta accadendo: condivido la sua posizione e desidero esprimerLe tutta la mia solidarietà, come affermazione di libertà e fraternità umane.
    Un cordiale saluto, Carmelo

  • Davide Tuzza

    Marzo 16, 2022

    Caro Professore,
    non posso aggiungere nulla nè ai commenti che mi hanno preceduto, nè alle parole e che le ho rivolto in altre sedi, se non questo pensiero di Irvin D. Yalom, tratto da “Le lacrime di Nietzsche”:Ogni individuo deve scegliere la verità che è in grado di tollerare. Non so se quel “deve” è sempre lecito, ma senza dubbio è un fatto che le persone fanno questa scelta, e quasi sempre al ribasso. Se ci troviamo in questa pagina a scrivere, vuol dire che anche noi abbiamo fatto la nostra scelta e che la nostra soglia di tolleranza è molto alta. Ed è esattamente a questo che serve la filosofia.

  • agbiuso

    Marzo 14, 2022

    La collega Chiara Zanella è stata anche lei sospesa dall’insegnamento.
    In un lucido e implacabile articolo apparso oggi su Aldous analizza le forme dell’esclusione e pone alcune domande. Ne consiglio vivamente la lettura: La libertà di alcuni.
    Qui sotto l’incipit e un brano del testo.

    ==========
    Vivere da paria in una società che sembra promuovere l’accoglienza e l’integrazione è un’esperienza degna di nota, soprattutto se tale status deriva dall’esercizio di quella stessa libertà di pensiero che fino a poco prima connotava l’appartenenza a cerchie culturali vivaci e significative.
    Che pensare criticamente fosse un mestiere pericoloso, si poteva intuire da tempo; eppure lo choc per la rapidità con cui si è passati dalla profilassi all’esclusione resta innegabile e solo a fatica si può tentare di integrarlo nel nostro comune vissuto di animali sociali. Più ancora, se possibile, sconvolge l’assoluta cecità, rispetto a tale fenomeno, di molti compagni di viaggio, inspiegabilmente incuranti dello stato delle cose che, nella migliore delle ipotesi, registrano passivamente, mentre nella peggiore appoggiano; persone che, senza apparente disagio, o hanno distrattamente integrato una narrazione lacunosa, ossessiva e spesso illogica senza lasciarsi adombrare dal benché minimo dubbio, o l’hanno tacitata sotto l’effetto di magniloquenti idee affastellate in forma di ideologia.

    Nella fattispecie, in che senso un farmaco che non immunizza e non impedisce il contagio dovrebbe essere somministrato erga omnes allo scopo impossibile di “prevenire la diffusione del virus SARS-Covid-2” (come recitano i tanti DPCM trasformati in Legge da un Parlamento esangue)?
    Questa domanda capitale precede tutta una serie di ulteriori possibili domande: perché  scegliere di chiamare vaccino un farmaco che non si comporta come tale, tanto da doverne modificare il lemma in modo preventivo? Perch  poggiare tutto l’impianto sanitario solo su questo ritrovato farmaceutico? Perché  puntare solo sulla medicina sperimentale (precisa, ma costosa, lenta, inapplicabile durante le emergenze) e umiliare quella clinica? Perch  negare i capisaldi dell’immunologia non riconoscendo la rilevanza
    dell’immunizzazione naturale, che da sempre spegne le epidemie?

  • Cinzia

    Marzo 14, 2022

    Egr. prof. Biuso, desidero esprimerLe massima solidarietà. Questo accanimento è insostenibile e il clima di indifferenza in cui tutto ciò avviene è inquietante.
    Spero che venga reintegrato presto, aspettavo con impazienza l’inizio delle sue lezioni a cui non vorrei rinunciare.

  • Giusy Randazzo

    Marzo 13, 2022

    Caro Alberto,
    Sai bene che io sono favorevole ai vaccini che ho accolto con un senso di sollievo, anche per quanto accadutomi personalmente. Sin dall’inizio abbiamo vissuto questa vicenda in modo differente e, per certi aspetti, opposto. Eppure abbiamo sempre dialogato serenamente e amabilmente. Non vedo lo stesso atteggiamento intorno a noi. Il mondo si è radicalizzato in due estremismi di cui osservo con orrore le esagerazioni. Abbiamo mantenuto questo atteggiamento dialogico anche nella direzione scientifica di Vita pensata: il diritto di esprimersi, di scegliere, di comprendere, se espresso teoreticamente, trova spazio nella nostra rivista che rimane un luogo di libertà. Ammiro il tuo coraggio, perché di coraggio si tratta, anche se tu rimani sempre sorridente agli occhi e alle orecchie di chi ti ascolta. Ho letto questa nota con profondo dolore e ti sono vicina perché sei un grande filosofo e, come tale, meriti di rimanere al tuo posto. Per di più, da quel che leggo, hai l’esenzione per motivi sanitari, dunque il rischio sarebbe troppo alto per te, a fronte di un beneficio di cui nessuno, tranne te, potrebbe giovarsi. Untore tu? Direi che siamo oltre. Gli interrogativi che mi pongo sono altri. Cui prodest? A nessuno. Cui nocet? La risposta è sotto gli occhi di tutti.
    Ti abbraccio,
    Giusy

  • agbiuso

    Marzo 13, 2022

    Ringrazio tutti coloro -studenti, amici, colleghi- che hanno voluto esprimere pubblicamente in questi commenti la loro solidarietà e vicinanza. Vi ringrazio uno per uno, di cuore, anche per aver ritenuto necessario farlo, appunto, in pubblico.
    Ringrazio anche i tanti -davvero tanti- che mi stanno scrivendo, chiamando, manifestando il loro sconcerto e il loro affetto.
    Agli uni e agli altri dedico le brevi riflessioni che ho aggiunto come addenda al testo.

  • Roberta Lanfredini

    Marzo 13, 2022

    Caro Alberto,
    la violenza, l’assurdità, l’arbitrarietà, l’inutilità di quel che ti sta capitando lascia senza parole. C’è stato un momento, affatto lontano, in cui l’allontanamento dal servizio di un membro della nostra comunità era il momento conclusivo di un processo deliberativo lungo, complicato, sofferto a fronte di atti reputati deontologicamente gravissimi. Questa fatica della decisione è stata spazzata via in un batter di ciglia e sostituita da un dispositivo veloce e del tutto impersonale. Sono davvero costernata e impotente.
    Roberta Lanfredini

  • Luca Ruaro

    Marzo 13, 2022

    Mi unisco ovviamente alle parole di stima e solidarietà per il Prof. Biuso. Grande tristezza per questo provvedimento, ma (come ho scritto anche altrove) spero che questo diventerà in futuro un titolo di merito! E magari ora avremo più occasioni per dialogare a distanza, insieme a tutte le persone che non hanno voluto rinunciare alla propria identità di esseri liberi e pensanti

  • cristina

    Marzo 12, 2022

    Leggo i commenti e la “tristezza” caro Alberto.
    Ripetere ciò che ampiamente sappiamo è inutile e non saprei dirlo meglio di loro.
    Mi permetto di suggerire però che chi è “maestro” lo rimane , perché il suo “essere” viene prima dell’invidioso “riconoscimento” di meschini potentati ( “rettore” per me rimane una cantante dei mitici anni 80) .

  • Vittoria

    Marzo 12, 2022

    Buongiorno Prof. Biuso, leggo adesso questo suo amaro ma lungimirante messaggio. La mia stima verso di lei è ancora più grande sia come persona che come docente. Leggo sempre con piacere i suoi scritti anche su twitter e li condivido sempre con molto orgoglio. Ricordo le sue lezioni di sociologia della cultura presso l’Università di Catania così appassionanti per me che non dimenticherò mai perchè, al di là di tutto, mi hanno trasmesso quello spirito critico che avevo leggermente indebolito dopo il liceo. Mi viene in mente un anneddoto quando lei disse che Oscar Wilde era stato punito dal potere solo perchè considerato in qualche modo scomodo, adesso non ricordo bene ma il senso era questo. Ecco secondo me sta succedendo una cosa del genere oggigiorno. Io nemmeno da studentessa mi sono vaccinata per mie scelte personali e perchè reputo questo pass uno strumento di controllo molto offensivo nei confronti della mia dignità umana e nonostante ciò non vengo ugualmente rispettata come cittadina che gode (in teoria a questo punto) di piena cittadinanza italiana. Secondo me l’Homo Sacer di Giorgio Agamben ci sta a pennello in questa situazione. Siamo di fatto messi al bando dalla legge, inclusi ma nello stesso tempo esclusi, sospesi. E questo vuoto mi inquieta e la storia lo insegna come lei mi può benissimo confermare. Mi auguro di sbagliarmi e che al più presto possa ritornare in scena il lume della ragione anche se dubito, ma continuerò lo stesso a resistere fino alla fine e a farmi valere per i miei diritti come ho sempre fatto continuando il mio percorso di studi che mi servono soprattutto per non farmi animalizzare da questo sistema balordo, infame ed ignorante. Se il tempo lo permetterà, spero di poterla di rivedere al più presto, mi farebbe un sacco di piacere. Nell’attesa le auguro un buon fine settimana e buon lavoro per tutto. Distinti saluti. Vittoria da Catania

  • Davide Miccione

    Marzo 12, 2022

    Caro Alberto
    benvenuto tra color che son sospesi, pressoché l’unica onorificenza che questo governo è in grado di conferire e per cui si possa non provare imbarazzo.
    Un abbraccio

  • Laura

    Marzo 11, 2022

    Eg. Prof. Biuso, desidero esprimerLe totale solidarietà. Ciò che mi allarma è l’indifferenza con cui la maggior parte degli Italiani ha assistito ad un atto di grave sopruso sulla libertà individuale di tutti. È assurdo che senza quasi discussione si vada ad instaurare un sistema di crediti sociali che non sappiamo dove ci condurrà. La narrazione corrente descrive coloro che non si vaccinano come untori ai margini sociali. Cosa che non è! Ritengo grave che nelle aule universitarie non ci sia stata una ribellione che sarebbe dovuta iniziare da lì e investire tutta la società. Anche la classe medica si è rifiutata di stare dalla parte dei pazienti preferendo salvaguardare i propri interessi. Io ho avuto il covid ma ho deciso di usare il SGP solo per poter lavorare. Non lo mostro per NESSUN altro motivo in forma di piccolo gesto di solidarietà verso chi è stato sospeso. Spero che questo incubo finisca al più presto e che ognuno possa scegliere liberamente se assumere un farmaco o no. Tanti auguri al nostro Paese così martoriato!

  • Paolo

    Marzo 11, 2022

    Gentile prof. Biuso, scrivo il presente commento per esprimerle massima solidarietà e anche per ringraziarla di aver colto l’occasione, oltre che di testimoniare con il proprio vissuto la temperie dell’epoca attuale, anche di porre i punti cardine delle ragioni di chi si è opposto, e si oppone tuttora, a tutto l’impianto normativo ma anche etico-concettuale delle restrizioni ancora oggi in vigore. Per quanto tutto ciò sia purtroppo inutile, dato che il potere, ormai del tutto spersonalizzato, non ascolta – e non solo per una inesorabile e totale “eichamannizzazione” delle figure preposte al controllo sulle vite e sui corpi, ma soprattutto a causa della tecnicizzazione ed efficientamento delle procedure di esclusione.
    Questa notizia desta stupore quanto più le misure restrittive si sono completamente dileguate oltre confine. E infatti per me che vivo ormai stabilmente in Nord Italia, già da molte settimane basta andare in Slovenia, Croazia e Svizzera per prendere contezza della sparizione dal mondo del problema covid. Ma basterebbe, ai nostri connazionali, sfogliare qualche quotidiano straniero, magari facendo uso del tastino di traduzione automatica (tanto utile quanto inutilizzato), oppure sforzarsi di ascoltare qualche notiziario inglese o spagnolo in streaming (per citare due lingue ormai praticabili da chiunque). Ciò sarebbe utile perlomeno ad affievolire la ferocia del clima biomaccartista instaurato intorno all’affaire covid-19. Il problema, lo sappiamo, sta tutto lì, non nel potere che ordina, ma nel soggetto che vi obbedisce, e il paradosso è tanto più ridicolo quanto più questa obbedienza e inflessibilità vengono dal popolo più noto al mondo per aggirare le regole (anche le più insignificanti), per ricorrere ai sotterfugi e, allo stesso tempo e per la più vile delle ipocrisie nel moralizzare chi resiste.
    Tutto ciò si vorrebbe sminuire richiamando l’attenzione sulla banalità di fare “una semplice punturina”. Ma è proprio qui che la banalità del male torna in tutta la sua insidiosità, perché in quel gesto sono racchiusi la cessione al potere dell’ultima parola sul proprio corpo, la creazione di nuove consuetudini giuridiche, l’estrazione del massimo plusvalore anche dalla salute (ché la mera forza lavoro ai meccanismi insaziabili del capitale non era più sufficiente), il ritorno a una sorta di civiltà di colpa, il ritorno della censura (giacché la propaganda sul diritto di parola solo ai competenti, ha instaurato non solo conformismo ma anche autocensura tramite instillazione di senso di inadeguatezza). Riprova ne è che nonostante col tempo tante premesse tecniche e logico-concettuali siano venute meno, le norme vessatorie restano in vigore (a differenza di quanto avviene altrove, cfr. ad es. le motivazioni della sospensione dell’obbligo vaccinale in Austria). Assistiamo così al pieno dispiegamento di una società aperta-chiusa, dove l’apertura e la chiusura sono imposte sulle questioni di volta in volta rilevanti per i governi in carica, ciò che rende tutto il costrutto pienamente ascrivibile a forme di totalitarismo morbido (a dispetto dei tanti strilli levati per negare questa condizione).
    Per quel che mi riguarda, avendo solo conseguito una triennale alcuni anni fa, avevo deciso poco prima della pandemia di intraprendere la magistrale, anche se non più giovanissimo, proprio motivato dalle sue pubblicazioni su questo sito, che ho seguito con costanza e che hanno permesso alla filosofia di non appassire nella mia vita, nonostante gli impegni lavorativi e familiari quotidiani. Detto ciò, non intendo frequentare e dare le sue materie fin quando non verrà reintegrato.

    La filosofia è salvifica, non l’accademia, purtroppo.

  • Dario Generali

    Marzo 11, 2022

    Caro Alberto,
    come sai, sono favorevole al vaccino e mi sono sottoposto a tutte e tre le dosi che ci sono state suggerite. I vaccini, come tutte le terapie, hanno delle controindicazioni e degli effetti collaterali e devono essere valutati sul piano del rapporto fra costi e benefici. Da questo punto di vista appare abbastanza evidente che la somministrazione dei vaccini abbia sempre rappresentato un vantaggio da un punto di vista statistico.
    Detto questo, sono però altrettanto convinto che non si possano imporre trattamenti sanitari e che la decisione non possa che spettare a ogni singolo individuo. Sono anche convinto che i non vaccinati non costituiscano affatto un rischio per i vaccinati, ma che accada l’esatto contrario. Se qualcuno decide di non vaccinarsi lo fa a proprio rischio e pericolo e nessuno può costringerlo a fare qualcosa che non voglia. Se mai il problema può essere la difficoltà a gestire il numero di pazienti con sintomi gravi e la resistenza a vaccinarsi di frange ampie della popolazione potrebbe creare problemi a questo livello. Oggi, però, in Italia siamo al 90% circa di vaccinati e quindi anche questo problema oggi non si pone.
    Non posso quindi che condannare la decisione della tua amministrazione di appartenenza ed esprimerti tutta la mia solidarietà rispetto al provvedimento a cui sei stato sottoposto nella tua Università, che, tra l’altro, è anche illegittimo da un punto di vista legale, visto che hai prodotto una documentazione medica che attesta un rischio possibile per la tua salute nel caso ti sottoponessi alla vaccinazione.
    Un caro saluto.
    Dario

  • Cetti Patané

    Marzo 11, 2022

    Prof. Biuso, io sono con lei. Dopo l’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale per gli over 50 (e dopo due giorni di pianto) ho fatto la prima dose. Esattamente 10 giorni dopo mi sono ammalata di Covid. Ho comunicato sia al medico curante che sul posto di lavoro che alla scadenza della tessera verde non farò alcun richiamo e chiederò l’aspettativa non retribuita in attesa di tempi migliori. Mi permetto di abbracciarla con immensa stima.

  • Donatella

    Marzo 11, 2022

    Caro Professore, sono Donatella Tinella, la mamma di Marcosebastiano Patane’ , desidero esprimerle la mia “ vicinanza “ ed al contempo il mio disgusto per ciò’ che le sta accadendo .
    Con l’affetto di sempre
    Donatella Tinella

  • Concetto Baronessa

    Marzo 11, 2022

    Jacques Maritain ha scritto che una legge ingiusta non è una legge. Le esprimo, stimatissimo prof. Biuso, I sensi della mia più piena approvazione e solidarietà. Concetto Baronessa, Siracusa

  • Gabriele

    Marzo 11, 2022

    Buonasera Professore, mi fa molta rabbia leggere queste sue parole, stiamo degenerando sotto ogni punto di vista…le parole per descrivere l’abominio di questi governanti non basterebbero e la discriminazione che hanno attuato nei suoi confronti è disumana
    Le mando la mia più sentita solidarietà,trovandomi nella stessa situazione di non inoculato , e ammiro la sua determinazione a non mollare a questo ricatto perché ormai di questo si tratta
    Cordiali saluti, Gabriele Meli

  • Tina Messineo

    Marzo 11, 2022

    Caro Alberto, è una tristezza enorme tutto ciò che accade ad ognuno di noi negli ultimi due anni! Inquietante, forse rende meglio l’idea di ciò che i cittadini subiscono, vaccinati o no, tu l’hai spiegato tante volte e molti di noi abbiamo subito l’isteria collettiva da covid19.
    Ti ringrazio per l’ulteriore esempio che ci dai di dirittura morale.
    Ironizzando un po’, mi aspetto una ‘Scuola peripatetica’ cui molti parteciperanno se tu ne sarai il Maestro!
    A me tu, grande filosofo, continui ad insegnare come stare al mondo.

    • Cetti Patané

      Marzo 11, 2022

      Cara Tina, lui è ciò che un Docente deve essere. E che quasi tutti i docenti dimenticano di dover essere. “Dedicato a chi osa guardare in alto”, dice il quadro appeso nella sua stanza al Disum. Non dimentichiamo mai di farlo.

  • Elvia

    Marzo 11, 2022

    Mi dispiace immensamente caro Alberto. Unict fa innanzitutto un danno agli studenti, privandoli di uno dei professori migliori e fra i più amati. Li priva di un Maestro piuttosto che cercare una soluzione, anche attraverso strumenti legali, alla tua impossibilità , ampiamente certificata a fare il vaccino. Fra l’altro tutto questo nel momento in cui l’emergenza sanitaria anche in termini di legge sta per concludersi. Spero per noi tutti dell’Università di Catania, che si possa trovare una soluzione e tu possa rientrare in aula al più presto!

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti