Skip to content

Ho visto cose che voi umani non potete neppure immaginare. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione. I raggi beta balenare nel buio alle porte di Tannhäuser. Tutti questi momenti andranno perduti come lacrime nella pioggia. È tempo di morire…

— Ridley Scott, Blade Runner

Musica, movimento, mondi

Bonalumi 1958 – 2013
Milano – Palazzo Reale
A cura di Marco Meneguzzo
Sino al 30 settembre 2018

Agostino Bonalumi ha inventato l’estroflessione della tela, il quadro che si fa spazio, la pittura che diventa volume. La tempera vinilica, l’acrilico, la lucentezza del ciré che risplende come un astro, forniscono materia alla geometria, rendono fisico il progetto di una mente. Il risultato è una modulare semplicità che nel suo rigore regala quiete all’incertezza dei giorni umani, dando ragione ancora una volta al Maestro, a Platone per il quale la geometria è la sala d’ingresso della pace nell’esistere.
Partito da Alberto Burri e da Lucio Fontana, l’autodidatta Bonalumi compie un passo decisivo, immergendo la gettatezza nello spazio e creando -come rileva Gillo Dorfles- «una tela non dipinta e non strappata ma una tela costruita». Tela nella quale si muovono e insieme sono immobili il cerchio, la sfera, la gravitazione, le masse, l’armonia. Come corpi concavi e convessi che attendono di coniugarsi. Di volta in volta monocromatico e sempre però plurale perché colore è il mondo, colore diventa l’aria che sfiora l’opera.
Dagli anni Cinquanta del Novecento agli anni Dieci del XXI secolo, ininterrotta è l’evoluzione delle soluzioni espressive pur nella fedeltà all’estroflessione della forma. Ovunque e sempre contano le ombre che danno profondità, che dalla materia fanno sgorgare musica, movimento, mondi. Il Bianco per Galilei (2008) fa emergere dalla tela un pendolo. Un Bianco e nero (1968) disegna armonia nell’alternanza tra il niveo e delle sottili linee nere.
Opere come queste non sono riproducibili -ahimè- in fotografie e in immagini, neppure in quelle che accompagnano questo testo. La tridimensionalità ha bisogno di presenza affinché si possano cogliere e gustare il rigore concettuale e l’assoluta eleganza di quest’arte. 

  • Kierkegaard

    Kierkegaard, il gomitolo di fili intrecciati fra umano e divino il manifesto 15 settembre 2018 pagina 11 Pdf dell’articolo «Da molto tempo ho pigramente rinunciato all’umanità sebbene o proprio perché l’ho studiata a fondo». Tra...
  • Chisciotte

    Spazio Teatro 89 – Milano – 5 settembre 2018 Musica sospesa MI-TO Settembre Musica 2018 Georg Philipp Telemann Concerto in la maggiore per flauto traversiere, violino, violoncello, archi e continuo TWV 53:A2 Concerto in sol...
  • Eraclito

    Recensione a: Eraclito: la luce dell’oscuro a cura di Giuseppe Fornari Olschki Editore 2017, pp. 294 in Giornale di Metafisica Numero 1/2018 Pagine 363-365 Pdf della recensione Restituire a Eraclito la sua unità. L’unità...
  • Globalizzazione

    La Globalizzazione è un errore anche ontologico che si ripresenta spesso nelle vicende umane e che consiste nel prevalere di uno dei due paradigmi che strutturano l’essere: l’Identità e la Differenza. La Globalizzazione è...
  • Nothing

    Lucky di John Carrol Lynch USA, 2017 Con: Harry Dean Stanton (Lucky), David Lynch (Howard), Tom Skerritt (Fred), Ron Livingston (Bobby Lawrence), Beth Grant (Elaine), Barry Shabaka Henley  (Joe) Sceneggiatura di Logan Sparks e...
  • Architettura / Tempo

    Luigi Ghirri. Il paesaggio dell’architettura  Triennale di Milano A cura di Michele Nastasi Allestimento di Sonia Calzoni Grafica di Pierluigi Cerri Sino al 9 settembre 2018 In un lungo corridoio centrale le fotografie di...
  • Programmi 2018-2019

    Nell’anno accademico 2018-2019 insegnerò Filosofia teoretica, Filosofia della mente e Sociologia della cultura. Pubblico i programmi che svolgerò, inserendo i link al sito del Dipartimento di Scienze Umanistiche di Catania per tutte le altre (importanti)...
  • I taccuini di Heidegger

    Friedrich-Wilhelm von Herrmann Francesco Alfieri Martin Heidegger. La vérité sur ses Cahiers noirs Traduit de l’italien et de l’allemande par Pascal David Gallimard, Paris 2018 Pagine 487 Dopo la traduzione in tedesco (Duncker &...
Vai alla barra degli strumenti