Skip to content

Mal si addice al filosofo, che è chiamato a sostenere l’interesse della teoria pura, il lasciarsi determinare dal problema dell’utilità pratica. Egli dovrebbe anche sapere che proprio sotto l’ “ovvietà” si nascondono i problemi più difficili, al punto che si potrebbe paradossalmente, ma non senza un profondo significato, definire la filosofia come la scienza dei luoghi comuni.

— Edmund Husserl, Ricerche logiche II, Terza ricerca, Osservazioni, Il Saggiatore, p. 129.

Forma Quartetto

Piccolo Teatro Grassi – Milano – 7 settembre 2018
Kronos
MI-TO Settembre Musica 2018

Kronos Quartet
David Harrington
John Sherba
violini
Hank Dutt, viola
Sunny Yang, violoncello

Programma
Islam Chipsy, Zaghlala – Dan Becker, Carrying the Past – Fodé Lassana Diabaté, Sunjata’s Time: 5. Bara kala ta – Laurie Anderson, Flow – Michael Gordon, Clouded Yellow – Konono N°1, Kule Kule – Abel Meeropol, Strange Fruit – Terry Riley, One Earth, One People, One Love – Omar Souleyman, La Sidounak Sayyada I – Pete Townshend, Baba O’Riley – George Gershwin, Summertime – Steve Reich, Different Trains

Il Quartetto d’archi è una delle forme più tradizionali della musica classica. Sia come formazione -due violini, viola e violoncello- sia come composizione. Una forma che con il Kronos Quartet è esplosa. Fondato nel 1973, il Quartetto di San Francisco esegue musiche che vanno dal Rinascimento al rock, dal romanticismo a brani di autori contemporanei pensati per questa formazione. Che non si limita a suonare i quattro strumenti ma aggiunge percussioni, utilizza l’amplificazione elettronica, innesta l’esecuzione dal vivo su basi registrate sia strumentali sia vocali. A esplodere è la bellezza, la potenza, l’universalità della musica. E lo fa in un modo assai particolare perché questa universalità -la grande varietà delle epoche, degli stili, dei compositori- viene sempre ricondotta alla forma quartetto, che ne viene dunque trasformata mentre essa trasforma in se stessa tutto ciò che tocca.
A Milano il Kronos ha eseguito un repertorio che ben restituisce il suo eclettico rigore. Da Laurie Anderson a Steve Reich, da Gershwin agli Who, da musiche africane e siriane alla molteplicità del minimalismo.
Una delle iniziative più feconde -tra le tante- del quartetto si chiama Fifty for the Future: The Kronos Learning Repertoire e consiste nella commissione, esecuzione e distribuzione gratuita di cinquanta nuove composizioni in cinque anni. Uno di questi brani è del compositore egiziano Islam Chipsy, si intitola Zaghlala (2017) ed è stato arrangiato da Jacob Garchik. È una musica che coniuga ritmi orientali, raffinatezze elettroniche, danze ancestrali, stridori antichi e resurrezioni nel tempo. Una musica magnificamente eseguita dal Kronos Quartet.
Si può scaricare lo spartito ed ascoltare questa e altre composizioni dal sito Kronos Quartet.

  • Tulipani

    Tulip Fever (Titolo italiano: La ragazza dei tulipani) di Justin Chadwick Gran Bretagna – USA, 2017 Con: Alicia Vikander (Sophia Sandvoort), Christoph Waltz (Cornelis Sandvoort), Dane DeHaan (Jan van Loos), Holliday Grainger (Maria), Judi...
  • Una dura bontà

    Louis-Ferdinand Céline La Chiesa Commedia in cinque atti (L’Église, 1933; Gallimard 1952) Traduzione di Susanna Spero Introduzione di Maurizio Gracceva Irradiazioni, Roma 2002 Pagine 166 Inizia in Africa. Si sposta poi negli Stati Uniti...
  • Musica, movimento, mondi

    Bonalumi 1958 – 2013 Milano – Palazzo Reale A cura di Marco Meneguzzo Sino al 30 settembre 2018 Agostino Bonalumi ha inventato l’estroflessione della tela, il quadro che si fa spazio, la pittura che diventa...
  • Kierkegaard

    Kierkegaard, il gomitolo di fili intrecciati fra umano e divino il manifesto 15 settembre 2018 pagina 11 Pdf dell’articolo «Da molto tempo ho pigramente rinunciato all’umanità sebbene o proprio perché l’ho studiata a fondo». Tra...
  • Chisciotte

    Spazio Teatro 89 – Milano – 5 settembre 2018 Musica sospesa MI-TO Settembre Musica 2018 Georg Philipp Telemann Concerto in la maggiore per flauto traversiere, violino, violoncello, archi e continuo TWV 53:A2 Concerto in sol...
  • Eraclito

    Recensione a: Eraclito: la luce dell’oscuro a cura di Giuseppe Fornari Olschki Editore 2017, pp. 294 in Giornale di Metafisica Numero 1/2018 Pagine 363-365 Pdf della recensione Restituire a Eraclito la sua unità. L’unità...
  • Globalizzazione

    La Globalizzazione è un errore anche ontologico che si ripresenta spesso nelle vicende umane e che consiste nel prevalere di uno dei due paradigmi che strutturano l’essere: l’Identità e la Differenza. La Globalizzazione è...
  • Nothing

    Lucky di John Carrol Lynch USA, 2017 Con: Harry Dean Stanton (Lucky), David Lynch (Howard), Tom Skerritt (Fred), Ron Livingston (Bobby Lawrence), Beth Grant (Elaine), Barry Shabaka Henley  (Joe) Sceneggiatura di Logan Sparks e...
Vai alla barra degli strumenti