Skip to content

…e l’Inferno si faccia conto, è quell’isola maceriata e persa, la Sicilia

— Stefano D’Arrigo, Horcynus Orca, Rizzoli, p. 60

Amleto

Piccolo Teatro Strehler – Milano
Concerto per Amleto
da The Tragedy of Hamlet, Prince of Denmark (1600-1601)
di William Shakespeare
Drammaturgia Fabrizio Gifuni, con la consulenza musicale di Rino Marrone
Voce Fabrizio Gifuni
Direttore dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano: Rino Marrone
Musiche di Dmitrij Šostakovič: da Op. 32,  musiche di scena per l’Amleto di Nikolai Akimov e Op. 116, musiche per il film Hamlet di Grigori Kozintsev

La voce di Fabrizio Gifuni si fa anch’essa strumento, diventa solista che si staglia dentro le note ilari e tragiche di Šostakovič. Una voce capace di essere i personaggi della tragedia paradigma, dell’Orestiade rivisitata da Shakespeare con tutta l’interiorità e l’autocoscienza che i Greci per loro fortuna non avevano.
Il nichilismo che pervade Amleto non è infatti soltanto la sapienza che ben sa come «ogni cosa vivente è dovuta alla morte» (trad. di Luigi Squarzina, atto I scena II) ma è anche l’incertezza su cosa sia meglio, se l’esserci o il suo contrario, è il bisogno di una «felicità» capace di affrancarsi dal doloroso respiro «di questo mondo acre» (V, II).
Acre è infatti la vita. E non l’addolciscono né la vendetta né il perdono. La consola, alla fine, soltanto il silenzio sul quale Amleto si chiude senza potersi chiudere, rimanendo aperto al tempo fuori dai cardini, all’imprevedibile che sempre scompagina i piani degli umani, li ferma, li capovolge, li nega e li compie.
Ma c’è una potenza che tutta attraversa la vita, anche per Shakespeare, la potenza «capace di annientare se stessa e di condurre la volontà ad atti disperati, come nessun’altra passione umana» (II, I); la potenza che è la stessa in Medea come in Proust, al di là dell’abisso dei secoli; la potenza dell’amore e del desiderio dell’Altro che appare come promessa di luce e però come ombra svanisce nei sentieri del divenire.
Il concerto di Gifuni comincia premettendo qualcosa che nel testo shakespeariano non c’è ma che ben contribuisce a spiegarlo. Comincia con le parole di Eraclito sul tempo come αἰὼν παῖς ἐστι παίζων πεσσεύων· παιδὸς ἡ βασιληίη (detto 52), sull’umano come un giocattolo in mano al tempo/bambino, il quale si trastulla sulla scacchiera del mondo, dandogli ordine, senso, divenire e disfatta.
L’umano, «questa quintessenza di polvere», non piace al Principe di Danimarca (II, II). Se a ciascuno si desse secondo il suo valore, le frustate sarebbero secondo Amleto la ricompensa da ognuno meritata. Soltanto chi è in grado di porsi l’enigma e di non cercare illusioni, soltanto questi -forse- merita qualche luce. Il «dolce principe» (V, II), sin dall’inizio morente, ci ricorda ciò che siamo, ci canta la musica disumana del mondo.

  • L’esca

    Vice. L’uomo nell’ombra di Adam McKay USA, Gran Bretagna, Spagna, Emirati Arabi Uniti, 2018 Con: Christian Bale (Dick Cheney), Amy Adams (Lynne Cheney), Steve Carrel (Donald Rumsfeld), Sam Rockwell (George W. Bush), Tyler Perry...
  • La gioia

    Johann Sebastian Bach Grosser Herr, o starker König Dall’Oratorio di Natale (Weihnachtsoratorium BWV 248) per soli, coro e orchestra Diego Fasolis & I Barocchisti [Audio clip: view full post to listen] Versione in html...
  • Finlandia

    Un Paese giovane in ogni senso: storico e anagrafico. Un luogo fatto di natura e architettura, entrambe potenti. Uno spazio di mediazione politica tra i due blocchi quando ancora i due blocchi c’erano. Un...
  • La mente di Van Gogh

    Van Gogh. Sulla soglia dell’eternità (At Eternity’s Gate) di Julian Schnabel USA, 2018 Con: Willem Dafoe (Vincent Van Gogh), Oscar Isaac (Paul Gauguin), Rupert Friend (Theo Van Gogh), Emmanuelle Seigner (Madame Ginoux), Mathieu Amalric...
  • La violenza cristiana

    Una visione del mondo che rifiutava «la tirannia della gioia» il manifesto 5 gennaio 2019 pagina 11 Pdf dell’articolo Versione on line Le persecuzioni attuate dai cristiani nei confronti del paganesimo testimoniano una storia fatta...
  • Natura morta metafisica

    Carlo Carrà Milano – Palazzo Reale A cura di Maria Cristina Bandera Sino al 3 febbraio 2019 Si viene accolti da Strada di casa (1900), un piccolo magnifico dipinto in movimento. Tutta in moto...
  • L’inizio

    Martin Heidegger Parmenide (Parmenides [1942/43], Vittorio Klostermann, Frankfurt am Main 1982) A cura di Manfred S. Frings Edizione italiana a cura di Franco Volpi Traduzione di Giovanni Gurisatti Adelphi, 2005 Pagine 297 Das Anfängliche,...
  • Postilla al Sessantotto

    Guy Debord aveva previsto la dissoluzione delle istanze di classe in una società dello spettacolo del tutto interclassista e antipolitica, quella che il Sessantotto ha favorito. È anche questo che ho cercato di argomentare...
Vai alla barra degli strumenti