Skip to content

Non si pò avere maggior, né minor signoria che quella di se medesimo.

— Leonardo da Vinci, Scritti letterari, (Rizzoli), pensiero 65, p. 71

«Io sono Don Chisciotte»

L’uomo che uccise Don Chisciotte
(The Man Who Killed Don Quixote)
di Terry Gilliam
Gran Bretagna – Spagna, 2018
Con: Jonathan Price (Don Chisciotte), Adam Driver (Toby), Joana Ribeiro (Angelica), Olga Kurylenko (Jacqui), Stellan Skarsgård (Il boss), Óscar Jaenada (lo zingaro), Jordi Mollà (Alexei Miiskin)
Sceneggiatura di Tony Grisoni e Terry Gilliam
Trailer del film

Siamo noi. Ciascuno con le proprie ossessioni, con le memorie continuamente cangianti, con i desideri possibili e impossibili, con i ritmi temporali della vita che a volte corrono, rallentano, mutano, ci portano nell’altrove dell’euforia e nel consueto del disincanto. Don Chisciotte siamo noi, quando dietro le  nostre abitudini, mestieri e costrizioni appare un sogno. Per lo più si chiama amore ma può essere ed è un qualsiasi traguardo assoluto, un raggiungimento, un’avventura. Allora ambienti e personaggi di solito così comuni si trasfigurano nello spazio della possibilità e della meraviglia. E il mondo diventa interessante. Diventa immaginazione, parola, letteratura, romanzo.
Terry Gilliam giunge a uno dei nuclei della storia inventata da Cervantes, a uno degli elementi che rendono l’Ingenioso Hidalgo Don Quijote de la Mancha una figura del sempre. Il suo film è tante cose: è cinema dentro il cinema, è fusione del paesaggio interiore con quello orografico, è gioco, è ironia, è tragedia. The Man Who Killed Don Quixote lascia il retrogusto amaro di una sconfitta ma rimane aperto alla potenza di un archetipo che non muore. Fedele al romanzo di Cervantes e insieme a fondo stravolgendolo, il film ha la capacità di transitare su piani ontologici diversi senza dare alcuna impressione di forzatura e di artificio ma come se fosse del tutto naturale muoversi in modo immediato e veloce tra luoghi differenti, tempi lontani, oggetti che trasmutano, veli che si squarciano, miserie riscattate, miserie ripetute. È infatti naturale tutto questo e lo chiamiamo vita.
«Io sono Don Chisciotte della Mancha».

  • Contro i cristiani

    Composto tra il 270 e il 272, probabilmente su invito di Plotino, il Κατά Χριστιανών di Porfirio (Contro i cristiani. Nella raccolta di Adolf von Harnack con tutti i nuovi frammenti in appendice [1916], a cura...
  • Dialettica dell’umanesimo

    Dialettica dell’umanesimo in Liberazioni. Rivista di critica antispecista Anno IX / n. 34 / Autunno 2018 Pagine 26-37 Pdf del testo Affrancarci dal paradigma umanistico significa fare della sua dialettica una forma della consapevolezza del...
  • Vom Ereignis

    Martin Heidegger Contributi alla filosofia (Dall’evento) [Beiträge zur Philosophie (Vom Ereignis), 1989] A cura di Friedrich-Wilhelm von Herrmann Traduzione di Franco Volpi e Alessandra Iadicicco Adelphi, 2007 Pagine 497 Il libro che oggi vorrei segnalare...
  • Dickinson

    A Quiet Passion Regia e sceneggiatura di Terence Davies Gran Bretagna – Belgio – USA, 2017 Con: Cyntia Nixon (Emily Dickinson), Jennifer Ehle (Vinnie Dickinson), Keith Carradine (Edward Dickinson), Duncan Duff (Austin Dickinson), Catherine...
  • Cyborgsofia

    La rivista Zero Zero News mi ha chiesto un’intervista sul concetto di Cyborgsofia; la conversazione è stata pubblicata il 17 settembre 2018. Link all’intervista «L’umano è una struttura da sempre ibridata con altre dimensioni dell’essere....
  • Teoria dell’arte contemporanea

    Da ieri, 30 settembre 2018, ha riaperto il MACRO, il Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Aperto con un’idea diversa di Museo, che il Direttore artistico Giorgio De Finis ha voluto chiamare MACRO Asilo. Tra...
  • In-der-Welt-sein

    Per disinnescare la prevaricazione verso il vivente il manifesto 29 settembre 2018 pagina 11 Pdf dell’articolo Essere antispecisti significa comprendere che la forma più radicale di eguaglianza è quella ontologica. Su questo piano le...
  • Les Misérables

    Un affare di famiglia (Shoplifters) di Kore’eda Hirokazu Giappone, 2018 Con: Lily Franky (Osamu Shibata), Kirin Kiki (Hatsue Shibata), Sakura Andô (Nobuyo Shibata), Mayu Matsuoka (Aki Shibata), Jyo Kairi (Shota Shibata), Miyu Sasaki (Juri)....
Vai alla barra degli strumenti