Skip to content

Non affannatevi dunque per il domani, poiché il domani avrà già le sue inquietudini. A ogni giorno basta la sua pena.

— Jeshu-ha-Notzri, Mt., 6, 34

Luce

Lucio Fontana 
Ambienti / Environments
Milano – HangarBicocca
A cura di Marina Pugliese, Barbara Ferriani e Vicente Todolí
Sino al 25 febbraio 2018

Di luce è fatta la materia, di luce è intrisa l’aria, di luce sognano gli occhi dei viventi, di luce è l’ultima nostalgia. Nessuno è indispensabile e anche il grande amore si dimentica. Ma la luce che in quei momenti -quando fai l’amore- entra dalle finestre o viene dalle lampadine. Quella non la dimentichi. Perché quella luce sei tu, e non lei o lui. Loro passano e quella luce rimane. Solo quella luce. L’oggetto d’amore è miraggio riflesso ombra. Luce che si forma e che ritorna dopo che la torcia della passione ne ha plasmato i contorni. Ma dentro quella forma, nulla. Nulla al di fuori dei pensieri totali che il sentimento crea. Che crea questo bisogno troppo umano di sentirsi amati.
Alla luce gli ambienti di Lucio Fontana offrono voce e tatto, trasformando lo spazio in sinestesia, alternando la profondità del blu con l’esplodere del rosso che investe afferra libera dall’angoscia del buio, insopportabile ai mortali. Guizza la luce attraverso i neon, si ferma nell’ultravioletto delle lampade di Wood, diventa velluto opalescente e morbida gomma in cui si affonda. Uno degli ambienti è la limpida geometria seriale di cinque brevi corridoi attraversati dal rosso infuocato dei neon alle pareti. Un altro spazio è lo stretto labirinto dove trionfa la gioia del bianco, che si conclude con la semplicità arcaica di un taglio nella parete larga alla quale infine si giunge. L’ambiente più ampio è attraversato da rette luminose blu e verdi, sospese nell’aria in diagonale e su molteplici livelli.


Gli Ambienti di Fontana costituiscono una novità assoluta (il primo è del 1949) che ha mutato l’itinerario dell’arte nella storia. Le invenzioni cromatiche e formali furono riprese nel viaggio conclusivo dell’astronave di 2001. A Space Odyssey. Tutto questo, che l’artista costruiva e poi smontava, è stato ricomposto con filologica acribia all’HangarBicocca di Milano e lo si gode penetrando nei suoi spazi.
E le parole di Fontana mostrano con saggezza il distendersi temporale della luce: «L’arte oggi è pura filosofia; finito l’uomo, continua l’infinito».

  • Mater

    Piccolo Teatro Studio – Milano Stabat Mater Oratorio per voce sola di Antonio Tarantino con Maria Paiato scene Alessandro Chiti musiche originali Paolo Coletta regia Giuseppe Marini Sino al 18 febbraio 2018 Maria Croce...
  • Solitudine

    Vivian Maier. Una fotografa ritrovata Catania – Fondazione Puglisi Cosentino A cura di Anne Morin e Alessandra Mauro Sino al 18 febbraio 2018 Gli umani, la loro costitutiva solitudine, che siano bambini, operai, madri,...
  • Jünger

    Ernst Jünger Trattato del ribelle (Der Waldgang, 1951) Trad. di Francesco Bovoli Adelphi, 2001 Pagine 136 Di fronte al potere che incessantemente interroga gli uomini contemporanei –tramite anagrafi, schedari, questionari, consultazioni elettorali, richiesta di...
  • Durga

    Durga Italia – Francia, 2017 Trailer del film I vicoli, il vulcano, la vita, il malfamato San Berillo. E Luna che li percorre, attraversa, osserva, vive. Chiede di Durga alla pescheria, alla Fera ‘o Luni, alle...
  • Smoralizzazione

    Venerdì 9.2.2018 parteciperò alla presentazione del libro di Eugenio Mazzarella L’uomo che deve rimanere. La smoralizzazione del mondo (Quodlibet, 2017) Con questo volume il cammino teoretico di Mazzarella perviene a uno dei suoi esiti più compiuti...
  • Mussolini / 2018

    Sono tornato di Luca Miniero Italia, 2017 Con: Massimo Popolizio (Mussolini), Frank Matano (Canaletti), Stefania Rocca (Bellini), Gioele Dix (Leonardi) Trailer del film La trama è identica a quella di Er ist Wieder Da,...
  • Eva

    Recensione a: Giuseppe O. Longo La gerarchia di Ackermann Jouvence, 2016 Pagine 365 in Nuova Prosa. Semestrale di narrativa Numero 68 – Settembre 2017 – Socialpatie, a cura di Simona Castiglione Pagine 129-132 Pdf della...
  • Malevite

    Milano e la Mala Storia criminale della città dalla rapina di via Osoppo a Vallanzasca Milano – Palazzo Morando A cura di Stefano Galli Sino all’11 febbraio 2018 Di fronte alla ferocia dei singoli...
Vai alla barra degli strumenti