Skip to content

Dann bewegen wir uns immer schon in dem geschehenden Unterschied (Ci muoviamo già sempre nella differenza che accade).

— Martin Heidegger, Die Grundbegriffe der Metaphysik. Welt – Endilchkeit – Einsamkeit, Klostermann, § 75, p. 519.

Nazareth

Wajib. Invito al matrimonio
di Annemarie Jacir
Palestina, 2017
Con: Mohammad Bakri (Abu Shadi), Saleh Bakri (Shadi), Maria Zreik (Amal)
Trailer del film (anche in lingua originale)

On the road per Nazareth, padre e figlio. Devono consegnare gli inviti (centinaia) al matrimonio della figlia e sorella. Dentro una città caotica, antica, deturpata e litigiosa. Abu Shadi e Shadi sono palestinesi cristiani, che entrano ed escono da case piene di ammennicoli, santini, liquori. Il padre è un apprezzato insegnante che cerca di sopravvivere in una comunità di oppressi, ligio alle tradizioni anche se ne comprende tutti i limiti. Il figlio si è trasferito in Italia, fa l’architetto, è amareggiato dal disordine e dalla sporcizia della città. Ama la figlia di un dirigente dell’OLP e non ha mai accettato l’occupazione israeliana della Palestina. La madre è lontana, negli USA. Due umani, due mondi, due modi diversi di vivere la servitù allo straniero. Gli israeliani ebrei compaiono soltanto in una breve scena dentro un ristorante ma la loro presenza è pervasiva e rende teso ogni dialogo tra padre e figlio.
Annemarie Jacir riesce a descrivere in modo diverso ogni ripetuta visita dei due personaggi agli invitati; fa del loro muoversi una autentica narrazione e non soltanto un documento; entra nelle case, nelle abitudini, nell’antropologia arabo-cristiana di Palestina; mostra con prudente lievità e dunque con più struggente esito l’oppressione esercitata da Israele. I due protagonisti restituiscono di questo mondo ogni ruga, ogni sorriso, la malinconia, la forza.

  • Ça va?

    Hemingway di Paolo Conte Appunti di viaggio (1982) [Audio clip: view full post to listen] Et alors, Monsieur Hemingway, ça va? Era persona dura e anche per questo alla lunga le donne non lo...
  • Il nostro bisogno di durare

    Storie. Il Design italiano  Triennale di Milano A cura di Silvana Annichiarico, Chiara Alessi, Maddalena Dalla Mura, Manolo de Giorgi, Raimonda Riccini, Vanni Pasca Sino al 20 gennaio 2019 Sedie, scarpe, tute da lavoro,...
  • Valutazioni didattiche 2018

    Pubblico i pdf con la valutazione didattica ricevuta per i corsi svolti nell’a.a. 2017-2018. Per l’insegnamento di Filosofia teoretica hanno sinora risposto al questionario on line 26 studenti. Per l’insegnamento di Sociologia della cultura hanno sinora risposto al...
  • Un abisso filosofico

    Heidegger e il complicato abisso dei «Quaderni neri»  il manifesto 8 novembre 2018 pagina 11 Pdf dell’articolo L’analisi che Eugenio Mazzarella dedica alla questione degli Schwarze Hefte è di grande rigore e plausibilità, ponendosi all’altezza nella quale sempre bisogna...
  • La festa, il dolore

    Venerdì 9 novembre 2018 alle 17,30 nel Coro di Notte del mio Dipartimento parlerò del magnifico libro di Franco Carlisi  Il valzer di un giorno (Seconda edizione rinnovata nei testi e nelle immagini, Gente di Fotografia Edizioni 2018)....
  • Regno umano

    Jean-Baptiste Del Amo Regno animale (Règne animal, Gallimard 2016) Trad. di Margherita Botto Neri Pozza Editore, 2017 Pagine 411 Due intervalli temporali, due epoche che si intrecciano e convergono «scontrandosi all’infinito con le tenebre»...
  • Stalin e gli altri

    Morto Stalin, se ne fa un altro (The Death of Stalin) di Armando Iannucci Gran Bretagna – Francia, 2017 Con: Steve Buscemi (Nikita Khrushchev), Simon Russell Beale (Lavrentiy Berija), Jeffrey Tambor (Georgy Malenkov), Olga...
  • Roma / Europa

    MACRO Asilo Museo d’Arte Contemporanea di Roma Sino al 31 dicembre 2019 Uno spazio immersivo, orizzontale, aperto, nel quale ogni cittadino che lo desideri può entrare, uscire, attraversare le sale che non ospitano mostre...
Vai alla barra degli strumenti