Skip to content


«L’Unione Europea di Hayek»

«L’Unione Europea di Hayek»

Il titolo di questa brachilogia non è mio ma è quello di un articolo della giornalista economica Giovanna Cracco, direttrice della rivista Paginauno. Il testo è stato pubblicato sul numero 61 (febbraio/marzo 2019) .
Degli economisti Friedrich August von Hayek e Milton Friedman ho parlato qualche giorno fa. Riprendo adesso il discorso in relazione alle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo. A distanza infatti di poco più di un anno dall’auspicio che nel marzo 2018 formulavo sul successo elettorale del Movimento 5 Stelle, alcuni elementi del programma di quel partito sono stati realizzati, molti altri no. E tuttavia confermo il mio sostegno al M5S.
A convincermi è stata anche e specialmente l’analisi che Cracco propone dei fondamenti e delle scelte politiche di un Parlamento Europeo di impronta liberale e liberista, come quello che ha rappresentato e governato l’Unione Europea negli ultimi cinque anni e continuerebbe a dominarla se prevalessero le formazioni politiche favorevoli al potere liberista. In Italia: il Partito Democratico; Forza Italia -la cui proposta di Mario Draghi a capo di un nuovo governo italiano (che avrebbe certamente il sostegno del PD), ha il pregio della chiarezza, Draghi è infatti l’emblema stesso dell’ultraliberismo dell’Unione Europea–; la Lega, che si presenta come ‘sovranista’ ma le cui scelte politiche sono nel segno del liberismo occidentalista.
Ho illustrato più volte le ragioni per le quali ritengo negative sino alla catastrofe le politiche liberiste; l’ho fatto ad esempio qui: Brexit. Assai meglio di quanto possa enunciarle io, che economista non sono, tali motivazioni vengono riassunte con grande chiarezza nell’articolo di Cracco, la cui rivista è decisamente ‘di sinistra’. Invito dunque a leggere queste poche pagine, nel cui pdf si trovano anche alcune mie evidenziazioni.

5 commenti

  • agbiuso

    Giugno 14, 2019

    Denis Collin sulla ‘lunghezza della catena’.
    «Qui ose encore parler de prolétariat, de classe ouvrière, de renversement du capitalisme? Le projet totalitaire n’a pas plus besoin des méthodes révolutionnaires du fascisme. Il ne doit plus y avoir la moindre place pour un projet alternatif, pour un mouvement luttant pour l’abolition du capitalisme. Le danger principal, vient de l’État entièrement assujetti aux intérêts financiers dominants et à la nouvelle caste « éduquée » qui parle couramment le ‘ business English ‘, a appris les méthodes du management par la terreur et de la manipulation sournoise, une caste qui n’a plus aucun lien ni aucune communication avec ceux d’en bas».

    Qui l’articolo completo: La liberté, une valeur en voie de disparition ?
    La Sociale, 14.6.2019

  • diego

    Maggio 27, 2019

    Un articolo molto interessante; alla fine la domanda è sempre quella: che serve una democrazia se non puo’ decidere sulle evoluzioni del mercato? Che serve un meccanico che non puo’ modificare il motore? La questione è sempre quella della natura dello stato, cos’è lo stato? Oltre a tutto, rispetto allo stato ottocentesco, lo stato moderno è anche un gigantesco assistente sociale che, con fatica, eroga pensioni, stipendi, welfare sempre col fiato corto rispetto ai bisogni sempre crescenti. Alla fine è chiaro che il problema sta proprio nel meccanismo centrale del capitalismo, quel continuo rilancio senza respiro, altrimenti il motore si ingrippa. Draghi, che pure era allievo di Federico Caffè, non ha potuto fare altro che allargare il buco. Dall’appesantimento finanziario di ogni umano agire; sono molto pessimista, senza una crisi finanziaria assolutamente spaventosa, senza una situazione da mostruoso dopoguerra planetario, non se ne puo’ uscire. Questo non me lo ha spiegato un anarcoantagonista, ma un amico che lavora abbastanza vicino al cuore della finanza: la puzza del morto di sente, ma per ora si camuffa col profumo fatto di soldi che saranno cartastraccia. Grazie Alberto, scusa la mia tirata

    • agbiuso

      Maggio 27, 2019

      Grazie a te, Diego, per le tue riflessioni e per l’efficacissima metafora finale.
      Sì, credo che che cose stiano come tu e il tuo amico le descrivete.

  • cristina

    Maggio 27, 2019

    Grazie Alberto, leggo ex post…esposta come tanti alla “deficienza” (mancanza ?) dei votanti.

  • Pasquale

    Maggio 25, 2019

    Grazie mille Alberto per questo ottimo articolo. Psq.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti