Skip to content


«Mò ce stà ‘o virùss»

«Mò ce stà ‘o virùss»

Veloci sono spesso i cambiamenti collettivi. A volte anche repentini. Diventano fulminei in presenza di eventi che sconvolgono proprio da un giorno all’altro la vita di milioni di persone. E quindi se «fino a pochi mesi addietro, in tutti i paesi si indicava come uno dei gravi drammi dell’epoca la solitudine», se «se ne discuteva sulla stampa, in radio, in tv, sul web», se «per combatterla si proponeva la ricetta dell’empatia. Dell’affetto. Della vicinanza. Dell’abbraccio. Di colpo, lo scenario si è rovesciato. […] Distanziamoci. E criminalizziamo chi non sta alle regole» (Marco Tarchi, Diorama Letterario 355, maggio-giugno 2020, p. 1).
Criminalizzazione che è uno degli effetti di «una vera e propria fabbrica della paura, che mette quotidianamente in circuito immagini e discorsi allarmanti» (Id., p. 2). Alcune delle conseguenze sono state sperimentate in un modo o nell’altro da tutti i cittadini. E sono queste: «La gran parte delle persone ha sacrificato volontariamente la propria libertà in cambio di un’illusoria sicurezza. La nostra prigionia, per quanto imposta dallo stato, è accettata dai più come male necessario. Lo Stato, principale responsabile della diffusione dell’epidemia, si declina come Stato Etico, padre che comanda, punisce e imprigiona i figli per il loro “bene”. I nemici sono quelli che non si piegano alle regole, persino quelle più insensate. I nemici sono i sanitari che denunciano la strage, invece di scrivere una pagina del libro Cuore del Covid-19. I nemici sono i lavoratori che scioperano nonostante i divieti, perché il ruolo di agnello sacrificale gli sta stretto. I nemici sono i detenuti che provano a sopravvivere. La delazione verso il vicino che trasgredisce è il premio morale per chi, strangolato dalla paura, resta intanato in casa, in inconsapevole attesa che il virus gli venga recapitato a domicilio dal parente che lavora o fa la spesa. Il panopticon globale è il passo successivo, la condizione che ci viene posta per passare dai domiciliari alla libertà vigilata. Sinora i più si sono piegati allo stato di eccezione senza opporre resistenza» (Maria Matteo, A Rivista anarchica, n. 443, maggio 2020, p. 12).

Sullo stesso numero di A Rivista anarchica, Giuseppe Aiello descrive una situazione che ho vissuto anch’io, identica, nel dialogo con alcuni amici e colleghi: «In tempi di pace, quando i morti sul lavoro, sulle autostrade, di cancro industriale si contano a decine di migliaia, ma non c’è “lo Gran Morbo” a minacciarci, citano Foucault come se fosse una specie di amico di famiglia dal quale hanno analiticamente appreso i segreti della microfisica del potere sin da quando erano in fasce. Adesso che si sono all’improvviso brancaleonizzati, della critica dell’istituzione medica, dell’analogia strutturale tra luoghi di detenzione brutale come il carcere e quelli della salute statalizzata non sanno più nulla. Ma come, il rapporto medico-paziente non era uno dei cardini della torsione autoritaria della società disciplinare? L’ospedale non aveva lo stesso significato di manicomio e caserma? No, roba passata, mò ce stà ‘o virùss» (p. 32).

Il virus ha colpito in modo drammatico l’Italia e l’Europa, le cui classi dirigenti reputano la sanità pubblica uno spreco da tagliare, tagliare, tagliare. In Lombardia, terra molto solerte nel tagliare, le conseguenze sono state tragiche.
L’Unione Europea, come mostra anche l’«accordo» suicida che in questi giorni i media presentano come una vittoria dell’Italia (!), non mira soltanto a tagliare quanto più possibile le spese sociali ma, più in generale, a «fare tabula rasa della lunga e ricca storia europea» (Yann Caspar, Diorama letterario 355, p. 14), cancellando il tesoro delle differenze a favore di una omologazione identitaria fondata sul primato di ciò che Aristotele chiamava crematistica, vale a dire l’elemento soltanto finanziario.

4 commenti

  • agbiuso

    Agosto 3, 2020

    In pieno agosto un ministro della salute produce l’effetto di lasciare a terra decine di migliaia di passeggeri dei treni. Persone che subiscono quindi un grave stress e treni sostituiti da bus assai più inquinanti. Ma la salute è soltanto quella relativa al Covid19. Le altre malattie -respiratorie, cardiologiche, psicologiche- non esistono.
    Anche questa unilateralità è espressione della superstizione dilagante.

  • agbiuso

    Agosto 2, 2020

    Coronavirus, governo contro la pubblicazione degli atti del Comitato tecnico scientifico: “Danneggerebbero l’ordine pubblico”
    il Fatto Quotidiano, 31.7.2020

    La scienza è per definizione una procedura pubblica, ripetibile, controllabile.
    In caso contrario si tratta di magia, di superstizione, di sette. E di questo si tratta ormai a proposito del Covid19.
    Ma il governo Conte non lo sa. E non lo sa neppure il Fatto Quotidiano.

  • agbiuso

    Luglio 30, 2020

    Questo testo, insieme a Distanziamento, è stato ripreso e pubblicato su corpi e politica:
    «Mò ce stà ‘o virùss»

  • agbiuso

    Luglio 26, 2020

    Soldi pubblici spesi per la distruzione. Un video rivolto anche a chi parla di virus, covid19, salute, lanciafiamme, scandali nella sanità. Su questo spreco criminale nulla da dire? La pubblicità e i finanziamenti ai vostri giornali vi fanno stare zitti?
    ==============

    Volete contare i mezzi di un cambio turno contro i notav?
    26.7.2020

    Questo video è stato girato ieri mattina durante il cambio turno delle forze dell’ordine dirette in Clarea.

    https://youtu.be/UBiMnHIBqOo

    Noi abbiamo contato:
    ❌ 10 auto della digos
    ❌ 9 camionette della polizia
    ❌ 6 jeep della polizia
    ❌ 5 camionette dei carabinieri
    ❌ 1 auto e 4 jeep dei carabinieri
    ❌ 2 camionette della guardia di finanza
    ❌ 2 bus dell’esercito

    A cosa è servito questo enorme dispiegamento di uomini e mezzi?

    Ad abbattere 2 barricate (il presidio dei Mulini è ancora al suo posto con i resistenti a difenderlo)
    Caricare 2 volte i solidali accorsi contro lo sgombero (riuscendo persino a ferirsi da soli tra forze dell’ordine)
    Lanciare lacrimogeni a freddo sui #NoTav

    Una stupida e puerile prova di forza che dimostra quale sia il modo in cui lo Stato affronta l’opposizione dei cittadini ad una grande opera inutile ed imposta.
    Senza parlare del fatto che i soldi spesi per queste assurde e spropositate operazioni vengono dalle nostre tasche.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti