Skip to content


Sul nichilismo politico-sanitario

Sul nichilismo politico-sanitario

Ho il piacere di condividere una testimonianza audio della bella esperienza che ho vissuto a Firenze lo scorso 19 febbraio, invitato dall’Osservatorio permanente sulla contemporaneità a tenere un incontro sulle radici e sulle dinamiche dell’epidemia Covid19.
L’ho fatto nel cuore della città, in un antico palazzo dove ho parlato in una modalità che non accadeva dal marzo del 2020, data dell’ultima vera lezione che ho svolto presso il Dipartimento di Catania nel quale insegno. Ricordo gli studenti l’uno accanto all’altro nell’aula, alcuni seduti a terra, nessuno -ovviamente- con maschere addosso. Lo scambio degli occhi, i volti che parlano, i sorrisi, il moto degli zigomi coerenti con il movimento degli occhi, la serenità, la libertà. E insieme a tutto questo una competenza e lucidità testimoniate da quasi quaranta minuti di dialogo con colleghi, studenti, cittadini (quest’ultima parte non è riportata nel file che allego). La presentazione è della Prof. Roberta Lanfredini, ordinario di Filosofia teoretica nell’Università di Firenze.
Durante la lezione ho fatto due sole citazioni, una dalla Politica di Aristotele, l’altra da Ivan Illich: «Quando tutta una società si organizza in funzione di una caccia preventiva alle malattie, la diagnosi assume allora i caratteri di una epidemia. Questo strumento tronfio della cultura terapeutica tramuta l’indipendenza della normale persona sana in una forma intollerabile di devianza. […] L’individuo è subordinato alle superiori ‘esigenze’ del tutto, le misure preventive diventano obbligatorie, e il diritto del paziente a negare il consenso alla propria cura si vanifica allorché il medico sostiene ch’egli deve sottoporsi alla diagnosi non potendo la società permettersi il peso d’interventi curativi che sarebbero ancora più costosi» (Nemesi medica. L’espropriazione della salute [Limits to medicine-Medical Nemesis: the expropriation of health, 1976], trad. di D. Barbone, Red!,  2021, pp. 81-82).
Aggiungo qui, dallo stesso testo, una affermazione altrettanto lucida e profetica: «Ormai il cittadino, finché non si prova che è sano, si presume che sia malato. […] Risultato: una società morbosa che chiede una medicalizzazione universale, e un’istituzione medica che attesta una universale morbosità» (pp. 96-97).

 

3 commenti

  • agbiuso

    Marzo 5, 2022

    L’inclusione teorizzata e praticata dai buoni, dai giusti, dai democratici, dai politicamente corretti.

    ” alt=”” />

  • Ivan D'Urso

    Marzo 2, 2022

    Grazie per questa lezione professore, per il suo impegno e la sua resistenza. Ogni parola mi ha profondamente colpito ed emozionato. Sono trascorsi due anni, e siamo ancora qui, forse un po’ più soli ma con la stessa determinazione. Grazie di cuore.

    • agbiuso

      Marzo 2, 2022

      Siamo ancora qui ma non siamo così soli. Siamo milioni, anche se le televisioni, i giornali e i loro padroni ostracizzano, offendono, aggrediscono chi non obbedisce all’iniquità e alla passività.
      Siamo qui non “con la stessa determinazione” ma con una determinazione ancora maggiore.
      Grazie a lei, Ivan.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti