Skip to content


Simbiosi

Simbiosi

Steve McCurry – “Animals” 
Milano – Museo delle Culture
A cura di Biba Giacchetti
Sino al 14 aprile 2019

La simbiosi con l’altro animale è l’identità dell’umano. Una simbiosi fatta di archetipi -il bambino/toro; di paure -lo sguardo della scimmia-; di strumentalità e condivisione –la bella ragazza etiope con il suo gallo-; di ferocia -il cormorano morente nel petrolio e i cammelli in fuga dall’apocalisse petrolifera nella guerra scatenata dagli USA in Kuwait.
Durante la presentazione della mostra al Museo delle Culture, Steve McCurry ha riferito di aver visto crudeli combattimenti tra cani e altre specie di animali in Afghanistan, di aver assistito al rogo di animali vivi da parte di soldati negli zoo durante la guerra del Golfo. Ma di quei combattimenti nelle sue foto non c’è traccia. Non c’è traccia di animali diventati torce, non c’è traccia dei lager -allevamenti, macelli, stabulari e laboratori di vivisezione– dove gli altri animali subiscono torture senza fine da parte degli umani. Su questi luoghi vige un tabù fortissimo, domina un’invisibilità che soltanto pochi sono disposti a rendere manifesta (lo hanno fatto di recente Stefano Belacchi e Benedetta Piazzesi lavorando sul fotoreportage animalista).
Ma Steve McCurry rende ugualmente testimonianza all’animale con la sua magnifica arte fotografica. Da queste immagini infatti il silenzio dell’animale emerge come una parola potente, enigmatica, ancestrale, cosmica. Lo sguardo animale descrive il mondo, il limite del quale è intriso, il sempre che diviene e che va, sino alla fine, sino a «quelle profondità spumose dove più niente esiste…», come scrisse Céline a conclusione del suo ultimo romanzo, la cui dedica suona: «Agli animali».
Le immagini di McCurry disegnano i colori splendenti della materia, dello sguardo, della vita che diviene, della vita che va.

2 commenti

  • diego

    8 Marzo, 2019

    «il silenzio dell’animale emerge come una parola potente, enigmatica, ancestrale, cosmica. »

    Studiare, vedere, investigare, ma anche amare, la vita degli animali è fondamentale per capire noi stessi, la nostra autentica vicenda, che parte ben prima di 50mila anni fa, ma germina dalle primissime vicende della chimica che si fa bio-chimica. Questo per la vicenda nel suo dipanarsi in un tempo lunghissimo. Ma anche sul piano del presente, intercettare i sentimenti degli animali, paura, gioia, amicizia, gusto del gioco, dice moltissimo di noi umani, quel che siamo.
    Credo Alberto che anche uno dei tuoi libri più belli, quello su Nietzsche, rileva come il grande filosofo trovasse l’impulso del pensiero nella corporeità, nella profondità immensa del Bìos.

    • agbiuso

      8 Marzo, 2019

      Così è, caro Diego. Uno dei più importanti contributi di Nietzsche alla comprensione del mondo è proprio la continuità animale dell’umano (ti ringrazio per ciò che dici sul mio libro nietzscheano 🙂 ).

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti