Skip to content


Cyborgsofia

Cyborgsofia

La rivista Zero Zero News mi ha chiesto un’intervista sul concetto di Cyborgsofia; la conversazione è stata pubblicata il 17 settembre 2018.

«L’umano è una struttura da sempre ibridata con altre dimensioni dell’essere. L’antroposfera esiste e opera dentro la zoosfera (la relazione con gli altri animali), la tecnosfera (la relazione con le nostre macchine e dispositivi), la teosfera (la relazione con la dimensione del sacro). La filosofia del computer, o cyborgsofia, è un tentativo di pensare a fondo tali relazioni».

 

3 commenti

  • Selenia

    ottobre 5, 2018

    Sempre attuale questo libro. Ricordo vividamente quanto stupore mi suscitò la sua prima lettura. Dentro vi trovai pensieri nuovi, semplici ma nient’affatto banali, diversi da quelli che avevo imparato ad accettare nei miei precedenti anni di studio: perché contrapporre la natura alla cultura? Perché il corpo e la mente dovrebbero essere due cose distinte e separate? L’intelligenza é solo la logica? Il calcolo? Può darsi coscienza nello spazio di un bit?
    Perché le macchine non hanno una coscienza? Erano – e sono – domande emozionanti!
    In effetti mi accorsi di aver vissuto tutta una parte della mia vita a separare le cose, anziché provare a trovarvi una soluzione di continuità.

    Questo libro apparentemente asciutto, sintetico nella forma e spesso nei contenuti é ed è stato la fonte di tanta ispirazione, di tanta passione e il perno attorno al quale si è aggrappato il mio pensiero negli ultimi anni.
    La mia porta d’accesso a quell’Universo di senso che è la Filosofia, senza la quale di veramente sensato in questa vita rimane ben poco.

    Selenia

    • agbiuso

      ottobre 6, 2018

      Grazie davvero, cara Selenia, per delle parole così esatte e appassionate.
      La filosofia del computer è sempre e totalmente filosofia. Le sue riflessioni ne danno una testimonianza vivida, dall’interno di una mente giovane che apprende, che vuole apprendere.

  • Pasquale

    ottobre 5, 2018

    Letto con muchisimo gusto. Grazie Alberto. Psq.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti