Skip to content


Vaccini

Vaccini

Riprendo qui un sintetico e rigoroso articolo del fisico dell’Università di Catania Alessandro Pluchino, pubblicato qualche giorno fa su Corpi & politica. Una forma mentis scientifica permette, se adeguatamente esercitata, di cogliere l’evidenza che ideologie oscurantiste e interessi di varia natura tendono a nascondere.

===============
Vaccini: realtà e superstizione

di Alessandro Pluchino
(29.3.2021)

[Pubblichiamo un nuovo intervento di Alessandro Pluchino, fisico e professore di Fisica teorica, modelli e metodi matematici nell’Università di Catania. Si tratta di un contributo molto significativo anche perché va ben oltre la diatriba tra fautori e avversari della vaccinazione di massa, cogliendo invece alcune assai serie criticità. La lucidità ed evidenza delle riflessioni di Pluchino sono sconcertanti e confidiamo che aiutino i nostri lettori a comprendere sempre meglio che cosa è in gioco, quale regresso antiscientifico sia in atto nella gestione politica dell’epidemia e negli atteggiamenti superstiziosi che i media attivamente diffondono].

Sulla questione dei vaccini, un’opinione assolutamente non precostituita ma, per quanto possibile, oggettiva, emerge in maniera naturale dalle seguenti evidenze:

1) Tutti gli attuali vaccini sono stati approvati dalle agenzie del farmaco grazie – diciamo così – a una sorta di rito abbreviato, legato alla situazione di emergenza, dunque sono ancora per lo più sperimentali, e la vera sperimentazione la stanno facendo con chi si sta vaccinando e si vaccinerà in questi mesi; lo dimostra, se ce ne fosse bisogno, il caso Astrazeneca, che modifica di settimana in settimana il suo bugiardino a seconda delle reazioni avverse che si registrano in giro per il mondo dopo la sua somministrazione (che, si noti, inizialmente era vietata per gli over 55, adesso sta invece diventando vietata per gli under 55…!).
Il governo, il CTS e i media dovrebbero essere estremamente chiari su questo punto e dire: signori, siamo in una condizione di emergenza, e a fronte di questo vi proponiamo dei vaccini che sono ancora sperimentali; se ritenete, in base alla vostra età e al vostro stato di salute, che il gioco valga la candela, vaccinatevi pure, ma la vostra deve essere una scelta consapevole del fatto che non conosciamo i rischi a medio e lungo termine della vaccinazione. Purtroppo invece si procede esattamente nella direzione opposta, insistendo sul fatto che i vaccini sono comunque “sicuri” (che vuol dire “sicuri”? al 100%? al 99%? al 90%? all’80%?) e addirittura minacciando, direttamente o indirettamente, ritorsioni su chi non è intenzionato a vaccinarsi, dal licenziamento per le categorie degli operatori sanitari fino all’ormai famigerato “passaporto vaccinale”.

2) Incomprensibilmente (o forse non tanto…), si sta puntando tutto sui vaccini senza minimamente considerare l’efficacia, ormai fuor di dubbio, delle terapie domiciliari diciamo “alternative”, diverse cioè dalla prescrizione ufficiale che – con pochissime eccezioni lasciate all’autonomia regionale – prevede ancora, in caso di Covid-19, solo “tachipirina e vigile attesa”… sì, attesa che ti portino nei reparti di Terapia Intensiva (per poi dire che sono intasati); sono infatti ormai centinaia i medici che testimoniano di aver impedito il manifestarsi di sintomatologie più gravi a pazienti Covid di tutte le età semplicemente attuando, in maniera tempestiva (cioè al sorgere dei primi sintomi), terapie a base essenzialmente di cortisone, eparina e antibiotici (e con farmaci mediaticamente “tabù”, quali l’idrossiclorochina o l’ivermectina), evitando così nella stragrande maggioranza dei casi il ricovero.

3) Ma anche (ed è difficile farlo) chiudendo un occhio sui primi due punti, qualunque campagna di vaccinazione che sia sensata non dovrebbe prescindere dalla seguente distribuzione dei decessi per fasce d’età:

Guardandola, non ci vuole infatti un esperto per capire che vaccinando per primi tutti gli over 70 (come ad esempio stanno facendo in Paesi come l’Inghilterra o la Francia), si abbatterebbe di circa il 90% il numero dei decessi, che sono gli unici che contano. E invece in Italia che facciamo? Continuiamo a vaccinare categorie presunte “a rischio” (tra cui anche i docenti universitari…), a prescindere dall’età, arrivando al paradosso di avere – ad oggi – più vaccinati nella fascia 20-29 (cioè giovani per cui il Covid ha una pericolosità confrontabile con quella della comune influenza stagionale) rispetto alla fascia 70-79.

E nel frattempo si continua a terrorizzare la gente per cercare di convincere a vaccinarsi persone relativamente giovani e in ottima salute per cui il rischio derivante da vaccini sperimentali potrebbe essere maggiore rispetto a quello derivante dal Covid. Il tutto con l’obiettivo utopico di puntare a vaccinare, nel minor tempo possibile, tutta la popolazione italiana (peraltro mentre il virus muta con una rapidità impressionante lasciando aperti molti dubbi sull’efficacia degli attuali vaccini contro le nuove varianti), laddove è chiaro che, una volta “protetta” la categoria a maggior rischio (gli over 70), tutti gli altri – come ho scritto già in passato su Corpi & Politica – potrebbero essere lasciati circolare liberamente, se lo vogliono, con semplici precauzioni, così da raggiungere in maniera naturale la famigerata immunità di gregge. Ma c’è il sospetto che, una volta acquistati (preventivamente e spesso con contratti capestro) decine di milioni di vaccini, in qualche modo dovremo smaltirli…
E potrei ovviamente continuare, ma per il momento mi fermo qui.

68 commenti

  • agbiuso

    Dicembre 6, 2021

    Cari amici, ribadisco: attenti alla tracotanza, alla ὕβρις.
    Qualunque sia la vostra opinione sui vaccini, mantenete la misura e la cortesia.

  • agbiuso

    Novembre 30, 2021

    A chi crede a tutto quello che televisione e giornali sostengono.
    A chi non si pone mai il più piccolo interrogativo.
    A chi ritiene disdicevole ogni critica alla gestione politica del Covid19.
    A chi intima “vaccinatevi e non rompete i coglioni!”.

  • agbiuso

    Novembre 30, 2021

    Omicron.

  • agbiuso

    Novembre 30, 2021

    Attenti, cari amici. Gli dèi puniscono sempre la ὕβρις degli umani.

  • agbiuso

    Novembre 29, 2021

    Una variante schizofrenica.

  • agbiuso

    Novembre 28, 2021

    Che popolazioni supervaccinate si ammalino in questo modo rimane proprio un mistero…buffo e tragico.

  • agbiuso

    Novembre 27, 2021

    L’eterno ritorno dei vaccini.

  • agbiuso

    Novembre 19, 2021

    Un articolo uscito oggi, scritto da alcuni scienziati italiani.
    Vi si mostra che i cosiddetti vaccini contro il Covid19 sono in realtà dei farmaci e che dunque sottostanno a logiche molto diverse rispetto a quelle che un’informazione scorretta sta da troppo tempo illustrando.
    In alto un commento di Cacciari all’articolo.

  • agbiuso

    Novembre 17, 2021

    Dalla Rete, sull’efficacia dei vaccini contro il Covid19.

    ============
    Penso che tra tutti i vaccini che ho conosciuto nella mia vita (pertosse, difterite, tetano, vaiolo, morbillo, rosolia, parotite, epatite, meningite e tubercolosi), non ho mai visto un vaccino che prevede che si debba indossare una mascherina e mantenere il distanziamento sociale anche quando si è completamente vaccinati.

    Non ho mai sentito parlare di un vaccino che fa contrarre o diffondere il virus anche dopo la vaccinazione.
    Prima di questo, non abbiamo mai sentito di premi , sconti, incentivi per fare un vaccino.
    Non esistevano discriminazioni per chi non li avesse fatti.
    Se non facevi un vaccino nessuno ha mai cercato di farti sentire una cattiva persona.
    Non ho mai visto un vaccino che minacci il rapporto tra familiari, colleghi e amici.
    Non ho mai visto usare un vaccino per minacciare il sostentamento, il lavoro, la scuola.
    Non ho mai visto un vaccino che permettesse ad un bambino di 12 anni di sostituire il consenso dei suoi genitori.
    Dopo tutti i vaccini che ho elencato sopra, non ho mai visto un vaccino come questo, che discrimina, divide e giudica una società come quella di oggi.
    È un vaccino potente!
    Fa tutte queste cose menzionate eppure non fa ciò per cui dicono sia stato progettato.

  • agbiuso

    Novembre 17, 2021

    Assisto con tristezza allo scempio in atto dell’idea di scienza. Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Le ondate di fanatismo antiscientifico come quella in atto sono ricorrenti.

    ===============

    Andrea Zhok –“Consenso informato”
    l’Antidiplomatico, 16.11.2021

    A ) “Buongiorno, vorremmo iniettarle della roba in un braccio, non le dispiace firmare qua?”

    B ) “Prego? Firmare cosa?”

    A ) “È un consenso informato: dice che lei si è fatto iniettare la roba volontariamente e che sapeva cosa stava facendo.”

    B ) “Ma io non voglio iniettarmi niente, perché dovrei dare il mio consenso?”

    A ) “Ah, capisco, però se lei non accondiscende spontaneamente le togliamo il salario; ma naturalmente si senta libero di scegliere.”

    B ) “Orpo, sembra un po’ la libertà di quando chiedono ‘O la borsa o la vita’. Ma scusi, almeno, per capire, cos’è che mi state facendo? Cosa mi volete iniettare?”

    A) “Mi fa piacere che si stia convincendo. Non eluderò la sua domanda: le inietteremo ‘roba’ scientifica e lo facciamo per il bene suo e di tutti. Non direi che le serve sapere altro.”

    B ) “Scusi, ma a me pare un po’ poco. Magari ne sa lei qualcosa di più? O magari lo sa chi lo inietta?”

    A) “Come ha detto lei, magari. – No, in effetti io non ho la più pallida idea ci cosa sia la roba, né lo sa chi lo inietta, però non si deve preoccupare, c’è chi lo ha fatto al posto suo e sono scienziati col bollino, mica scappati di casa come lei.”

    B ) “Ma scusi, allora di che consenso informato parliamo? A parte che tanto consenziente proprio non sarei, ma se neppure lei ne sa niente, figuriamoci io. Lasci almeno che mi informi e valuti.”

    A) “Ah, vedo che lei è un nemico della scienza, oltre che un sovversivo egoista. Le ho detto che chi ne sa più di lei ha detto che le fa bene e che fa bene a tutti. E non penserà mica di potersi fare un’idea da solo no? E che adesso vendono lauree su internet?”

    B ) “Santo cielo, ma allora quale “informazione” devo possedere per firmare il consenso “informato”? Quella che mi dà lei? Allora si prende lei allora la responsabilità di quello che c’è nella roba?”

    A) “Figuriamoci. Non ho idea di cosa sia, né mi interessa. E in ogni caso lei deve firmare – liberamente si intende – proprio per togliere a me ogni responsabilità.”

    B ) “Ah, capisco. Almeno chi mi fa l’iniezione, lui sarà responsabile di qualcosa?”

    A) “Non scherziamo, chi fa l’iniezione è uno scappato di casa come lei, e prima di venire qua gli abbiamo garantito che non sarà responsabile assolutamente di nulla, altrimenti col piffero che si prestava.”

    B ) “Ok, ma insomma, se né l’inoculatore né lei sapete nulla o siete responsabili di nulla, beh, almeno chi ha fabbricato la roba, lui sarà responsabile se sta roba non fa proprio bene come dice?”

    A) “Ehm, no, il fabbricante – cui abbiamo anticipato i soldi per la fornitura – ha chiesto e ottenuto di non essere responsabile di nessun eventuale problema connesso alla roba che ci ha consegnato.”

    B ) “Mi faccia capire: chi mi inietta la roba non sa e non ne risponde, chi mi obbliga a iniettarmela non sa e non ne risponde, chi ha fabbricato la roba forse sa, ma comunque non ne risponde. Ma e se, dio non voglia, qualcosa va storto? Se mi succede qualcosa? Chi paga? E se mi succede qualcosa di serio, chi porta da mangiare ai miei figli? Almeno ci sarà un risarcimento?”

    A) “Vedo che insiste con la sua testardaggine antiscientifica. Non ci sarà nessun risarcimento perché, come le ho detto dall’inizio, la roba si inietta per il bene suo e per il bene di tutti. Dunque la roba fa bene, non male. E se fa bene è impossibile che le succeda alcunché. E se le succede sarà solo colpa del caso, non colpa della roba. Le sconsiglio di mettere queste idee sovversive in testa alla sua famiglia, che non pensassero di lamentarsi e scroccare denari a chi fa loro del bene. Sarebbe comunque inutile: la roba non andrà assolta, perché non verrà proprio imputata.

    Nell’eventualità di una sciagurata coincidenza fatale sarà comunque nostra cura inviare una corona di fiori alla famiglia: preferenze?”

  • agbiuso

    Novembre 5, 2021

    Nonostante la superstizione dilagante, bisognerebbe ancora esercitare un minimo di razionalità.
    Se la notizia data qui sotto è vera, bisognerebbe dedurne che gli attuali vaccini non sono efficaci, semplicemente.
    E questo al di là dell’essere o meno favorevoli a tale «sperimentazione di massa», come ormai la definisce la stessa informazione dei Governi.
    Ma se non funzionano, è ancora più insensato imporli ai cittadini che non intendono vaccinarsi.
    Oppure la notizia è falsa e la si propaga soltanto per terrorizzare e ricattare ancor più di quanto non si sia fatto sinora.
    In entrambi i casi, si tratta da parte delle autorità di comportamenti inaccettabili, che ogni cittadino rispettoso dei diritti propri e altrui dovrebbe condannare.

  • agbiuso

    Novembre 4, 2021

    Da quanto si apprende, l’autorizzazione ai vaccini Pfizer è stata concessa sulla base di studi finanziati dalla stessa Pfizer.
    È assai grave ma è soltanto una delle pericolose «incongruenze» della vicenda Covid19.

  • agbiuso

    Novembre 2, 2021

    Protezioni…

    …numeri

    …e coincidenze

  • agbiuso

    Ottobre 31, 2021

    Danni da vaccini Covid19.

  • agbiuso

    Ottobre 27, 2021

    Vaccini da favola.

  • agbiuso

    Ottobre 25, 2021

    I versi sono di alcuni studenti dell’Università di Firenze.

  • agbiuso

    Ottobre 20, 2021

    Osservazioni corrette ma che non sono state prese in considerazione quando -dal febbraio 2020- è iniziata l’ondata di terrorismo sanitario che ci sta privando della libertà di lavorare e di vivere.
    Osservazioni che si utilizzano ora per evidenziare come i tanti morti di Covid tra i vaccinati siano dovuti (anche) a fattori quali l’età e la fragilità.
    E questo conferma l’uso pesantemente politico dei dati scientifici, che è uno degli aspetti più tragici di tutta la vicenda.

  • agbiuso

    Settembre 18, 2021

    Da un articolo di Andrea Zhok
    Dall’era della certificazione verde: Dialogo tra un Credente e uno Scettico
    Fonte: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-andrea_zhok__dallera_della_certificazione_verde_dialogo_tra_un_credente_e_uno_scettico/39602_43045/
    14.9.2021

    Alcuni brani:

    A chiunque abbia una preparazione scientifica anche modestissima dovrebbe essere chiaro che negli organismi i processi hanno un loro modo di dispiegarsi nel tempo che non può essere ‘digitalizzato’, non può essere rimpiazzato da altre variabili intensive. […]
    Quello che viene fatto passare per “calcolo costi-benefici” è in effetti un gioco d’azzardo sulla pelle della gente. […]
    Mi pare che il disprezzo per qualunque metodologia e qualunque deontologia sia tale da rendere ogni ulteriore discussione imbarazzante e superflua. […]
    Detto questo io non mi permetterei mai di dire a qualcuno che deve o non deve vaccinarsi, che sia giovane o anziano, perché in ultima istanza ogni scelta sulla propria salute avviene sulla base di una coscienza in prima persona cui gli altri non possono (non devono) sostituirsi. Quello che però credo si possa dire, con tutta la sicurezza che possiamo estrarre dall’informazione ora disponibile, è che non ci sono affatto ragioni che facciano pesare la bilancia a favore della vaccinazione per le fasce più giovani. […]
    Ma davvero niente di ordinario c’è nell’atmosfera di battaglia ideologica che si è istituita nel corso di quest’anno sul tema dei vaccini anti-Covid. Abbiamo assistito ad una fortissima polarizzazione, in cui il ceto medico è stato spesso chiamato a prendere le parti della Scienza contro il Pregiudizio. E questo in concreto ha significato spesso – su ciò le testimonianze sono innumerevoli – l’assunzione di un atteggiamento piuttosto restio a dare credito, e seguito, alle segnalazioni fatte dai cittadini. […]
    Della scienza ho enorme rispetto, ma la fede la lascio ad altri lidi. In effetti credo che il rispetto per la scienza sia incompatibile con la fede in essa, perché chi rispetta la scienza ne rispetta innanzitutto il metodo, poi la cautela, e infine la capacità di dubitare e mettersi in discussione. Invece i fedeli dello scientismo potrebbero diventare domani, con la stessa facilità e lo stesso atteggiamento, adoratori della dea Kalì (e forse la qualità dei loro argomenti migliorerebbe). […]
    Ora, capisco che anche il wishful thinking vuole la sua parte, però non c’è nulla, assolutamente nulla in ciò che sappiamo che lasci presagire come possibile un’eradicazione del Covid attraverso gli attuali vaccini.
    Quali sono le condizioni per la scomparsa di un virus attraverso una vaccinazione? È presto detto: bisognerebbe che a livello mondiale la vaccinazione blocchi la trasmissione del virus fino alla sua estinzione. Questo obiettivo era possibile per il vaiolo ed è stato ottenuto. Era possibile perché l’immunità del vaccino antivaioloso ha una durata pluridecennale,[22] perché esso dà una copertura pressoché totale sia per contrarre la malattia che per trasmetterla, e perché la sua versione dannosa per l’uomo è presente solo nell’uomo. Sotto queste condizioni è stato possibile ‘accumulare’ nella popolazione livelli di immunizzati nel tempo, inseguendo i focolai, fino all’estinzione del virus.
    Queste condizioni sono simili a quelle relative al Covid-19 e ai vaccini oggi disponibili? La risposta è un rotondo no. In primo luogo, la copertura nel tempo dei vaccini disponibili appare estremamente limitata. Si parla di una copertura piena per circa sei mesi, dopo i quali l’efficacia inizia a scemare. […]
    Naturalmente il gioco di dipingere il nemico con colori tetri, di disumanizzarlo, per poi dirsi allo specchio che con un nemico siffatto non si potrebbe mai condividere nulla è un gioco antico quanto l’umanità. Di solito lo si faceva verso gruppi esterni cui si dichiarava guerra, ma nel nostro nuovo mondo coraggioso lo si fa più spesso verso il “nemico interno”, costruendolo come capro espiatorio.
    E naturalmente non ho mai pensato che ti saresti lasciato convincere. I veri credenti, i pasdaran dal ‘bene superiore’ (deciso dal tiggì) così fanno. Ascoltano le parole del nemico solo per trovare le armi per ribattere, mica per prenderle in considerazione. Perché loro conoscono la verità prima che essa venga dimostrata.
    È così che si può far passare qualunque cosa, anche il sistema di ricatti, proscrizioni, coercizioni ignobili, censure e sputtanamenti che è stato messo in piedi in questi ultimi mesi con infinita arroganza e su premesse del tutto farlocche. Lo si fa perché si è dalla parte del vero e del giusto, e i giusti non hanno bisogno di andare troppo per il sottile, no?

  • agbiuso

    Settembre 11, 2021

    La testimonianza di un medico.

  • agbiuso

    Settembre 10, 2021

    Ecco un altro autentico democratico.
    Brunetta però ha il merito di esprimere con sincerità il suo sadismo.
    «Il Green Pass è geniale perché aumenta i costi psichici e monetari» dei non vaccinati.
    Questa sì che è attenzione alla salute dei cittadini italiani 🙂

  • agbiuso

    Settembre 3, 2021

    Un nuovo intervento del Prof. Alessandro Pluchino: rigoroso, lucido e documentato come sempre.
    (dalla ml del Cuda)

    ==========
    Mi pare che questi studi concordino sul fatto che i vaccinati possano comunque infettare, e in misura assolutamente non trascurabile (i dati di Israele, peraltro, si riferiscono a vaccinati da meno di tre mesi, dunque la riduzione del 68% è un valore massimo che ovviamente non può che diminuire nel tempo, facendo quindi aumentare la suscettibilità ad infettarsi – e ad infettare – nel periodo previsto dalla copertura del green-pass). E questo mi sembra che metta seriamente in discussione il presupposto sanitario fondamentale su cui si basa il green-pass, trasformandolo – come ha ammesso anche Crisanti nel video che ho già citato – in uno strumento politico il cui unico scopo è quello di spingere il più persone possibile a vaccinarsi.

    Appurato questo, ci si potrebbe però domandare: alla luce della tabella sotto riportata, aggiornata a fine agosto con dati ISTAT e ISS (li trovi qui: https://lab.gedidigital.it/gedi-visual/2020/coronavirus-in-italia/), visto che abbiamo già vaccinato con percentuali medie dell’80% con due dosi, e quasi del 90% con una dose (e quindi a breve, completato il ciclo, anche con due), la categoria degli OVER 50, che finora ha contribuito alla quasi totalità (99% circa) dei decessi complessivi, che senso ha cercare in tutti i modi di indurre con la coercizione a vaccinarsi quell’ultimo 10% che ha liberamente, e con pieno diritto, scelto di non farlo (così come gli altri hanno scelto liberamente di farlo)? Anche qui, non c’è alcuna evidenza scientifica che occorra vaccinare il 100% degli over 50 per avere la certezza di debellare definitivamente l’epidemia. Al contrario, con le già molto alte percentuali attuali di vaccinati ci possiamo statisticamente (e per logica) attendere una drastica riduzione dei decessi e delle terapie intensive (variabili chiaramente correlate) rispetto alle prime ondate, grazie alla capacità (questa sì meglio documentata) dei vaccini di contenere gli effetti nocivi dell’infezione negli individui vaccinati che si siano comunque infettati. Non ci dovrebbe quindi essere motivo di temere alcuna nuova emergenza delle strutture ospedaliere. A fronte di queste evidenze, insistere, poi, a voler ulteriormente spingere alla vaccinazione anche gli under 50, e a maggior ragione gli under 30 (per non parlare degli under 20), che messi tutti insieme hanno contribuito a poco più dell’1% dei decessi e che sono già in gran parte vaccinati, mi sembra davvero una cosa senza alcun senso.

  • agbiuso

    Settembre 3, 2021

    UUn minimo di razionalità, di correttezza scientifica, di rispetto per le persone, di precauzione esiste ancora da qualche parte. Non in Italia, però.

  • agbiuso

    Settembre 1, 2021

    Luc Montagnier e altri medici e biologi hanno pur avvertito che vaccinare in massa durante un’epidemia significa diventare amici del virus e delle sue mutazioni.
    Molti decisori politici, primi dei quali i governi italiani con il ministro Speranza, hanno tuttavia impedito le cure e privilegiato i vaccini.
    Evidentemente i profitti vengono prima della salute.

  • agbiuso

    Agosto 31, 2021

    La terza, la quarta, la quinta, la sesta…Tanto, assicura il ministro, “le dosi non mancheranno mai più”.
    Un delirio collettivo e personale, sapientemente guidato però. Come sempre, “c’è del metodo in questa follia”.

  • agbiuso

    Agosto 26, 2021

    Tra i tanti, e pericolosi, errori metodologici e procedurali riguardanti i vaccini anticovid uno dei più gravi è l’abbandono del «principio di precauzione».
    Davvero non è più scienza, è diventato altro.

  • agbiuso

    Agosto 22, 2021

    Una interessante descrizione/definizione pubblicata da Gavino Sanna su twitter:

    “NO VAX?
    Le persone che in privato mi hanno manifestato dubbi su vax Covid hanno in comune:
    Diploma/laurea;
    Già vaccinati x altro;
    Apertura mentale e spirito critico;
    Stufi di info contraddittorie e arroganza “esperti”;
    Diffidenza per BigPharma.

    Vedete, frequento brutta gente”.

  • agbiuso

    Agosto 21, 2021

    Se è vero, è non soltanto gravissimo ma anche disvelatore:
    Falsi vaccini?

  • agbiuso

    Agosto 9, 2021

    Oskar Lafontaine, presidente di Die Linke (la Sinistra) ha scritto su fb un testo durissimo contro
    Covidioten, Machtmissbrauch und Größenwahn (Covidioti, abuso di potere e megalomania; 8.8.2021)
    ===========

    Man erlebt immer wieder Überraschungen. Als ich die geleakten Verträge mit Pfizer/Biontech auf den NachDenkSeiten gelesen habe, verschlug es mir die Sprache. Dort steht doch tatsächlich: „Der Käufer erkennt an, dass die langfristigen Wirkungen und die Wirksamkeit des Impfstoffs derzeit nicht bekannt sind und dass der Impfstoff unerwünschte Wirkungen haben kann, die derzeit nicht bekannt sind… Der Käufer erklärt sich hiermit bereit, Pfizer, BioNTech (und) deren verbundene Unternehmen (…) von und gegen alle Klagen, Ansprüche, Aktionen, Forderungen, Verluste, Schäden, Verbindlichkeiten, Abfindungen, Strafen, Bußgelder, Kosten und Ausgaben freizustellen, zu verteidigen und schadlos zu halten.” (https://www.nachdenkseiten.de/?p=74969#h02 )
    Die Politiker, die solche Verträge abschließen, sind die wahren Covidioten. Die mRNA-Technik wurde auch über die staatlich finanzierte Grundlagenforschung vorangetrieben und die Entwicklung der Impfstoffe mit hunderten von Millionen gefördert. Mittlerweile rechnet Pfizer/Biontech mit Gewinnen von 33,5 Milliarden Dollar in diesem Jahr. Das Mindeste wäre doch gewesen, wenn man bei exorbitanten Gewinnen Rückzahlungen an den Staat vereinbart hätte – von dem Trauerspiel um die Freigabe von Patenten an die Entwicklungsländer gar nicht zu reden, die kriegen das, was man in den wohlhabenden Staaten nicht braucht.
    Unter Machtmissbrauch und Größenwahn fällt die Empfehlung der Gesundheitsminister der Länder, auch Kindern und Jugendlichen zwischen 12 und 17 Jahren Impfstoffe anzubieten. Was fällt diesen politischen Laiendarstellern eigentlich ein? Kennen sie, im Gegensatz zum Hersteller, die langfristigen Wirkungen des Impfstoffs und wissen sie bereits, dass der Impfstoff keine unerwünschten Wirkungen haben wird? Angefangen vom Bankkaufmann, Politikwissenschaftler und Pharmalobbyisten Spahn – auf welche Fachkompetenzen berufen sich diese Damen und Herren eigentlich?
    Es ist ein Lichtblick in diesen Zeiten, in denen viele das klare Denken verlernt haben, dass es Leute gibt, die die Knebelverträge mit Pfizer/Biontech veröffentlichen, und dass es Wissenschaftler in der Ständigen Impfkommission und Kinderärzte gibt, die dem Druck der Pharmalobbyisten und der sich im Covid-Rausch befindenden Politiker widerstehen.

  • agbiuso

    Agosto 4, 2021

    Un articolo del Corriere della Sera del 20.11.2013 documentava i gravi conflitti di interesse tra “esperti” e aziende farmaceutiche in caso di epidemia.

    Influenza A, l’eccessivo allarmismo di chi aveva interessi (economici) in gioco

    Pdf dell’articolo

  • agbiuso

    Agosto 1, 2021

    Danaro sottratto alle cure, al welfare, alla scuola, all’Università, ai trasporti, agli altri servizi, alla salute integrale della persona e della collettività.
    Per Pfizer, Moderna e per chi da tali aziende viene «unto» l’epidemia è una benedizione che non dovrebbe finire mai.

  • agbiuso

    Luglio 31, 2021

    OXFAM/EMERGENCY: “Prezzo vaccini MRNA fino a 24 volte il costo di produzione”
    Girodivite, 29.7.2021

    Un nuovo rapporto, rivela come i vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna sarebbero stati venduti a prezzi esorbitanti agli stati, che potrebbero pagare 41 miliardi di dollari in più nel 2021, rispetto al costo di produzione stimato da 1,18 a 2,85 dollari a dose e nonostante 8,2 miliardi di finanziamenti pubblici ricevuti dalle due aziende.

    di Redazione – giovedì 29 luglio 2021 – 217 letture
    Il costo della vaccinazione globale con gli innovativi vaccini a mRNA – sostenuto dall’iniziativa COVAX dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – potrebbe essere almeno 5 volte più basso, se i colossi farmaceutici non godessero dei monopoli sui brevetti dei vaccini Covid. Condizione che ha fatto pagare ai Paesi ricchi fino a 24 volte il costo stimato di produzione.

    È la denuncia lanciata oggi da Oxfam e EMERGENCY, membri della People’s Vaccine Alliance (PVA) con UNAIDS e quasi altre 70 organizzazioni, attraverso un nuovo rapporto. Dossier che rivela come solo Pfizer/BioNTech e Moderna nel 2021 potrebbero far pagare agli stati 41 miliardi di dollari in più, rispetto al costo di produzione stimato dei vaccini a tecnologia mRNA (1). Nonostante per il loro sviluppo le stesse aziende abbiano ricevuto oltre 8,25 miliardi di finanziamenti pubblici (2). Nuove analisi delle tecniche di produzione dei vaccini di tipo rMNA, messi in commercio da Pfizer/BioNTech e Moderna – realizzate da Public Citizen con ingegneri dell’Imperial College e pubblicate nel rapporto – rivelano infatti che questi vaccini potrebbero essere realizzati in media con un costo che varia da appena 1,18 a 2,85 dollari a dose (3).

    Solo l’Italia fino ad oggi per questi due vaccini avrebbe speso 4,1 miliardi di euro in più di denaro dei contribuenti. Risorse che potrebbero essere investite per rafforzare il sistema sanitario nazionale, consentendo, ad esempio:

    – di allestire oltre 40 mila nuovi posti di terapia intensiva (ad oggi sono poco più di 8.500);

    – oppure di assumere oltre 49 mila nuovi medici (ad oggi sono poco più di 100 mila quelli dipendenti del Sistema Sanitario Nazionale) (4).

    [L’articolo continua qui]

  • agbiuso

    Luglio 30, 2021

    Un articolo di Andrea Capocci sul manifesto del 30.7.2021 spiega con chiarezza che nella questione dei vaccini contro il Covid non di sanità o di scienza si tratta ma di profitti. Enormi profitti.
    E su questo fondamento antiscientifico e a rischio si decidono gravissime discriminazioni dei cittadini.
    Invito a leggere per intero il testo, del quale riporto qui qualche brano.
    Le ricerche sabotate per vendere la terza dose

    ===========
    Senza dati raccolti in maniera rigorosa, la necessità di un richiamo sarà affidata a scelte più influenzabili da fattori emotivi e suggestioni collettive.
    DI QUESTA INCERTEZZA sulla reale efficacia del vaccino approfitteranno le aziende, che ai propri investitori hanno già parlato della terza dose come di un’«opportunità significativa» per alzare il prezzo del prodotto.
    […]
    Al prezzo di 19,5 euro a dose, noto solo grazie a indiscrezioni visto che i contratti sono segreti, si tratterebbe di quasi 20 miliardi di euro: un incasso gigantesco, che da solo vale oltre la metà dell’intero ricavo dell’azienda nel 2020 (35 miliardi di euro).
    In teoria, le agenzie regolatorie avrebbero i mezzi per opporsi a queste strategie che hanno più a che fare con il marketing che con la scienza.
    […]
    In tempo di emergenza le aziende hanno il coltello dalla parte del manico e sanno approfittarne. La casa farmaceutica Gilead, ad esempio, ha ottenuto un’autorizzazione per l’antivirale sperimentale remdesivir dopo un trial su pochi pazienti svolto durante la prima ondata di Covid negli Usa e interrotto anzitempo quando i risultati preliminari si erano dimostrati positivi.
    Uno studio più ampio svolto dall’Oms ha dimostrato poi che il remdesivir è sostanzialmente inefficace. Ma ormai gli ordinativi del remdesivir sono saliti alle stelle.

  • agbiuso

    Luglio 28, 2021

    Un breve ma significativo articolo apparso su The Lancet il 15.7.2021 conferma tutti gli interrogativi e le criticità in merito alla somministrazione dei vaccini.
    Anche solo per questo bisognerebbe avere rispetto di chi esprime dubbi sull’obbligo vaccinale imposto con tutta la violenza degli apparati giuridici e amministrativi.

    – Link all’articolo: Spike-antibody waning after second dose of BNT162b2 or ChAdOx1

    Pdf dell’articolo

  • agbiuso

    Luglio 24, 2021

    Forse i rischi maggiori per i non vaccinati provengono da chi si vaccina; come hanno avvertito molti medici, tra i quali Luc Montagnier, nobel per la medicina.

  • agbiuso

    Luglio 17, 2021

    Forse perché l'”approvazione” ufficiale avrebbe comportato un’assunzione di responsabilità scientifica e penale che si sono guardati bene dal rischiare. Chi sa è furbo, gli altri vengono affidati alla fortuna.

  • agbiuso

    Luglio 17, 2021

    “Le autorità sanitarie pubbliche stanno commettendo un errore e mettono a rischio la fiducia del pubblico nel non essere disponibili ad ammettere la possibilità di danni derivanti da alcuni effetti collaterali dei vaccini. Ci saranno conseguenze durature dal mischiare partigianeria politica e scienza nel bel mezzo della gestione di una crisi di salute pubblica”

    Tratto da I vaccini anti-Covid sono più rischiosi di quanto finora pubblicizzato?

    Alcuni scienziati hanno sollevato la preoccupazione che i rischi per la sicurezza dei vaccini Covid-19 siano stati sottovalutati. Ma la politica dell’inoculazione di massa ha relegato i loro dubbi alla periferia del pensiero scientifico. Per ora
    di Joseph A. Ladapo e Harvey A. Risch
    The Wall Street Journal, 22.6.2021

  • agbiuso

    Luglio 15, 2021

  • agbiuso

    Luglio 15, 2021

    Alfa, beta, gamma, delta, epsilon, zeta, eta, theta, iota, kappa, lambda…
    L’alfabeto greco è ricco e poi, se necessario, si passerà ad altri alfabeti. Il terrore da Covid19 non deve finire, mai.

  • agbiuso

    Luglio 5, 2021

    Una società decente (come la definirebbero Popper o Barrington Moore) sarebbe quella nella quale chi vuole si vaccina e chi non vuole non lo fa, data anche la grande incertezza scientifica che involge la questione.
    E invece no: gli impulsi profondamente autoritari dei singoli e delle collettività (si possono in questo senso anche chiamare «fascisti») portano a dire, a volere, a gridare: obblighiamoli!

  • agbiuso

    Luglio 4, 2021

    Sullo stesso quotidiano, in questo caso la Repubblica, che fa propaganda per i vaccini compare poi la pubblicità di chi i vaccini li produce. Conflitto di interessi?

  • agbiuso

    Giugno 30, 2021

    Attirato con l’illusorio specchietto della libertà e della salute, chi si è precipitato a vaccinarsi avrà di che essere perplesso e persino pentirsi.
    La gestione politica dell’epidemia da Covid19 ha rappresentato anche il trionfo del sovranismo, degli Stati-Nazione, dei confini. Se ne sono accorti a ‘sinistra’? Temo di no, ciechi come sono diventati.

  • agbiuso

    Giugno 14, 2021

    Quella di questo medico -che si chiama Massimo Galli ma che potrebbe essere uno qualsiasi dei guitti televisivi- non è indifferenza, non è cinismo, non è ‘politica’.
    È la follia del narciso mediatico al quale il Covid19 ha dato l’insperata possibilità di essere conosciuto e persino stimato. Naturalmente tutto questo non ha nulla a che fare con la scienza in generale, che io difendo, ma con una particolare scienza: la psichiatria.

    Galli sui danni del vaccino contro il Covid19 (YouTube)

  • agbiuso

    Giugno 12, 2021

    «Anche per paura di non smaltire Astrazeneca, le regioni hanno premuto l’acceleratore proprio sulla somministrazione dei vaccini a vettore virale tra gli under 60, tradendo la raccomandazione sul loro utilizzo, sia pure “in via preferenziale”, dai 60 anni in su» (La Stampa)

    Le vite al servizio dei vaccini e non i vaccini al servizio della vita.
    Come si può definire una politica sanitaria motivata dalla necessità di “smaltire” dei vaccini? Azzardata, cinica, criminale?

  • agbiuso

    Giugno 12, 2021

    La calma e il buon senso di Gianni Rivera / Lo squallore fanatico e irrazionale di Bruno Vespa.
    Una scena davvero emblematica.

    Rivera: “Non mi vaccino”

  • agbiuso

    Giugno 10, 2021

  • agbiuso

    Giugno 3, 2021

    Qualcuno chiede come sia possibile esserci ridotti a ciò che il video qui sotto documenta:
    Bologna, vaccini, giugno 2021

    Alcune risposte:
    -istinto gregario (servitù volontaria);
    -terrorismo di giornali e televisione (infodemia);
    -ciò che Friedrich Dürrenmatt definisce «la terribile stupidità del mondo» (L’incarico, Adelphi 2012, p. 104).
    La battuta conclusiva del ragazzo è «degli animali»; direi più esattamente «delle pecore» ma in senso solo metaforico.
    Le vere pecore hanno una loro dignità.

  • agbiuso

    Maggio 28, 2021

    Riporto qui due soli brani di un breve articolo scientifico che vale la pena di essere letto. Mostra infatti i crimini sanitari che si stanno perpetrando contro i giovani e le “persone fragili”:

    Covid-19: Pfizer-BioNTech vaccine is “likely” responsible for deaths of some elderly patients, Norwegian review finds
    (Published 27 May 2021)

    While emphasising considerable uncertainty around its conclusions, the expert group acknowledged a risk that adverse reactions to the vaccines among very frail patients could initiate a cascade of complications, which in the worst case scenario could lead to earlier death.
    […]
    The risk of dying after vaccination with the #AstraZeneca vaccine would be higher than the risk of dying from the disease, particularly for younger people.

  • agbiuso

    Maggio 16, 2021

    Il Nobel Luc Montagnier:
    -Un ” errore inaccettabile ” non aver curato le persone.
    -Nuove varianti ” risultato del vaccino”
    -Tutti lo sanno ” è impensabile ” vaccinare durante un epidemia
    ” le nuove varianti sono create dalla selezione di anticorpi prodotti dalla vaccinazione”.
    Fonte (video su twitter): https://twitter.com/agbiuso/status/1393849379036012544

    Per i nemici delle cure e fanatici dei vaccini un premio Nobel è fonte abbastanza autorevole, abbastanza ‘scientifica’ rispetto ai sedicenti “virologi” del CTS italiano? (Sempre che conoscano il francese).

  • agbiuso

    Maggio 4, 2021

    Quando l’autorità si comporta in modo isterico non può lamentarsi se il corpo sociale la segue in modi imprevedibili.
    La vita diventata insicurezza e terrore si trasforma in un’unica, lunga e lenta morte della ragione.

    • Tina Messineo

      Maggio 4, 2021

      Io sono una tra quei siciliani che rifiuta il vaccino Astra Zeneca …e anche gli altri tipi e, se mi ammalo, vorrei essere curata…ho perso la ragione?
      No!
      Sto seguendo l’isterismo di decisori impazziti e CTS alla mercé di case farmaceutiche?
      No!
      Sto risolvedomi a una morte lenta e inesorabile della mia ragione?
      No!
      Sono lucida come non mai, cosciente che il virus c’è e che è infettivo e a volte letale…come tutte le malattie anche quelle non diventate ‘star’!
      Non so se le dosi ferme nei congelatori della Sicilia lo sono perché la gente ha paura, voglio augurarmi che i miei conterranei siano più savi di come ci dipingono.

  • agbiuso

    Maggio 2, 2021

    Un consiglio dall’Associazione IppocrateOrg.

  • agbiuso

    Aprile 29, 2021

    Menzogne su menzogne, da parte del Comitato Tecnico Scientifico, del Governo, della stampa.
    Avevano detto che i vaccini non avrebbero portato guadagni a BigPharma ma soltanto la copertura delle spese.
    E infatti…

  • agbiuso

    Aprile 26, 2021

    Gli effetti tragici -e siamo solo agli inizi- della scellerata decisione di non curare i malati e di affidare tutto ai vaccini. Gli Stati e i popoli sono sempre più sottomessi alla volontà e ai profitti di BigPharma.
    Per politici e amministratori -pagati o meno che siano da AstraZeneca, Pfizer e altri- compreso naturalmente Speranza, c’è solo una parola: criminali.

  • agbiuso

    Aprile 24, 2021

    I medici nazionalsocialisti non potrebbero dire meglio.
    La prospettiva è dunque un vaccino ogni sei mesi per decine di milioni di persone.
    Mobilitazione sanitaria totale ed enormi profitti per le case farmaceutiche.
    Basterebbe riflettere su tutto questo invece che obbedire a priori.

    • Costanzo Filippo

      Aprile 24, 2021

      Professore Biuso, leggendo i suoi approfondimenti e quelli dei suoi colleghi, ho sempre avuto modo di riflettere in maniera approfondita prima di trarre conclusioni avventate. Inoltre, lei stesso mi ha insegnato a dubitare, a criticare ed a non vedere mai un’unica verità certa e indiscutibile su qualsiasi evento vorrà porsi dinanzi a noi. Non solo, la/le verità è/sono indipendente/i dalle categorizzazioni (non è di Destra, né di sinistra, di centro, di lato, di traverso) e la verità non è il semplice contraltare del pensiero attualmente in voga e diffuso. Un attimo approfondisco.
      Io comprendo molte sue critiche e credo che in alcuni casi abbia ragione: la miopia generata dall’isterismo collettivo dinanzi ad un nuovo virus non eccessivamente pericoloso (ma comunque abbastanza pericoloso tale da riempire gli ospedali, almeno un pò) sta generando, a sua volta, comportamenti individuali, sociali, politici al limite della razionalità (forse meglio, al limite della ragionevolezza e del buon senso).
      Tuttavia sulla questione vaccini rimango titubante. E’ vero, i vaccini sono sperimentali e non abbastanza testati e questa è un’ovvietà: sono stati creati in tempi ridottissimi e non potrebbero esser testati abbastanza se non, appunto, iniettandoli alle persone. Dunque, le sue perplessità sono evidenti a chi ha occhi per guardare e testa per ragionare. Nondimeno anche se i vaccini sono in fase sperimentale e non sono abbastanza testati, i morti conseguenti alle trombosi causate dai vaccini sono decisamente minori rispetto ai potenziali morti da Covid. I numeri possono essere “torturati” fino ad un certo punto. Dieci morti di trombosi (e sto andando molto oltre) ogni centomila vaccinati sarebbero decisamente meno dei duecento, trecento morti per Covid ogni centomila abitanti. La cruda e nuda scienza guarda a questi numeri ma, credo veramente, che da qualunque punto di vista si guardi la questione vaccini ( persino dal punto di vista finanziario delle multinazionali),non ci si discosti così tanto dal vero se si affermasse che i vaccini sono indispensabili alla sconfitta del Covid. Probabilmente ha ragione, bisognerebbe dire la verità sui vaccini e sulla sperimentazione in atto; bisognerebbe anche esplicitare i profitti delle multinazionali e rendere evidenti al grande pubblico i potenziali effetti collaterali di ogni singola dose di vaccino. Già, ma a quel punto chi si vaccinerà più? Si aggiungerebbe terrore a terrore: una gara all’isteria, al fanatismo, al complottismo più becero. Ma chi vorrebbe questo?

      • agbiuso

        Aprile 25, 2021

        Caro Costanzo, sì, «lei stesso mi ha insegnato a dubitare, a criticare ed a non vedere mai un’unica verità certa e indiscutibile su qualsiasi evento vorrà porsi dinanzi a noi» e lei si mostra un buon allievo 🙂
        Aggiungo solo che il suo intervento conferma che la seconda vittima del Covid19 è la scienza (la prima è la libertà, per l’Italia la Costituzione) che ne esce con le ossa rotte.
        Il cosiddetto CTS, infatti, il ‘Comitato Tecnico Scientifico’ si esprime in modi e contenuti degni dell’Inquisizione, parlando non di elementi tecnico-sanitari (appunto) ma dell’inopportunità o della superfluità dell’uscire la sera. Affermazioni inaudite che vanno molto al di là del pur deprecabile paternalismo e si pongono a sostegno della tirannide etica del potere che stabilisce che cosa sia «necessario o superfluo» per i cittadini.
        Tanti anni dopo la Liberazione del 25 aprile 1945 ritornano in modo evidente le pulsioni fasciste dello Stato etico. E troppi medici si pongono al suo servizio.

  • agbiuso

    Aprile 23, 2021

    Nel calendario delle lauree il mio Dipartimento a Unict omette i nomi degli studenti «per ragioni di privacy» mentre il passvaccinale secondo il Garante dissolve la privacy e ci pone alla mercé dell’autorità.
    Una società schizofrenica, isterica, davvero malata.

  • agbiuso

    Aprile 23, 2021

    “Agghiacciante ammissione del Generale Figliuolo: ‘Iniettate milioni di dosi di vaccino senza saperne chiaramente l’esito, se non quello sperimentale’ ”
    Fonte: RadioRadio, che aggiunge: “Ma soprattutto, sulla base di un vaccino di cui ‘non si conosce chiaramente l’esito’ si possono comprimere i diritti e le libertà delle persone in funzione di un passaporto vaccinale?”

  • agbiuso

    Aprile 22, 2021

    Nessun commento. Dice tutto da sé.

  • agbiuso

    Aprile 9, 2021

    La Francia agisce in aperta contraddizione con le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
    Ogni governo va per conto proprio. La sperimentazione sulle cavie continua.
    Quando gli umani si riducono a questo per un timore non giustificato dai pochi dati plausibili a disposizione, vuol dire che la vita si è ridotta alla sua dimensione tremante, impaurita, superstiziosa.
    Una dimensione nella quale la scienza non esiste più ma accade soltanto il terrore.

  • agbiuso

    Aprile 3, 2021

    La sperimentazione continua…

    …anche mediante lo scudo penale voluto con particolare forza da Liberi e Uguali (Speranza) e da Forza Italia (Gelmini)

    • Filippo Costanzo

      Aprile 3, 2021

      Mi sembra che la notizia sia monca. Sette morti su quante somministrazioni?Dal secondo capoverso poi si legge 30 reazioni avverse su 18 milioni di somministrazioni. In termini di 0 dopo la virgola,potremmo confrontare il vaccino con le reazioni avverse di Moment, Tachipirina o Oki.
      Voglio dire, possiamo muovere svariate critiche sulla gestione della pandemia e sul ruolo delle multinazionali nella gestione dei vaccini. Ma 30 su 18 milioni, se vogliamo conservare un alone di scientificita’ , non è una frazione significativa di alcunché.

      • agbiuso

        Aprile 3, 2021

        Esatto. A questo volevo arrivare e la ringrazio: “non è una frazione significativa di alcunché”.
        Lo stesso infatti si può dire (0 virgola o 1 virgola) in relazione ai veri e accertati morti da Sars2 rispetto al numero totale di abitanti del pianeta. Come scrisse Gregg Easterbrook: «Torture numbers, and they will confess to anything» (Our Warming World, in “New Republic”, 11.11.1999, vol. 221, p. 42).

  • Dario Costantino Generali

    Aprile 2, 2021

    Caro Alberto,

    condivido senz’altro le considerazioni di Pluchino sulle caratteristiche dei vaccini che stanno somministrando, soprattutto per quello che riguarda AstraZeneca, che sembra avere i maggiori casi di reazioni avverse. Si dovrebbe avvertire la popolazione, come suggerisce correttamente Pluchino, dei rischi che si corrono con vaccini non ancora adeguatamente sperimentati e raffinati, invece si fa firmare una totale liberatoria a chi si vaccina. Molti hanno reazioni abbastanza pesanti, con febbre alta per un paio di giorni e conseguenze di vario genere, come, per esempio, herpes, afte e mille altri disturbi nei giorni successivi.
    Certo, la situazione è drammatica, ma, come sempre sottolinea Pluchino, ci si dovrebbe concentrare non solo sui vaccini, ma anche sulle terapie. Se avessero investito un decimo di quanto hanno fatto per la creazione dei vaccini nella ricerca farmacologica si avrebbero ora probabilmente farmaci efficaci, da appaiare alle vaccinazioni come strumento di lotta all’infezione in caso di contagio.
    Come sai, sono favorevole a tenere alta l’attenzione sul contenimento dell’infezione, ma sono consapevole che le strategie seguite per farlo non siano e non siano state probabilmente le migliori e Pluchino illustra con chiarezza ed efficacia quello che penso anch’io sin dall’inizio di questa situazione.
    Un caro saluto.
    Dario

  • Paolo Tinè

    Aprile 1, 2021

    Grazie professore, attendevo un suo articolo in merito. Che almeno lei sia riuscito a rimanere lucido (non avevo comunque dubbi) e a riportare fonti autorevoli e allo stesso tempo “non omologate” (non che questo sia necessariamente un criterio di veridicità, ma almeno un sintomo di una riflessione non condizionata da bias e pressioni sociali di sorta) mi lascia ancora sperare che la filosofia studiata e vissuta tra le mura dei Benedettini – e in tutte le aule che stanno tuttora subendo l’assalto delle aggiornatissime tecniche di biopolitica – possa entrare a buon diritto tra i pensieri che guidano il mondo a passo di colomba.

    Paolo Tinè
    Ex studente di Filosofia presso l’Università degli Studi di Catania

    https://www.paolotine.it

    • agbiuso

      Aprile 1, 2021

      La ringrazio molto, Dott. Tinè, per queste sue parole, per la fecondità degli anni da lei trascorsi “tra le mura dei Benedettini” che hanno contribuito al suo sguardo critico sul reale.
      “Le aule che stanno tuttora subendo l’assalto delle aggiornatissime tecniche di biopolitica” è una esatta descrizione di quanto sta accadendo. Le assicuro che non mi piegherò mai a questa barbarie, alla riduzione dell’università a un ologramma nozionistico.
      Bello e struggente il conclusivo suo riferimento a Nietzsche.

  • Tina Messineo

    Aprile 1, 2021

    … è sempre per esperienza personale che scrivo ma, d’altra parte, sono le ‘ notizie’ più vere rispetto all’ipse dixit della TV .
    Noi figli abbiamo scelto, come atto d’amore, di non vaccinare nostra madre, soggetto gravemente ammalato, che non sopporterebbe neanche una semplice iniezione, a cui spettava il vaccino pfizer, quello, diciamo, ‘ sicuro’.
    Assieme a mia mamma il vaccino sarebbe stato somministrato anche a chi si occupa di lei e ai suoi conviventi.
    Conclusione: se rinunci a vaccinare tua mamma, il vaccino sicuro glielo diamo a chi ci pare e tu, che ti occupi di lei, se vuoi, ti vaccini con quello che sicuro non è.
    Basta meditare su questo, per quanto mi riguarda!!
    L’umano , lo ripeto, ” non vuole lasciare il cippo” e aggiungo: ma nessuno sa che stiamo perennemente seduti, da quando siamo nati, sul ‘mundus patet’ ?

    • agbiuso

      Aprile 3, 2021

      Cara Tina, la tua drammatica e grave testimonianza è confermata da altre analoghe notizie.
      La situazione sta assumendo inquietanti tratti nazistoidi.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti