Skip to content


Scienza e magia

Scienza e magia

Leggo sul Fatto Quotidiano del 31.7.2020 questa notizia: Coronavirus, governo contro la pubblicazione degli atti del Comitato tecnico scientifico: “Danneggerebbero l’ordine pubblico”.

Come sanno tutti quelli che hanno un minimo di istruzione, la scienza è per definizione una procedura pubblica, ripetibile, controllabile. In caso contrario si parla di magia, di superstizione, di guru, di sette. E di questo si tratta ormai a proposito del Covid19. Ma il governo Conte questo non lo sa. E non lo sanno neppure il Fatto Quotidiano, la Repubblica, la Rai e la miriade di fogli e media obbedienti.
Di tale atteggiamento superstizioso fa parte la maschera/museruola, che all’inizio dell’epidemia veniva raccomandata soltanto agli operatori sanitari e a quanti mostrassero difficoltà respiratorie (parola del Ministero italiano della Salute e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità), poi -una volta disponibili milioni di museruole– è diventata magicamente necessaria, obbligatoria, fondamentale per non ammalarsi e non contagiare. Maschera/museruola la cui efficacia è sottoposta a una serie di regole e procedure -nel toccarla, conservarla, indossarla– che somigliano a una complessa cerimonia giapponese e che i suoi utilizzatori naturalmente ignorano tenendola in tasca, sul braccio, ovunque; prendendola con mani non lavate; riutilizzandola. Temo che questa pratica farà danno alla salute degli incauti utilizzatori. Anche perché tenerla a lungo sulla bocca e sul naso fa sì che l’anidride carbonica ritorni nei polmoni invece che dissolversi nell’ambiente. Una ragione per la quale il respiro ha un ben preciso ciclo ci sarà, no? «Il metabolismo energetico aerobico consuma ossigeno e produce biossido di carbonio (comunemente detta anidride carbonica). In fisiologia si intende, per respirazione, anche la funzione biologica di scambio dei gas fra organismo e ambiente esterno, con assorbimento dell’ossigeno ed emissione del biossido di carbonio» (Wikipedia, voce Respirazione).
La maschera/museruola non svolge dunque una funzione sanitaria ma è un simbolo politico di controllo generale e un vero e proprio talismano che dovrebbe garantire dal malanno.
Non solo: l’utilizzo dei guanti, che contrariamente alle mani non vengono lavati, conduce con sé batteri e sporcizia di tutti i generi. Ma il Supremo e Segreto Potere Sanitario si è pronunciato (da un certo momento in poi) a favore delle maschere e dei guanti. E il popolo obbedisce. Non tutto, per fortuna.

Alle osservazioni di un amico il quale ha obiettato che «il popolo è ‘uno animale pazzo’ come diceva Guicciardini, quindi fraintenderebbe il contenuto delle conclusioni scientifiche, di per sé problematiche» ho risposto in questo modo: «Quello che scrivi mi sembra molto pericoloso, poiché è la giustificazione di tutti i poteri autoritari, dai Tribunali della Controriforma alla CIA. E in questo caso tra ‘il popolo’ ci sono anch’io e migliaia di studiosi e intellettuali ai quali una setta autoproclamatasi ‘scientifica’ nasconde le proprie procedure e decisioni. E poi ci sono sempre i media -compreso lo zelante FQ– a tenere buono il popolo. Proprio perché ‘problematiche’ le risultanze DEVONO essere pubbliche. In caso contrario saremmo in balia di folli, di guru, di capi indiscutibili, che oggi si chiamano Conte, domani potrebbero chiamarsi Salvini, Biuso, Rossi. Non importa. Non è una questione di partiti o di nomi, è una questione di istituzioni, di salute, di diritto e di libertà».

4 commenti

  • agbiuso

    Agosto 10, 2020

    Numeri e geometrie sempre più grotteschi.
    Ma almeno si dice che “la riapertura delle scuole non aumenta i contagi”. E forse contribuisce a diminuire l’alto tasso di ignoranza, scorrettezza (negli esami a distanza), disagio psichico (anche dei bambini) che questi mesi hanno prodotto.

  • agbiuso

    Agosto 9, 2020

    Un esempio -tra i tanti- del terrore mediatico sul Covid19. Questo è il Corriere dello Sport di oggi.
    I giornali “non sportivi” sono peggio poiché deplorano l’effetto -la miseria economica- ma difendono la causa: la “chiusura sanitaria” (lockdown). Schizofrenici senza razionalità.

  • agbiuso

    Agosto 8, 2020

    Da twitter, 8.8.2020

  • Tina Messineo

    Agosto 5, 2020

    Ho finito la mia quarantena perché avevo da studiare.
    Sono finalmente uscita per comprare mutande e calzette, sono stata dal parrucchiere e a prendere una pizza con due amici.
    La mia riflessione, prima ancora di leggere queste tue, e stata questa:
    buona parte della gente che ho incontrato la mascherina la indossa sul collo, penzolante sul gomito ma alla più parte l’ho vista indossata sul viso, non per protezione della e per la salute ( che così non è ), ma come una maschera da bandito, giusto per mascherarsi appunto, per spocchio (e si capisce benissimo), per orpello aggiuntivo alla bellezza, per un desiderio di indossare un burka (e si capisce benissimo), per un anonimato legittimato, per …talismano? Non credo,ho visto gente indossarla come una sorta di divisa che da potere, il potere legittimato di stare con il potere…
    Non so spiegare meglio.
    So soltanto che quello che ho visto in pochi giorni mi ha sconvolta, meglio, speravo che, tra il popolo del 2020, ci fossero più persone in grado di capire. La scienza comunque non ha svolto un buon lavoro perché altrimenti tutti l’avrebbero indossata correttamente. E il potere obbliga che si entri in quattro in un ristorante,per mangiare una pizza, mascherati … se lo rifarò di nuovo sarebbe più divertente entrare bendata con mascherina nera ( molto di moda) ed esordire: questa è una rapina!
    Il sorriso amaro sotto la maschera legittimata non si vedrebbe!

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti