Skip to content


Cannata su «Temporalità e Differenza», In Circolo. Rivista di filosofia e culture

3 commenti

  • agbiuso

    gennaio 15, 2017

    E’ ora possibile scaricare e leggere i testi di In Circolo anche nel comodo formato pdf.
    La recensione di Cannata si trova alle pp. 328-335, il mio saggio su Heidegger e Ricoeur alle pp. 277-290.

  • diego

    dicembre 23, 2016

    Per chi proprio è interessato alle mie considerazioni, riporto il mio commento in calce all’articolo sul sito della rivista, confidando sulla benevolenza per il mio approccio non accademico.

    «Un testo prezioso, anche per la veste raffinata in cui è proposto. Ho trovato in questa completa e non frettolosa recensione la giusta evidenza al rapporto fra malattia mentale e tempo, o meglio fra malattia mentale e perdita di rapporto con la temporalità.
    Racconto un episodio del vissuto. Anni fa girava per le le strade della mia città un uomo dallo sguardo alterato, in evidente stato di pazzia. Chi lo aveva conosciuto spiegava che era un professore di matematica colpito in modo troppo doloroso da una grande delusione d’amore. Per lui il tempo si era fermato lì, a quel grande dispiacere che lo aveva rotto, un po’ come accade con un vecchio vinile se salta la puntina.
    Sì Biuso è un filosofo che non scrive di filosofia, «è» filosofia incarnata, quindi è anche poeta. I suoi testi sono rigorosi, ma sono anche un’esperienza esistenziale.»

    • agbiuso

      dicembre 23, 2016

      Grazie di tutto, caro Diego.
      Della lettura così empatica della recensione di Cannata -che è davvero «completa e non frettolosa»- e della stima che nutri verso la mia persona e il mio lavoro.
      Ti ringrazio anche per aver riportato la struggente testimonianza di una pazzia d’amore; molto bella la tua immagine della puntina e del vecchio vinile.
      Come ricorderai, in Non al denaro, non all’amore né al cielo, nel brano dedicato a Un chimico, De André canta: «Son morto in un esperimento sbagliato / proprio come gli idioti che muoion d’amore. / E qualcuno dirà che c’è un modo migliore».
      Credo che impazzire o morire d’amore possa anche essere segno di una rara sensibilità, per quanto dolorosi siano i suoi effetti.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti