Skip to content


L’ipocrisia, immensa

Pochi eventi sono più patetici delle lacrime a comando, della commozione indotta dai grandi media. Si piange sui morti, ci si emoziona sul tragico destino di uomini, donne, bambini. Si ascoltano senza reagire, o persino approvandoli, i discorsi dei decisori politici che con le loro azioni, leggi, provvedimenti hanno contribuito a produrre quei morti e quelle tragedie ma che affermano compunti, convinti e indignati: «Mai più!». Poi si ritorna alle proprie faccende, confortati dall’essersi mostrati a se stessi persone sensibili, solidali e -aggettivo che non guasta mai- «democratiche».

Pochi che si chiedano “perché?”. Perché milioni di esseri umani di qualunque età e condizione lascino la terra in cui sono nati, le tradizioni, gli affetti, i familiari. E lo facciano sottoponendosi a spese, illegalità, rischi mortali. Perché? Perché lo fanno?
Le ragioni principali sono due: la miseria e la guerra.

La miseria creata dalle guerre, la guerra generata anche dalla miseria. Ma perché c’è una tale miseria? La ragione principale la espose con chiarezza George Bush jr. quando affermò che «il tenore di vita degli americani non è negoziabile». Gli altri popoli possono anche morire di fame e di stenti ma il tenore di vita degli statunitensi deve rimanere alto e anzi crescere, anche a costo della distruzione ambientale del pianeta. I governanti europei aderiscono alla stessa visione del mondo di Bush (e del suo successore, naturalmente), vale a dire credono che il capitalismo ultraliberista che sta conducendo i popoli alla miseria sia un dato naturale, «non negoziabile». E lo credono e lo ribadiscono anche i governanti italiani, Napolitano e Letta in primis. È quindi del tutto strumentale e finta la richiesta rivolta «all’Europa» di intervenire. “Intervenire” su che cosa? Sui meccanismi finanziari internazionali che producono immensa miseria per molti e immensa ricchezza per pochi? Intervenire sulle decisioni di organismi di diritto privato e da nessuno eletti -come il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Centrale Europea, le agenzie di rating- ma che sono diventati i veri padroni dei governi politici, i quali sono ormai dei governi fantoccio? Intervenire sul modo di produzione capitalistico e sulla globalizzazione economico-finanziaria, vere cause della miseria che provoca i morti nelle acque del Mediterraneo?

La guerra infesta molte aree del mondo, tre le quali l’Iraq, la Siria, il Corno d’Africa. Pochi si chiedono chi produca e venda le armi con le quali gli africani si massacrano reciprocamente. Uno dei maggiori centri di produzione è costituito dalle fabbriche in provincia di Brescia. Uno dei maggiori esportatori -legali- è il governo italiano, con alcuni dei suoi ministeri a sostegno delle molte aziende italiane del settore. Se le guerre cessassero, o anche solo diminuissero, le fabbriche europee e italiane di armi rischierebbero di chiudere moltiplicando il numero dei disoccupati. Qual è la posizione dei partiti al governo, dei partiti all’opposizione, dei sindacati, su questa prospettiva? Meglio gli eritrei, i sudanesi, i libici in pace e le fabbriche italiane chiuse o meglio i morti e le fabbriche di armi aperte?

Sino a che decisori politici, mezzi di comunicazione, sindacati e partiti non si porranno queste domande, sino a che non agiranno di conseguenza, ogni lacrima, ogni discorso, ogni slogan, ogni decisione parlamentare saranno espressione della doppiezza, dell’ipocrisia e del cinismo.
Quello stesso cinismo che fa spargere fiumi di retorica sui morti e nello stesso tempo inquisisce i sopravvissuti. Quello stesso cinismo che induce il prefetto di Agrigento a inviare una nave per trasferire le bare da Lampedusa senza neppure avvertire i parenti, che stamattina hanno pianto anche perché non hanno più trovato i resti dei loro cari.
La commozione è soltanto l’altra faccia della ferocia.

 

5 commenti

  • agbiuso

    Ottobre 16, 2013

    A proposito della Banca Centrale Europea e del populismo.

    =========
    Un fantasma si aggira per l’Europa. E’ il voto delle prossime elezioni europee che potrebbe mettere fine all’Europa delle banche e dei burocrati. I governi europei sono terrorizzati dal possibile successo di partiti e movimenti che vogliono cambiare l’attuale modello di Europa, fondato sulla finanza, e che desiderano un’Europa solidale dove uno Stato in difficoltà, come è successo per la Grecia, non sia lasciato morire per salvare i bilanci delle banche tedesche e francesi. Un’Unione rivolta allo sviluppo e non alla crescita. L’Europa non è una banca, ma a tutti gli effetti siamo governati dalla BCE. Chi ha votato per la BCE? Il suo simbolo non è apparso in nessuna elezione europea, ma comanda più degli Stati. Molti governi europei, in particolare quelli dei Pigs e della Francia, che si appresta a entrare nel club, vivono grazie al connubio (asservimento?) con la BCE. Si tengono in vita a vicenda.
    La campagna elettorale del prossimo maggio è già iniziata e sarà campale. Capitan Findus Letta, il soldatino di Bruxelles, ha dichiarato al New York Times “Rischiamo di avere il maggior Parlamento europeo “anti europeo” di sempre. Il grande rischio è che il 25% del Parlamento europeo sia composto da movimenti anti euro o anti Europa”. Ma se i popoli europei volessero cambiare l’attuale politica della UE e della BCE sarebbe un normale processo democratico sancito da libere elezioni. Chi sono questi burocrati e banchieri e i loro burattini prestati alla politica per decidere al posto dei cittadini? Voler ridiscutere l’Euro e le direttive della BCE, tra cui la mannaia del Fiscal Compact può, secondo Letta, essere dovuto al razzismo…
    “Alcuni movimenti sono razzisti”. Il razzismo anti euro? Il Nipote va alla guerra per conto terzi “La crescita del populismo è oggi il primo problema sociale e politico (e noi che pensavamo che il primo problema fosse economico). Combattere il populismo è una missione oggi in Italia e negli altri Paesi”. In missione per conto di Draghi. La parola populismo è diventato un insulto per il Potere da quando l’opinione pubblica ha iniziato a mettere in discussione i suoi privilegi e questa Europa, ma populismo significa “Atteggiamento o movimento politico, sociale o culturale che tende genericamente all’elevamento delle classi più povere”. Populismo vuol dire che se i popoli europei ne hanno pieni i cosiddetti e vogliono costruire un’Europa migliore, gente come Letta deve fare le valige subito dopo le elezioni europee. Il “populista” MoVimento 5 Stelle parteciperà alle elezioni europee per vincerle. Sarà una crociata. In alto i cuori.
    =========

    Fonte: Il M5S alle elezioni europee

  • diego

    Ottobre 16, 2013

    c’è da dire però che io filtro parecchio attraverso i tuoi scritti, nel senso che alcuni concetti in realtà di ho percepiti dal tuo «contro il ’68» e poi ritrovati nel grande francese; io però penso che tu molte cose le pensi già di tuo, e poi le trovi nei libri che più ti assomigliano; in fondo poi tutti facciamo così

  • agbiuso

    Ottobre 15, 2013

    Caro Diego, la “bidimensionalità” della società dello spettacolo, la morte come “intercapedine tra le telepromozioni” e il rapporto commozione/rimozione farebbero pensare a Guy Debord che siamo stati buoni lettori delle sue opere. Grazie dunque per aver rinnovato su questo sito la presenza di uno dei massimi filosofi e rivoluzionari del Novecento.

  • diegob

    Ottobre 14, 2013

    Io penso, che, come al solito, la commozione è assai transitoria, evanescente, scivola via in fretta. Certamente coloro che ricoprono una qualche carica pubblica debbono sottostare al rito della frase retorica, sapendo che è un atto dovuto, come un contrappunto rigido in uno spartito di musica assai convenzionale. Il fatto è che in effetti, nella società dello spettacolo, tutto è bidimensionale, rapido, la morte è un’intercapedine fra una telepromozione e l’altra, solo uno spettacolo che, per qualche ora, funziona. Non credo che vi sia autentica commozione, ma rapidissima rimozione.

  • Pasquale D'Ascola

    Ottobre 13, 2013

    Everthing human is pathetic. The secret source of Humor itself is not joy but sorrow. There is no humor in heaven. È la prima cosa che mi viene in mente ed è di Mark Twain.
    La seconda cosa che mi viene in mente è il mio drammone politico Auto Sacramental che proprio di questo racconta caro Alberto, di questo che tu affermi con impeccabile determinazione filosofica.
    È lo sfàkelos, la gangrena. Hasta luego. Pasquale.

Inserisci un commento