Skip to content


Lupi

Lupi

Anche se nata in ambiente euripideo, Reso è una tragedia quasi certamente non autentica. La sua lettura mostra in modo plastico la differenza tra uno scrittore di tragedie -molti ce ne furono– e Euripide. Manca infatti di ricchezza teoretica, di penetrazione nella psiche degli umani, di splendore teologico.
E tuttavia è un testo di interesse per gli archetipi antropologici che lo intessono. La trama è tratta dal decimo canto dell’Iliade. La prima parte narra della spedizione del troiano Dolone come spia nel campo greco. Ettore pensa infatti che gli Achei stiano per tornare alle loro terre, dopo la strage da lui compiuta degli eroi greci. Dolone però viene catturato e rivela la parola d’ordine per infiltrarsi nel campo frigio. Odisseo e Diomede approfittano di questa circostanza, entrano nel campo nemico e uccidono Reso, re dei Traci appena arrivato in aiuto dei Troiani. Reso è tuttavia figlio di un fiume e della Musa; per questo non scenderà nell’Ade «ma, nascosto negli antri della terra che celano l’argento, uomo-dio, giacerà morto e avrà vita, alla stregua del profeta di Bacco che dimora nella rupe Pangea»1.
La tragedia mescola due archetipi.
Il primo è quello dell’uomo-lupo nel quale Dolone si traveste, una vestizione che viene descritta con molti dettagli che la ricerca antropologica ha confermato. In quasi tutte le culture conosciute, infatti, il lupo mannaro è simbolo di forza, astuzia, contaminazione profonda tra l’animalità umana e l’animalità ferina. Tra i testi a questo proposito più controversi ma anche suggestivi c’è un libro del 1951, da poco tradotto in italiano: Uomo diventa lupo. Un’interpretazione antropologica di sadismo, masochismo e licantropia, di Robert Eisler. L’Autore argomenta a favore della natura pacifica e frugivora dell’Homo sapiens, la cui alimentazione carnea sarebbe nata sostanzialmente da pressioni ambientali -la fame generata da modifiche climatiche– e dall’imitazione dei comportamenti di altri mammiferi, soprattutto i lupi.
L’altro archetipo è quello solare e dionisiaco, di cui è figura Reso, emblema di regalità orientale, splendente, luminosa, destinato a essere profeta di Dioniso.
Tutto questo viene descritto e narrato in schemi troppo rigidi ed elementari. Due verità comunque vi compaiono, a sancire l’appartenenza all’Ellade. Atena, giunta ancora una volta in aiuto a Odisseo, dichiara che «οὐκ ἂν δύναιο τοῦ πεπρωμένου πλέον», «oltre il destino non si va» (v. 634, p. 1028); la Musa, compiangendo la morte di Reso, afferma che «creare figli, che sventura e quale affanno per i mortali! Chi ci pensa bene, vivrà senza prole» (p. 1039). Esatto.

1. Euripide, Reso (Ῥῆσος), in «Le tragedie», trad. di Filippo Maria Pontani, Einaudi 2002, p. 1039.

4 commenti

  • agbiuso

    6 Settembre, 2019

    Anche l’agenda politica comincia, seppur timidamente, a capire e persino a dire che la radice e la causa fondamentale della distruzione dell’ambiente è il numero degli umani che abitano il pianeta. Numero che deve diminuire in maniera costante e quanto prima possibile. In caso contrario, la vita sulla Terra -almeno come la conosciamo- è destinata a finire in tempi abbastanza brevi.

    Televideo – 06/09/2019 03:42
    Usa 2020. Aborto per ambiente? È bufera

    Il dem Sanders è favorevole ad affrontare l’emergenza del cambiamento climatico con una politica di controllo delle nascite. “Le donne -ha detto in un dibattito alla Cnn- hanno diritto al controllo del proprio corpo e a decidere sulla riproduzione. L’aumento della popolazione può aggravare la situazione ambientale? Penso di sì”. E: “È ingiusto negare il diritto all’aborto”. Sanders è stato contestato dai repubblicani, che lo accusano di “promuovere l’aborto” come strumento in difesa del pianeta.

  • agbiuso

    4 Settembre, 2019

    @Illumination
    Sono contento di questa tua palinodia sul far figli 🙂

    @Pasquale
    Sì, caro Pasquale. Euripide è uno dei punti di arrivo più alti dell’intera cultura greca. Cerco quanto meglio posso di attingere alla sua saggezza e alla meravigliosa bellezza dei suoi testi.

  • Pasquale

    4 Settembre, 2019

    Stai facendo uno studio su Euripide che rende imperativa la lettura. De L’uomo di venta luposto leggendo adesso le appendici. È un libro assai potente. Le note sono una miniera e ti ringrazio di averlo reso noto tempo fa. Un abbraccio Psq.

  • Illumination

    4 Settembre, 2019

    «creare figli, che sventura e quale affanno per i mortali! Chi ci pensa bene, vivrà senza prole». Esatto.
    Si è esatto! ‘Esattissimo’.
    I figli ti rendono vulnerabile.
    Già questo dovrebbe bastare a pensarci bene prima di procreare.
    Ma l’uomo cerca in tutti i modi di superare la propria finitudine. E cerca anche di rendere accettabile la vita e, poiché i figli si generano quando si è giovani non riusciamo, noi comuni mortali, ad avere questa capacità ‘visionaria’.
    Ognuno cerca il modo che gli è più congeniale per superare il buio di cui è intrisa la vita umana, i più crediamo che generare figli ci possa aiutare.
    Per molte donne, me compresa, è istintivo essere madre, in questo nient’affatto distinta da animali non umani.
    Parafrasando Nietzsche: è un fenomeno eterno, il desiderio di ognuno di mantenere nell’esistenza le sue creature.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti