Skip to content

Si chiama Stato il più gelido di tutti i gelidi mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: “Io, lo Stato, sono il popolo” (Staat heisst das kälteste aller kalten Ungeheuer. Kalt lügt es auch; und diese Lüge kriecht aus seinem Munde: ‘Ich, der Staat, bin das Volk’).

— Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, “Del nuovo idolo”, Adelphi, p. 54

Détournement

Teatro Coppola / Teatro dei cittadini – Catania – 23 aprile 2017
HIM
c
on Marco Cavalcoli
drammaturgia di Chiara Lagani
regia di Luigi De Angelis
produzione Fanny & Alexander

Davanti a uno schermo spento sta un attore inginocchiato e dalle fattezze identiche all’Adolf Hitler di Maurizio Cattelan. Sta in attesa che dietro di lui appaiano le immagini de Il mago di Oz di Victor Fleming. Il film inizia, del tutto privo di sonoro.
È him, è lui, è Hitler a dare voce ai personaggi del mondo incantato, inquietante e onirico del mago di Oz. È him, è lui, è Hitler a riprodurre i suoni della natura, del vento, degli altri animali. È him, è lui, è Hitler ad agitare braccia e mani, guidando come un direttore d’orchestra ciò che è già scritto. Lo stesso accade a tutti gli umani che pensano di dirigere il susseguirsi degli eventi, la cui concatenazione è invece inesorabile pur se ignota: «Dobbiamo considerare gli avvenimenti con gli stessi occhi coi quali consideriamo lo stampato che leggiamo, ben sapendo che c’era prima che lo leggessimo» (Arthur Schopenhauer, La libertà del volere umano, trad. di E. Pocar, Laterza 1988, p. 107).
Il film scorre sino alla fine. Null’altro accade in scena.
Al di là della prestazione virtuosistica di Marco Cavalcoli -che doppia l’intero film in inglese in un sincrono perfetto pur senza avere davanti a sé le immagini- Him ha il significato di un vorticoso détournement debordiano, che sposta le immagini di Fleming dai terrori dell’infanzia ai terrori della storia. Ma questa operazione drammaturgico-politica ha senso soltanto perché him è Adolf Hitler.
Il Führer è andato ormai da molto tempo al di là dei limitati, per quanto intensi, dodici anni del suo cancellierato e della guerra. Diventato icona universale del male e della storia, Hitler ha vinto non attraverso quei pochi esaltati neonazisti che ne imitano i gesti in modo stanco e grottesco ma ha vinto nell’ossessione pervasiva della sua figura che si ripresenta in libri (come Er Ist Wieder Da), in film, nel ripetersi di accuse e analogie -questo e quel dittatore definiti ‘il nuovo Hitler’-, in performances come quelle della compagnia Fanny & Alexander, che ha prodotto e pensato lo spettacolo.
Abbiamo assistito alla vittoria del Führer dentro un teatro libertario. Abbiamo assistito ancora una volta al trionfo di Adolf Hitler diventato un archetipo, divenuto quindi immortale. Il détournement è più tragico di quanto Debord potesse immaginare. Forse sarebbe ora di dimenticare il fascismo, il nazionalsocialismo, lo stalinismo. Passare oltre. Forse sarebbe ora di dimenticare Hitler.

  • Videogiochi e altre mitologie

    Giovedì 27 aprile 2017 alle 10,00 nell’Aula 75 del mio Dipartimento presenterò insieme all’autore il libro di Giuseppe Frazzetto Epico Caotico. Videogiochi e altre mitologie tecnologiche (Fausto Lupetti Editore, 2016). Ulteriori informazioni (dall’Agenda di Ateneo dell’Università di...
  • Kapitalism

    Santiago Sierra Mea Culpa Milano – Padiglione d’Arte Contemporanea A cura di Diego Sileo e Lutz Henke Sino  al 4 giugno 2017 Il gesto semplice e ironico di Duchamp ha liberato l’arte dalla collocazione museale...
  • Bis

    Chiesa di san Francesco all’Immacolata – Catania Elias Quartet Stagione 2016-2017 dell’Associazione Musicale Etnea Programma Franz Joseph Haydn: Quartetto op. 76 n. 5 Ludwig van Beethoven: Quartetto op. 130 – Quartetto op. 133 ‘Grande...
  • Su Nietzsche

    Su proposta della Società Filosofica Italiana, venerdì 21 aprile 2017 alle 15,30 presso la Biblioteca del Liceo Spedalieri di Catania terrò una lezione dal titolo Disincanto e benedizione. Su Nietzsche. Leggeremo testi da varie opere del...
  • Geopolitica

    Mercoledì 19 aprile 2017 alle 17,00 nel Coro di Notte del mio Dipartimento (e non nell’Aula A1, come da locandina) parteciperò, insieme al collega Gianni Piazza, a un seminario dedicato a Equilibri geopolitici e movimenti...
  • Chiaro Monte

    Una visita a Chiaramonte Gulfi Su un’altura che domina la piana di Vittoria lo sguardo si estende verso il mare e le pinete. Il luogo dal quale si ammira tanto spazio è un paese...
  • Egemonia

    Quando le esistenze individuali e collettive diventano numeri trascurabili il manifesto 14 aprile 2017 pag. 11 Pdf dell’articolo Come ogni forma di dominio, anche l’algocrazia -il potere degli algoritmi che osservano, controllano, determinano le...
  • Wille zum Leben

    Life di  Daniel Espinosa Usa, 2017 Con: Olga Dihovichnaya (Kat), Rebecca Ferguson (Miranda North), Jake Gyllenhaal (David Jordan), Ariyon Bakare (Hugh Derry), Hiroyuki Sanada (Sho Kendo), Ryan Reynolds (Roy Adams) Trailer del film La...
Vai alla barra degli strumenti