Skip to content

Si incontrano dunque, talora, individui ben nati, e relativamente ben vissuti, negli ambienti pedagogicamente più tristi: dacché resistenze insapute vigono e valgono in loro per una sorta di eredità (ignorata dall’erede) contro l’istanza sovvertitrice degli esempi. Si vedono tal’altra volta, per contro, riuscir a male ragazzi “amorosamente” cioè pignolosamente educati, quando il crostone della retorica moralistica di superficie, il caramello etico rovesciato a parole sulla loro fralezza cremosa, non è valso a ricomporre, in un’anima che va in pezzi, lo spirito e le ragioni della vita: cioè la brama di conquista biologica, di ascensione, di profittevole scelta, di accumulo. Dopo rotto il déclic della molla organica interna, non c’è diti di Vescovo né virtù ed unzione di Sacramento che valga a rimontarne il tic-tac. Il gioco multiplo e avaro degli infinitesimi, delle minime elezioni accumulatrici, della dura disciplina selettrice, s’è scombinato in un blando desiderio di requie, s’è rilassato in un abbandono (alla lubido), o ne’ pisoli della vanità soddisfatta, s’è sdraiato in una eutanasia: l’essere è, da dentro, un morente: per cui la tromba la può suonare a perdifiato, ma suona invano.

— Carlo Emilio Gadda, L’Adalgisa, Garzanti, p. 280

Un Nobel atomico

Leggo da Televideo del 23.5.2016 – ore 8,19 la seguente notizia:

=========
Obama: non chiederò scusa per Hiroshima

Barack Obama conferma che non chiederà scusa a nome degli Stati Uniti per il bombardamento atomico di Hiroshima nell’agosto 1945. «Penso sia importante riconoscere che in guerra i leader debbano prendere ogni tipo di decisione», ha detto il presidente Usa alla tv pubblica giapponese Nhk,in vista della sua storica visita di venerdì a Hiroshima. Sbarcato ieri in Vietnam,dove discuterà anche la revoca dell’embargo (ultime vestigia della guerra), Obama sarà venerdì in Giappone, dove parteciperà al suo ultimo G7.
=========

E dunque «penso sia importante riconoscere che in guerra Truman sia stato giustificato nel prendere la decisione di distruggere con il fuoco atomico Hiroshima, Nagasaki e tutti i loro abitanti, per varie centinaia di migliaia di morti, compresi vecchi, donne, bambini e animali»; «penso sia importante riconoscere che in guerra Hitler sia stato giustificato nel prendere la decisione di opporsi alla resistenza antitedesca nei Paesi occupati, Italia compresa, con varie stragi di civili da parte delle SS nazionalsocialiste»; «penso sia importante riconoscere che in guerra Stalin sia stato giustificato nel prendere la decisione di massacrare a Katyń nel 1943 più di ventimila soldati e cittadini polacchi».

Questa è la logica del Premio Nobel per la Pace 2009. Un premio, come si vede, meritato.

  • Finitudine

    Discorsi sulla morte di Luca Grecchi Editrice Petite Plaisance, 2015 Pagine 57 I quattro capitoli di cui si compone il volume sono costituiti da altrettante lezioni che Grecchi ha tenuto a degli studenti di psicologia....
  • «A un tale grado»

    Money Monster. L’altra faccia del denaro di Jodie Foster USA, 2016 Con: George Clooney (Lee Gates), Jack O’Connel (Kyle Budwell), Julia Roberts (Patty Fenn), Caltriona Balfe (Diane Lester), Dominic West (Walt Camby) Trailer del...
  • Anarchismo e paganesimo

    Anarchismo e paganesimo in «Nel nome di nessun dio – Libertaria 2016» a cura di Luciano Lanza (Mimesis Editore, 2016, pp. 250) Pagine 132-151 «Il paganesimo costituisce, nella varietà delle sue espressioni storiche che vanno dall’Oriente e...
  • Cuori pesanti

    The Idol di Hany Abu-Assad Palestina, Qatar, Gran Bretagna, 2015 Con: Tawfeek Barhom (Muhammad Assaf), Hiba Attallah (Nour bambina), Nadine Labaki Trailer del film A Gaza non è facile vivere e sopravvivere. Tanto più...
  • Modernità

    La natura reazionaria e socialmente criminale del Partito Democratico è ormai confermata da una miriade di parole e azioni. Tra queste spiccano per la loro intelligenza le affermazioni della ministra Boschi a proposito della...
  • Corruzione

    Piccolo Teatro Strehler – Milano L’opera da tre soldi (Die Dreingroschenoper, 1928) di Bertolt Brecht e Kurt Weill Traduzione di Roberto Menin Con: Giandomenico Cupaiuolo (Un cantastorie), Marco Foschi (Mackie Messer), Peppe Servillo (Jonathan...
  • Dies Irae

     Dies Irae da Requiem (1791) di Wolfgang Amadeus Mozart Collegium Vocale e La Chapelle Royale diretti da Philippe Herreweghe «Dies Irae, dies illa / solvet saeclum in favilla». Sì, il giorno della fine verrà a dissolvere...
Vai alla barra degli strumenti