Skip to content

Dann bewegen wir uns immer schon in dem geschehenden Unterschied (Ci muoviamo già sempre nella differenza che accade).

— Martin Heidegger, Die Grundbegriffe der Metaphysik. Welt – Endilchkeit – Einsamkeit, Klostermann, § 75, p. 519.

Agire

Lettere da Berlino
(Jeder stirbt für sich allein)
di Vincent Pérez
Germania, 2015
Con: Brendan Gleeson (Otto Quangel), Emma Thompson (Anna Quangel), Daniel Brühl (Escherich)
Trailer del film

«Ogni umano muore da solo» recita il titolo originale di questo film, che inizia con il giovanissimo soldato Hans Quangel ucciso sul fronte francese. I suoi genitori, due operai di Berlino, reagiscono alla notizia in modo insieme composto e disperato. E poi agiscono. Cominciano a scrivere cartoline nelle quali accusano il regime nazionalsocialista di menzogna, di assassinio, di volere la distruzione degli operai e del popolo tedesco. Lasciano queste cartoline nei palazzi privati, negli uffici, nelle scuole. Quando saranno catturati, il potere potrà ucciderli ma non renderli servi.
Ispirato a una vicenda realmente accaduta, classico nella struttura, sobrio nella sceneggiatura e nella recitazione, un po’ consueto nel delineare il male nazista, Jeder stirbt für sich allein testimonia di quanto sia difficile rimanere liberi là dove il corpo sociale sembra permeato e intriso di sottomissione. E tuttavia testimonia anche di come ribellarsi sia possibile, sempre. Non importa quanti leggeranno e avranno il coraggio di conservare quelle cartoline -sembra soltanto 18 su più di 260-, conta il gesto di rivolta contro il conformismo dell’autorità, la violenza della guerra, la stupidità del Narciso al potere.
Tre caratteristiche -conformismo, violenza, stupidità- che non sono certo limitabili al Führer germanico ma valgono anche per chi oggi comanda l’Impero, l’Italia, l’Europa. Ai quali sembrerebbe più facile -rispetto a quanto lo fosse di fronte al regime nazionalsocialista- opporre ragione e autonomia e che invece hanno a disposizione strumenti mediatici capaci di conseguire ciò che il peso della repressione totalitaria non riuscì a raggiungere: trasformare il comando nel pensiero illusoriamente spontaneo dei servi. Anche per questo sono un anarchico.

  • Emma, la Feroce

    Teatro Franco Parenti – Milano Madame Bovary di Gustave Flaubert riscrittura di Letizia Russo Con Lucia Lavia, Woody Neri, Gabriele Portoghese, Mauro Conte, Laurence Mazzoni, Roberta Zanardo, Elisa Di Eusanio, Xhuiljo Petushi Produzione Khora...
  • Una promessa

    Strati su strati, che dal mare salgono verso le colline. Così è fatta Napoli. In una delle alture si slarga la grande Certosa di San Martino. Chiostri abitati anche da teschi; stanze ricoperte di...
  • Uno spasso

    Nespolo That’s Life  Catania – Fondazione Puglisi Cosentino A cura di Danilo Eccher Sino al 15 gennaio 2017 «La più alta autorità patafisica italiana», così Ugo Nespolo viene definito nel testo di presentazione della mostra....
  • Heidegger / Ricoeur

    Identità e differenze temporali. Su Heidegger e Ricoeur in «In Circolo – Rivista di filosofia e culture» Numero 2 – Dicembre 2016 Pagine 277-290 Abstract del saggio «The paper analyzes and compares two fundamental...
  • Bruciare

    Whiplash di Damien Chazelle USA, 2014 Con: Miles Teller (Andrew Neyman), J.K. Simmons (Terence Fletcher), Paul Reiser (il padre di Andrew) Trailer del film La batteria, il jazz, i padri, le sfide, l’iniziazione alla...
  • Architettura

    Made in Europe 1988-2013 Milano – Palazzo della Triennale Sino all’8 gennaio 2017 Venticinque anni di progetti esposti e premiati dalla Fondazione Mies van der Rohe di Barcellona. Una grande varietà di soluzioni -estetiche,...
Vai alla barra degli strumenti