Skip to content


«Dance me very long»

«Dance me very long»

Dance Me to the End of Love
di Leonard Cohen
(da Various Positions, 1984)

«Dance me to your beauty with a burning violin / Dance me through the panic ’til I’m gathered safely in / Lift me like an olive branch and be my homeward dove / Dance me to the end of love […] Dance me to the wedding now, dance me on and on / Dance me very tenderly and dance me very long»
Una danza malinconica e tenace. Cohen afferma di averla pensata anche in relazione ai campi di sterminio ma l’importante è che si tratta di parole e di ritmi capaci di esprimere tutto il desiderio degli amanti di giungere ai limiti del loro sentimento, di esplorare lo spazio e il tempo come un riverbero di energia nel quale finalmente congiungersi. È il vino di cui parla il mistico fiammingo Ruysbroeck, un vino che inebria al solo nome.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

2 commenti

  • agbiuso

    Novembre 12, 2016

    Leonard Cohen ci ha regalato la bellezza della malinconia.
    Segnalo il ricordo di Daniele Martino su Doppiozero: Cohen. Un’enorme compassione

  • Andrea

    Luglio 5, 2015

    Probabilmente uno degli album più pop di Leonard Cohen.
    Incredibilmente, aggiungerei, considerando che la sua personale riflessione sul ruolo dell’ebraismo nella sua vita – da sempre e per sempre onnipresente – stava raggiungendo in quel periodo il suo apice più incerto e discutibile.

    “Pensavo di poter illuminare il mio mondo e quello della gente intorno a me. Pensavo di poterlo fare ma non ci sono riuscito. Questa è una strada dove persone molto più forti, generose e nobili di me si sono bruciate. Quando si comincia a trattare materiale sacro ci si lacera profondamente.”

    La leggerezza di questa canzone, di questo disco meraviglioso, è lacerante e straniante. Di fronte alle barbarie del mondo, sotto gli occhi di un Dio presunto, forse la cosa più giusta è abbandonarsi ad una danza d’amore. Fino alla fine.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti