Skip to content


Bach – Magnificat e Oratorio di Natale

Johann Sebastian Bach
«Magnificat in re maggiore BWV 243 – Oratorium tempore Nativitatis Christi BWV 248»
Conservatorio di Milano
16 dicembre 2008

Società del Quartetto – Academia Montis Regalis
Coro Filarmonico “Ruggero Maghini”
Alessandro De Marchi direttore

Quasi tre ore di musica bachiana, di testi biblici che si trasformano ora in serena meditazione ora in esaltante tripudio. Violini che si alternano a oboi d’amore, timpani e trombe nel pieno splendore. Gli Oratori di Bach e quella particolare preghiera che è il Magnificat rappresentano un momento intermedio tra la più intima meditazione religiosa -le Passioni– e le celebrazioni politiche della casa di Sassonia.
L’esecuzione dell’Academia Montis Regalis è forse anche troppo misurata e trasmette solo in parte la potenza del pensiero di Bach. Ottimo il coro, meno i cantanti solisti. Ma quando le note sono di Bach pulsa, in ogni caso, la festa.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Leonardo Leo – «Sant’Elena al Calvario»

Sant’Elena al Calvario
Oratorio in due parti su libretto di Pietro Metastasio
di Leonardo Leo
(1732)

Conservatorio di Milano – Sala Verdi – 2 dicembre 2008

Europa Galante
Fabio Biondi direttore e violino solista, Gemma Bertagnolli soprano, Lucia Cirillo soprano, Anna Chierichetti soprano, Marina De Liso mezzo soprano, Roberto Abbondanza baritono.
Società del Quartetto

Composto nel 1732 su libretto di Metastasio, questo Oratorio ha la leggerezza -in tutti i sensi- del barocco napoletano. Molti recitativi, dunque, e le arie affidate a turno ai cinque cantanti. Mancano la potenza, il fasto a volte angoscioso, la complessità armonica della grande musica dell’epoca. La lievità canonica produce un ascolto piacevole ma è sempre come se a queste note mancasse il volo.
Eccellente l’interpretazione, su strumenti d’epoca, del complesso fondato e diretto dal palermitano Fabio Biondo. Specialiste, e quindi, efficaci nel rendere le sfumature tonali del canto di Leo, le voci.

Vai alla barra degli strumenti