Skip to content


Villa Palagonia, la Sicilia

Bagheria – Sito della Villa

All’amico e collega Salvatore Fricano debbo la visita, ieri, a uno dei luoghi più emblematici della Sicilia e dei siciliani. Noi, infatti, non crediamo all’umanità. Non crediamo al suo valore etico universale, alla necessità di combattere una qualsiasi battaglia in suo nome, alla sua grandezza. Non crediamo neppure che essa esista al di là dei singoli individui. I prìncipi Gravina che concepirono, vollero, costruirono Villa Palagonia sono, in questo, degli autentici rappresentanti di un intero popolo di scettici, di solitari, di disincantati orgiastici della vita.
I “mostri” che svettano sulle mura di questa magnifica dimora costituiscono una sorta di ammissione e di autoritratto. L’abusivismo che ha aggredito il luogo sino a nasconderlo dentro un reticolo di palazzi orrendi, di anonime strade, di strutture insignificanti, sembra quasi il tentativo di cancellare una confessione troppo esplicita di ciò che si pensa e che si è.
E che cosa sono i siciliani? Un gioco di rimandi, come quello che intride la “Galleria degli specchi”, il cui soffitto è interamente ricoperto da superfici ora opache ma che un tempo riflettevano ogni angolo. I siciliani sono dei tracotanti, convinti di costituire il centro del mondo e del tempo. I siciliani sono un intreccio di cristianesimo ateo e di paganesimo devoto. Tutti gli spazi, la concezione stessa, i particolari di Villa Palagonia offrono una testimonianza profonda, malinconica e potente di questa loro natura, della gaia disperazione che li intride, che ci intride.