Skip to content


L’esca

Vice. L’uomo nell’ombra
di Adam McKay
USA, Gran Bretagna, Spagna, Emirati Arabi Uniti, 2018
Con: Christian Bale (Dick Cheney), Amy Adams (Lynne Cheney), Steve Carrel (Donald Rumsfeld), Sam Rockwell (George W. Bush), Tyler Perry (Colin Powell)
Trailer del film

Rissoso, nullafacente, ubriacone. Occhiali, giacca e cravatta, attento e di poche parole. E soprattutto uno degli uomini più potenti del mondo dal 2001 al 2009. La parabola di Dick Bruce Cheney (1941-vivente) si è svolta nella riservatezza di delitti e miserie perpetrati per l’intera esistenza ma di rado legati al suo nome. Perché Cheney, vice del giovane presidente Bush e vera guida degli Stati Uniti d’America, ha sempre avuto la stessa capacità di un capo mafioso: apparire il meno possibile e decidere il più possibile, decidere sempre. Decidere il sostegno legislativo e politico alle grandi compagnie petrolifere -della quali è stato anche  amministratore delegato (Halliburton)-; decidere la diminuzione sistematica e consistente della tassazione per i redditi superiori ai 2 milioni di dollari; decidere l’utilizzo di informazioni false per invadere e distruggere l’Iraq, accaparrandosi le sue risorse petrolifere; decidere l’utilizzo della tortura, dopo averla rinominata «interrogatorio rinforzato»; decidere la guerra, decidere la morte, decidere ogni azione a favore del Project for a New American Century.
Tutto questo non da solo, naturalmente, ma circondato da consiglieri, avvocati, militari, manager, spie, imprenditori, avventurieri, psicopatici. Dal potere americano insomma. Ma con la personale capacità di osservare molto, riflettere velocemente, decidere senza guardare alle conseguenze per gli altri ma soltanto ai vantaggi per sé e per il proprio clan. Si tratta di un comportamento in realtà arcaico, che tecnologie belliche e interconnessione planetaria hanno reso portatore di sterminio su grande scala. Ma non importa. Cheney (padre esemplare) risponde così alle due figlie che chiedono se è bene far soffrire pesci e vermicelli: «Nella pesca non ci sono il bene e il male». E questo vale ai suoi occhi per l’intera umanità.
Cheney è sempre stato un appassionato pescatore e infatti i titoli di coda scorrono su immagini di ami e di esche. L’esca più importante che Cheney e il suo staff abbiano inventato è però in questo amaro e travolgente film soltanto accennata. L’esca dell’11 settembre 2001. Vice si apre quasi subito sulle immagini del governo americano e cioè di Cheney -perché Bush era quel giorno lontano dalla capitale, in una scuola, in compagnia di bambini- durante l’attacco alle Torri gemelle [la foto in alto raffigura il vero Cheney]. Durante quei momenti concitati «Cheney vedeva ciò che nessun altro era capace di cogliere in quegli eventi. Vedeva una opportunità». Certo. Ma non era difficile vederla, poiché quella opportunità il governo statunitense l’aveva pensata, progettata e realizzata con la collaborazione dei gruppi islamisti. Da quella opportunità si generarono immensi guadagni per le compagnie petrolifere e per le industrie militari, si generò la «teoria dell’esecutivo unificato», vale a dire la possibilità data al governo di stabilire procedure e praticare azioni senza tener conto degli altri poteri. Da quella opportunità si è generato un formidabile impulso e una giustificazione per l’ampliamento del potere degli USA su tutto il pianeta. A chi fa ancora fatica a credere che il governo degli Stati Uniti abbia davvero ucciso migliaia di propri cittadini, si risponde con una domanda: “Che cosa sono 2996 vittime americane e qualche milione poi di morti stranieri rispetto all’incremento della potenza della Nazione deputata da Dio al bene dell’umanità?”. Perché è di questo che gli americani sono convinti, questa è la lenza che lancia ogni volta di nuovo l’esca.

John Wayne era una rossa?

Zero Dark Thirty
di Kathryn Bigelow
Con: Jessica Chastain (Maya), Jason Clarke (Dan), Jennifer Ehle (Jessica), Kyle Chandler (Joseph Bradley), Mark Strong (George),
USA, 2012
Trailer del film

Questo film parla dell’operazione che portò all’assassinio di Osama Bin Laden tramite la violazione della sovranità del Pakistan durante un’azione di guerra notturna attuata con due elicotteri. Racconta che a convincere Barack Obama ad autorizzare l’operazione fu una giovane agente della CIA, di nome Maya, la quale testardamente, e contro la prudenza dei suoi capi e colleghi, seguì una traccia che la condusse a scoprire il rifugio dello sceicco.
L’incipit è uno schermo nero sul quale si ascoltano le voci di chi l’11 settembre 2001 stava per morire nelle torri gemelle. Voci che predispongono lo spettatore ad accettare qualunque gesto rivolto a vendicare quell’evento. Si prosegue con le torture che agenti della CIA praticano sui presunti membri di Al Qaeda. La ragazza all’inizio sembra un po’ turbata ma impara ben presto anche lei il mestiere di torturatrice. Il film si conclude con la lunga, estenuante scena dei reparti speciali dell’esercito che irrompono nel rifugio di Osama, uccidono uomini e donne e infine anche il cattivo. Tra l’inizio e la conclusione si dipanano delle azioni molto simili tra di loro, alcune delle quali francamente ridicole. Il risultato è uno dei più noiosi film di propaganda patriottica che siano stati girati negli ultimi decenni a Hollywood. Con la pretesa, oltretutto, di rappresentare un’opera critica o almeno di neutrale descrizione di quanto accade.
Su questa “neutralità” il filosofo Slavoj Žižek ha formulato un’analisi molto chiara, che condivido per intero. Lascio quindi a lui la parola:

«Ecco come, in una lettera al Los Angeles Times, Kathryn Bigelow ha giustificato come Zero Dark Thirty mostri dei metodi di tortura utilizzati dagli agenti del governo per catturare e uccidere Osama bin Laden:
“Quelli di noi che lavorano nelle arti sanno che la rappresentazione non è approvazione. Se così fosse, nessun artista sarebbe in grado di dipingere le pratiche disumane, nessun autore potrebbe scriverne, e nessun regista potrebbe approfondire i temi spinosi della nostra epoca.”
Davvero? Non c’è bisogno di essere un moralista, o ingenuo sulle urgenze della lotta contro gli attacchi terroristici, per pensare che torturare un essere umano è di per sé qualcosa di così profondamente sconvolgente che a rappresentarlo in maniera “neutrale” – ossia neutralizzare questa dimensione sconvolgente – sia già una forma di approvazione.
Immaginate un documentario che avesse rappresentato l’Olocausto in un modo indifferente, disinteressato, come una grande operazione logistico-industriale, focalizzandosi sui problemi tecnici (trasporto, smaltimento dei corpi, evitare il panico tra i prigionieri per essere gasati). Un tale film incarnerebbe un fascino profondamente immorale con il suo argomento, oppure conterebbe sulla neutralità oscena del suo stile per generare sgomento e orrore negli spettatori. Dove si posiziona Bigelow in questa distinzione?

leggi di più

Favole propagandistiche

Molto forte, incredibilmente vicino
(Extremely Loud and Incredibly Close)
di Stephen Daldry
Con: Thomas Horn (Oskar Schell), Tom Hanks (Thomas Schell Jr.), Sandra Bullock (Madre di Oskar), Max von Sydow (Thomas Schell Sr.), Dev Patel (Sonny), Celia Imre (Madge), Ronald Pickup (Norman), Maggie Smith (Muriel), Diana Hardcastle  (Carol), Tena Desae (Sunaina)
USA 2012
Trailer del film

Oskar è un ragazzino molto intelligente, forse affetto da una lieve forma della Sindrome di Asperger, che però esalta le sue capacità, pur costandogli molte fobie. Ha un padre meraviglioso, che «non mi ha mai parlato come un bambino» e che gli pone continuamente delle sfide giocose ed esaltanti per farlo crescere. Un padre che si trova in una delle torri del WTC l’11 settembre 2001. Oskar ascolta i messaggi da lui lasciati sulla segreteria telefonica, conserva tutto quello che avevano costruito insieme, trova in un vaso nascosto una chiave e un messaggio: «Non smettere di cercare». Sulla busta che contiene la chiave c’è scritto “Black”. Oskar si mette alla ricerca di tutti i quasi cinquecento Black di New York perché vuole e deve trovare l’oggetto che quella chiave apre. Per un breve periodo lo accompagna il singolare inquilino della nonna paterna, un uomo anziano che sente ma che non parla, comunicando soltanto con dei biglietti. Alla fine troverà qualcosa di più importante di una serratura.

Il film è stato sceneggiato da Eric Roth sulla base di un romanzo di Jonathan Safran Foer che a quanto pare deve essere un po’ più problematico della sua trasposizione cinematografica. Il film, infatti, è profondamente falso: un padre, come detto, perfetto; gli abitanti di New York tutti buoni, solidali, disponibili; le immagini e il ricordo delle torri gemelle continuamente riproposti, così come lo stupore di fronte a chi «uccide senza nemmeno conoscere le sue vittime», affermazione senz’altro esatta che si potrebbe applicare alle persone che negli ultimi sessant’anni sono state massacrate a milioni in tutto il mondo dalle bombe e dagli eserciti statunitensi. Un’opera, dunque, insopportabilmente retorica, i cui soli momenti autentici sono costituiti dalle scene in cui un Max von Sydow anziano ma sempre incomparabilmente raffinato dà vita al personaggio più sobrio della vicenda. Per il resto, è un film che si pone due obiettivi: strappare lacrime di commozione su una tragedia che in realtà gli Stati Uniti si sono costruiti da soli; fare opera di propaganda ideologica. Ma il regista ha decisamente esagerato nella misura della commozione e della finzione.

Il Terrore come non lo avete mai visto

Non posso credere a un fatto come questo. Il Pentagono ha diffuso cinque filmati che dichiara aver trovato nell’abitazione di Osama Bin Laden e li definisce come «il materiale più importante sul terrorismo che sia mai stato trovato». Guardiamo dunque questi video terrificanti: un Osama abbastanza giovane e in forma (si sarà truccato come una star? Sono immagini di repertorio?) prova alcuni discorsi nel più rigoroso silenzio. I filmati infatti sono privi di audio. In un altro video, certo il più devastante per la sicurezza del mondo, un Osama stavolta invecchiato, con la barba bianca, sta davanti a un monitor e armeggia con un telecomando guardando se stesso ai bei tempi in cui con un fucile percorreva i sentieri del Terrore. Un po’ come i nonni che guardano se stessi e i propri nipotini alla Prima Comunione o alla Festa di laurea.

Di fronte a tali documenti che dimostrano in maniera schiacciante l’astuzia e la malvagità del fondamentalismo islamico, io credo che l’Amministrazione statunitense abbia ragione: ormai può propinare qualunque cosa al mondo e il mondo le crede, anche se persino un quotidiano decisamente filoamericano come la Repubblica giorno 6 maggio ammetteva che «mentre ieri Obama portava una corona di fiori a Ground Zero, era impossibile non ricordare quel che pensa tuttora il 42% degli americani: che la Commissione d’indagine sull’11 settembre “ha nascosto o rifiutato d’investigare prove cruciali che contraddicono la versione ufficiale su quell’attacco”. E non sono i soliti seguaci delle teorie del complotto. Uno dei più autorevoli giuristi coinvolti nei lavori di quella Commissione, John Farmer, si dissociò dalle conclusioni con parole che fanno rabbrividire: “Ciò che il governo e i militari hanno detto al Congresso, ai mass media e all’opinione pubblica su quel che sapevano allora, è quasi interamente falso”». Di questa falsità ci sono prove consistenti, se i fatti contassero qualcosa rispetto all’immaginazione del Potere.

Ipnosi

«Là dove il mondo reale si cambia in semplici immagini, le semplici immagini divengono degli esseri reali, e le motivazioni efficienti di un comportamento ipnotico» (Guy Debord, La società dello spettacolo, § 18). Una droga infinita sparge ormai la propria potenza tra le menti, dentro gli occhi. Diventa gridolino estasiato da parte di miserabili giornalisti gossippari che per ore -seguiti da miliardi di telespettatori- commentano il matrimonio di due ragazzotti inglesi. Diventa acritica e rivoltante adorazione verso il papa più televisivo della storia, distruttore della libertà teologica, protettore di sacerdoti pedofili, accanito sostenitore della morale sessuale repressiva, amico di dittatori di ogni risma. Diventa suprema propaganda dell’Impero, sventolio di bandiere a stelle e strisce che esultano per una vendetta da stadio, una vera e propria esecuzione. L’ipnosi televisiva è diventata in questi giorni un planetario trionfo della morte. Nella dolciastra favoletta degli eredi di una delle monarchie più ingessate del mondo, nella macabra festa del cadavere romano, nella scenografica finzione dell’assassinio di un antico amico della CIA, è l’intelligenza che muore.