Skip to content


Ponzio Pilato

Ponzio Pilato

Il procuratore della Giudea
di Anatole France
(Le procurateur de Judée, 1902)
Traduzione e nota di Leonardo Sciascia
Sellerio, 1988
Pagine 48

France_ProcuratoreElio Lamia e Ponzio Pilato si intrattengono amabilmente durante una cena, ricordando il passato, la vita a Gerusalemme, il difficile governo della Giudea. Il procuratore difende il proprio operato, che era stato sempre rivolto a garantire la giustizia e le leggi, a promuovere anche in Giudea lo sviluppo e la pace che il dominio di Roma apportava alle Province dell’Impero. Ma essi, i Giudei -«questi nemici del genere umano» (p. 17)- «ignorano la filosofia e non tollerano la diversità delle opinioni» (26), fanaticamente certi di essere gli unici a conoscere il divino, seppure tra di loro continuamente in confitto sulla interpretazione delle proprie Scritture. Pilato presagisce che questo popolo non sarà mai domato, se non con la distruzione completa della Città santa e con la dispersione. Lamia è d’accordo con lui ma pensa che «in ogni cosa bisogna osservare misura ed equità» (29), ricorda anche le virtù nascoste di quel popolo e soprattutto la bellezza delle sue donne, la sensualità straripante di «un’ebrea di Gerusalemme», con le «sue danze barbare, il suo canto un po’ rauco e insieme dolce, il suo odore d’incenso, il suo vivere trasognato […] Era più difficile fare a meno di lei che del vino greco» (30-31). Questa donna fu da lui perduta quando lei si unì a «un giovane taumaturgo di Galilea»; Lamia chiede a Pilato se si rammenta di questo Gesù «crocifisso non ricordo per quale delitto». La risposta del procuratore è meravigliosa: « “Gesù” mormorò “Gesù il Nazareno? No, non ricordo» (31). E su queste parole si chiude il racconto, «che è un apologo -e un’apologia- dello scetticismo più assoluto (e quindi della tolleranza che ne è figlia)» (Leonardo Sciascia, p. 36).
La figura di Pilato è ricostruita con molta verosimiglianza. Un uomo giusto, ligio alla romanità, incapace di capire gli eccessi e le favole del popolo che gli era stato affidato. La fama del più celebre governatore romano è però affidata a quella di una dottrina per lui incomprensibile, che lo ricorda solo per condannarne l’ignavia. Invece anche a me la vicenda di quest’uomo sembra singolare, rispettabile e -come afferma Lamia- di grande interesse.
Sua è la parola più pulita e ironica dei Vangeli: «Devo forse aggiungere che in tutto il Nuovo Testamento c’è soltanto un’unica figura degna di essere onorata? Pilato, il governatore romano. Prendere sul serio un affare tra Ebrei -è una cosa di cui non riesce a convincersi. Un ebreo di più o di meno -che importa?…Il nobile sarcasmo di un romano, dinanzi al quale si sta facendo un vergognoso abuso della parola “verità”, ha arricchito il Nuovo Testamento dell’unica parola che abbia un valore -la quale è la sua critica, persino il suo annullamento: “che cos’è verità?”…» (F.Nietzsche, L’Anticristo, in «Opere», vol. VI tomo 3, Adelphi 1975, p. 229).
Questo bellissimo racconto di France spiega perché Pilato sia davvero degno d’onore.

3 commenti

  • Enrico Galavotti

    luglio 6, 2016

    Stando alle fonti storiche, Pilato fu tutt’altro che un uomo giusto (basta leggersi i testi di S. Brandon per avere un elenco dettagliato di tutti gli abusi d’autorità di cui si macchiò). Anche l’idea ch’egli sia stato raggirato dai sommi sacerdoti e che, se fosse dipeso da lui, Cristo non sarebbe morto in croce, è leggendaria, in quanto è servita soltanto a far passare i cristiani come cittadini affidabili dell’impero, diversi dagli ebrei. Anatole France ha dipinto Pilato guardandosi semplicemente allo specchio.

    • agbiuso

      luglio 6, 2016

      Sulle ‘fonti storiche’ riguardanti il procuratore della Giudea credo sia opportuno essere prudenti, positive o negative che siano nel giudizio.
      In ogni caso, è evidente che attraverso il nome di Ponzio Pilato France onora il paganesimo e la sua misura, il suo scetticismo -come scrive Sciascia-, la sua accoglienza di tutti gli dèi, rispetto al principio esclusivo ed escludente delle religioni del Libro, soprattutto dell’ebraismo la cui sciagurata concezione della divinità ha dato origine al cristianesimo e all’islam.

  • Pasquale D'Ascola

    luglio 6, 2016

    Un altro dei miei favoriti temi di là dal volume di France che è sublime, in tutto e per tutto quanto hai scritto. Alberto caro, un abbraccio P.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti