Skip to content


Danzare nella luce

Einstürzende Neubauten
Der Weg Ins Freie

da «Perpetuum Mobile» (2004)

Perpetuum Mobile

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

«Sonnenstäube tanzen sich im Licht», granelli di polvere danzano nella luce. La luce è anche un ritmo costante, ipnotico, potente. Un ritmo che «Schritt für Schritt für Schritt für Schritt in Richtung Lichteinfall», passo dopo passo conduce in direzione della luce. La musica è questo, in qualunque modo la si chiami o la si declini. Anche nel modo ‘industrial’ degli Einstürzende Neubauten.
Il testo è composto da due diverse sequenze che vengono cantate in parallelo e che si sovrappongono rimanendo distinte. Una sequenza la si sente da sinistra, l’altra da destra. In alcune strofe si fondono, in particolare nel ‘passo dopo passo’ (Schritt für Schritt) e nel ‘io ci riesco’ (Ich schaffe es). A fare che cosa? In una sequenza «a uscire dalla città, a oltrepassare i confini, a uscire da questo Paese, a uscire dal continente»; nell’altra «a uscire dall’eclittica, a uscire dal sistema solare, a uscire dalla galassia, a uscire da tutto il Gruppo Locale (aus dem ganzen Galaxen-Haufen)»; insieme, infine, a uscire «fuori da tutte e undici le dimensioni, anche da quelle che sono ancora arrotolate su se stesse».

4 commenti

  • Andrea Carianni

    Aprile 14, 2015

    Gentile Prof. Biuso, tra tutte le sue segnalazioni musicali questa è probabilmente la più vicina, in questo momento, al mio sempre mutevole e frenetico ascolto.

    Condivido con Diego il riferimento ai Soft Machine e aggiungo che oggi, qualunque musica che avanzi pretese avanguardistiche, non puo’ che ispirarsi anche soltanto in parte a Robert Wyatt e al compianto Daevid Allen (e ai suoi Gong).

    Colgo l’occasione, se non si fosse già approcciato all’ultima immensa opera degli Einstürzende Neubauten, per consigliarle l’ascolto di “Lament”.
    Si tratta di una tanto splendida quanto evocativa sonorizzazione della Prima Guerra Mondiale commissionata a Blixa Bargeld in occasione del tragico centenario, frutto di una lunghissima ricerca filologico-musicale tra archivi sonori della Humboldt-Universität di Berlino e del Deutsche Rundfunkarchiv di Francoforte.

    Buon ascolto!

  • diegod56

    Gennaio 2, 2015

    perdona l’invadenza, ecco i Baba Zula, oltre a tutto il video è divertente non poco

    http://youtu.be/UzNaTfnR36c

  • agbiuso

    Gennaio 2, 2015

    Eh, si sente che qui parla il musicista, caro Diego, l’intenditore.
    Non conosco alcuni dei nomi che hai enunciato e ti ringrazio della competenza con la quale hai arricchito questa segnalazione.
    Come sai, non faccio distinzioni tra i generi musicali ma ascolto quello che mi piace, a qualunque ambito appartenga. La musica tutta intera è, appunto, ritmo e luce.

  • diego

    Gennaio 2, 2015

    mi pare interessante, caro Alberto, che sia stata registrata con strumenti musicali analogici, elettrici ma non computerizzati, difatti mi ricorda anche i primissimi Soft Machine più che con i Kraftwerk o il primo geniale Battiato, sento anche una vaga contaminazione col suono turco dei Baba Zula, specie nel ritmo

    il tedesco, che io da bravo ignorante non conosco, è la lingua più adatta per queste atmosfere elettromeccaniche

    come sempre le tue segnalazioni sono originali, curiose, imprevedibili anche

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti