Skip to content


Screwed

Ben detto.
Come anche altre affermazioni, del tutto corrispondenti alla realtà:

«Yet despite his personal successes, he has been a disaster as a national leader—in three ways.
Two of them are well known. The first is the lurid saga of his “Bunga Bunga” sex parties, one of which has led to the unedifying spectacle of a prime minister being put on trial in Milan on charges of paying for sex with a minor. The Rubygate trial has besmirched not just Mr Berlusconi, but also his country.
[…]
Worst by far has been a third defect: his total disregard for the economic condition of his country.
[…]
As our special report in this week’s issue points out, only Zimbabwe and Haiti had lower GDP growth than Italy in the decade to 2010.
[…]
All these things are beginning to affect Italy’s justly acclaimed quality of life. Infrastructure is getting shabbier. Public services are stretched. The environment is suffering. Real incomes are at best stagnant. Ambitious young Italians are quitting their country in droves, leaving power in the hands of an elderly and out-of-touch elite. Few Europeans despise their pampered politicians as much as Italians do».

Consiglio di leggere per intero l’articolo che l’Economist di questa settimana dedica alla nostra vergogna di gente screwed, “fottuta“.

3 commenti

  • Andrea T.

    10 Giugno, 2011

    32.30%, 8.389.441 ascoltatori.

    Apparentemente non c’entra niente con il post.
    Sono i dati di Annozero di ieri sera, ultima puntata, appena usciti.
    Alla fine B. c’è riuscito a ottenere quello che voleva.
    E’ sotto gli occhi di ognuno che di questo ‘trasloco’ soffriranno tutti e per prima soffrirà la Rai, già molto malandata.
    Non è concepibile in nessuna nazione libera che ci si affanni in ogni mondo per intralciare il lavoro di una trasmissione di punta del servizio pubblico, che macina introiti su introiti e che furbescamente viene additata dai detrattori come qualcosa che non si vuole pagare con i soldi dei contribuenti.

    La strana idea del pluralismo dei pesi e dei contrappesi, del minutaggio e delle parcondicio, che rifiuta ogni voce fuori dal coro, perchè a loro dire voci diverse non fanno pluralità ma faziosità. E se io avessi voluto continuare ad essere fazioso, perchè me lo si impedisce?

    B. ci ha ‘screwed’ ancora una volta.

  • Roberto Battaglia

    10 Giugno, 2011

    Già da anni circolavano in rete video che mostravano come veniamo visti dal resto del mondo. Il metodo consisteva in varie interviste fatte ad alcuni turisti, che si trovavano in Italia, riguardo la loro opinione sulla situazione politica.

    Ebbene le risposte erano tutte le stesse, sia che l’intervistato proveniva dalla Cina ovvero dall’America, o dalla Germania o dall’Austria:
    veniva detto che in qualsiasi altro Stato non sarebbe mai potuto salire al potere una persona che è capace di controllare e influenzare i media come lui; addirittura non avrebbe potuto nemmeno candidarsi.

    Per non parlare della brutta figura al Parlamento Europeo, quando Mr.B. ebbe il “coraggio” di offendere Martin Shulz (politico tedesco, attuale presidente del gruppo parlamentare dell’Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici presso il Parlamento europeo), che suscitò una forte indignazione di tutti gli Europarlamentari.

    Per chi non avesse mai visto il video ecco il link:

    http://www.youtube.com/watch?v=Ym8AfzMi2Kc

    Con questo articolo preso dalla famosissima testata londinese, ha superato se stesso. Non ci sono più parole da dire.. il testo parla chiaro.
    Sotto di noi come Pil (prodotto interno lordo) ci sono solo lo Zimbabwe e Haiti.

    Ma tanto tutto questo passerà in secondo piano e si continuerà a dire che in Italia “non c’è nessuna crisi..” e che tutto va bene.

  • antonella

    9 Giugno, 2011

    e c’è chi insiste a far passare tutto questo come se fosse normale!

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti