Skip to content


Terrore e silenzio

È sempre la solita storia. Nulla il potere teme come la parola che «gli allòr ne sfronda ed alle genti svela / di che lagrime grondi e di che sangue» (Foscolo, Dei sepolcri, vv. 157-158). Spinoza lo comprese perfettamente quando propose che «facta arguerentur, & dicta impune essent (fossero perseguibili soltanto le azioni, e le parole rimanessero impunite)» (Trattato teologico-politico, Prefazione). Non so chi sia Julian Assange, se dietro di lui ci sia qualcuno, quali siano gli scopi della sua azione. Ma sono certo che le accuse che gli Stati gli rivolgono -da quelle private a quelle politiche- sono finalizzate a colpire la libertà di sapere. Sapere chi davvero comanda nel mondo: le banche, la grande finanza di Wall Street, le industrie delle armi, i servizi segreti. Sapere che gli Stati democratici si reggono sulla medesima struttura criminale degli Stati non democratici. Sapere che mantenere i propri sudditi nell’ignoranza è ancora e sempre il vero scopo di chi comanda, poiché è la condizione che permette loro di continuare a comandare e di essere persino apprezzati.
Noam Chomsky, Barbara Spinelli, altri studiosi e giornalisti difendono l’azione di Wikileaks e di quanti cercano di informare sulle reali azioni degli Stati e non sulle parole vuote dei loro rappresentanti. Alcuni dei peggiori governi del mondo -tra essi Stati Uniti, Italia, Russia, Cina- cercano invece di mettere il silenziatore alla Rete, persino definendo “terrorista” Assange. I terroristi sono loro, loro è la guerra, loro il conformismo, loro la finanza che sta distruggendo l’economia e la società europee. Loro è il terrore quotidiano e silenzioso che ci domina.

[Invito a leggere la motivazione della proposta con la quale Il Fatto quotidiano chiede di firmare per la liberazione di Assange
Invito, inoltre, a leggere un interessante intervento apparso sul sito di Alfabeta2, paradossale solo in apparenza]

6 commenti

  • agbiuso

    2 Settembre, 2012

    Perché Assange ha chiesto asilo politico all’Ecuador e non ad altri Paesi?
    Ecco una risposta:

    =======
    Nasce allora il Sudamerica moderno. E cresce e si diffonde il mito di Rafael Correa, presidente eletto dell’Ecuador. Non un contadino indio come Morales, un sindacalista come Lula, un operaio degli altiforni come Chavez. Tutt’altra pasta. Proveniente da una famiglia dell’alta borghesia caraibica, è un intellettuale cattolico. Laureato in economia e pianificazione economica a Harvard, cattolico credente e molto osservante, si auto-definisce “cristiano-socialista come Gesù Cristo, sempre schierato dalla parte di chi ha bisogno e soffre”. Il suo primo atto ufficiale consiste nel congelare tutti i conti correnti dello Ior nelle banche cattoliche di Quito e dirottarli in un programma di welfare sociale per i ceti più disagiati. Fa arrestare l’intera classe politica del precedente governo che viene sottoposta a regolare processo. Finiscono tutti in carcere, media di dieci anni a testa con il massimo rigore. Beni confiscati, proprietà nazionalizzate e ridistribuite in cooperative agricole ecologiche. Invia una lettera a papa Ratzinger dove si dichiara “sempre umile servo di Sua Illuminata Santità” dove chiede ufficialmente che il Vaticano invii in Ecuador soltanto “religiosi dotati di profonda spiritualità e desiderosi di confortare i bisognosi evitando gli affaristi che finirebbero sotto il rigore della Legge degli uomini”. Tutto ciò lo si può raccontare oggi, grazie alla bella pensata del Foreign Office, andato nel pallone. In tutto il pianeta si parla di Rafael Correa, dell’Ecuador, del debito immorale, del nuovo Sudamerica che ha detto no al colonialismo e alla servitù alle multinazionali europee e statunitensi. In Italia lo faccio io sperando di essere soltanto uno dei tanti. Questo, per spiegare “perché l’Ecuador”.
    Per 400 anni, da quando gli europei scoprirono le banane ricche di potassio, gli ecuadoregni hanno vissuto nella povertà, nello sfruttamento, nell’indigenza, mentre per centinaia di anni un gruppo di oligarchi si arricchiva alle loro spalle. Non lo sarà mai più. A meno che non finiscano per vincere Mitt Romney, Draghi, Monti, Cameron e l’oligarchia finanziaria. L’esempio dell’Ecuador è vivo, può essere replicato in ogni nazione africana o asiatica del mondo. Anche in Europa. Per questo JulianAssange ha scelto l’Ecuador.
    Il colpo decisivo viene dato da una notizia esplosiva resa pubblica (non a caso) il 4 agosto del 2012. “Julian Assange ha firmato il contratto di delega con il magistrato spagnolo Garzòn che ne rappresenta i diritti legali a tutti gli effetti in ogni nazione del globo”. Chi è Garzòn? E’ il nemico pubblico numero uno della criminalità organizzata. E’ il nemico pubblico numero uno dell’Opus Dei. E’ il più feroce nemico di Silvio Berlusconi. E’ in assoluto il nemico più pericoloso per il sistema bancario mondiale. Magistrato spagnolo con 35 anni di attività ed esperienza alle spalle, responsabile della Procura reale di Madrid, ha avuto tra le mani i più importanti processi spagnoli degli ultimi 25 anni. Esperto in “media & finanza” e soprattutto grande esperto in incroci azionari e finanziari, salì alla ribalta internazionale nel 1993 perché presentò all’Interpol una denuncia contro Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri (chiedendone l’arresto) relativa a Telecinco, Pentafilm, Fininvest, Reteitalia e Le cinq da cui veniva fuori che la Pentafilm (Berlusconi e Cecchi Gori soci, cioè PD e PDL insieme) acquistava a 100$ i diritti di un film alla Columbia Pictures che rivendeva a 500$ alla Telecinco che li rivendeva a 1000$ a Rete Italia che poi in ultima istanza vendeva a 2000$ alla Rai, in ben 142 casi tre volte: li ha venduti sia a Rai1 che a Ra2 che a Rai3. Lo stesso film. Cioè la Rai ha pagato i diritti di un film 20 volte il valore di mercato e l’ha acquistato tre volte, così tutti i partiti erano presenti alla pari. Quando si arrivò al nocciolo definitivo della faccenda, Berlusconi era presidente del consiglio, quindi Garzòn venne fermato dalla UE. Ottenne una mezza vittoria. Chiuse la Telecinco e finirono in galera i manager spagnoli. Ma Berlusconi rientrò dalla finestra nel 2003 come Mediaset. Si riaprì la battaglia, Garzòn stava sempre lì. Nel 2006 pensava di avercela fatta, ma il governo italiano di allora (Prodi) aiutò Berlusconi a uscirne. Nel 2004 aprì un incartamento contro papa Woytila e contro il managament dello Ior in Spagna e in Argentina, in relazione al finanziamento e sostegno da parte del Vaticano delle giunte militari di Pinochet e Videla in Sudamerica. Nel 2010 Garzòn si dimise andando in pensione, ma aprì uno studio di diritto internazionale dedicato esclusivamente a “media & finanza” con sede all’Aja in Olanda. E’ il magistrato che è andato a mettere il naso negli affari più scottanti, in campo mediatico, dell’Europa, degli ultimi venti anni. In quanto legale ufficiale di Assange, il giudice Garzòn ha l’accesso ai 145.000 file ancora in possesso di Assange che non sono stati resi pubblici. Ha già fatto sapere che il suo studio è pronto a denunciare diversi capi di stato occidentali al tribunale dei diritti civili con sede all’Aja. L’accusa sarà “crimini contro l’umanità, crimini contro la dignità della persona”. La battaglia è dunque aperta. E sarà decisiva soprattutto per il futuro della libertà in Rete. In Usa non fanno mistero del fatto che lo vogliono morto. Anche gli inglesi.
    =======

    Invito a leggere per intero il testo da cui ho tratto questo brano.
    Non è brevissimo ma fa capire molte cose.

  • agbiuso

    19 Settembre, 2011

    Segnalo un intéressante testo di Assange dedicato all’Italia, definita Assurdistan.

  • filippo scuderi

    8 Dicembre, 2010

    Carissimo prof.Biuso, la ringrazio per il suo prezioso suggerimento di leggere l’articolo di Massimo Razzi.
    Capisco perfettamente l’importanza sia della rete sia della data storica 11/28/10, ma se un giorno nella rete ci trovassimo noi, nel senso che potrebbero indurci a farci sapere fatti che alla fine sarebbero sempre pilotati dai cosiddetti colletti bianchi, sarebbe poi sempre la solita storia!

  • agbiuso

    8 Dicembre, 2010

    “io penso che la novità è il contesto tecnologico inedito rispetto al passato”.
    Ha ragione, caro Diego. Si tratta di una novità decisiva proprio perché consente a chi lo desidera di essere informato in tempo reale e ovunque ci si trovi. Un articolo di Massimo Razzi –Il giorno che cambiò l’informazione– lo chiarisce assai bene.
    La Rete delinea una nuova configurazione spaziotemporale dalle profonde conseguenze anche politiche.

  • filippo scuderi

    7 Dicembre, 2010

    La solita storia, certamente non c’erano i mezzi che ci sono adesso, ma durante la seconda guerra mondiale,
    un certo Lucky Luciano aveva fatto un patto con allora presidente degli stati uniti Roosevelt, addirittura la mafia negli anni a seguire sponsorizzava un certo Thomas Dewey che per poco non diventò presidente degli stati uniti d’America,
    qui parliamo di signori con dei colletti bianchi da fare paura, per non parlare di tutti i misteri che coinvolsero la Sicilia in quel periodo, e qui mi viene in mente: che fine ha fatto Ettore Maiorana, e i suoi scritti?
    Certamente possiamo scrivere fiumi di misteri , che coinvolgono la cosiddetta FBI-CIA , a partire dall’assassinio di Kennedy e di Marilyn, a dire il vero mi aspettavo di più da queste pagine pubblicate da wikileaks, acqua fuoriuscita , ma immaginiamo per un attimo se Mr Assange pubblicasse quello che la gente vuole veramente sapere, di tutti i misteri che la grande super potenza e alleati compresi hanno fatto in passato, altro che festini e pettegolezzi ,un fiume in piena, la solita storia.
    F.S.

  • diegob

    7 Dicembre, 2010

    non so che fine farà, non conosco i suoi eventuali difetti umani, ma anche a me ricorda arnaldo da brescia, giordano bruno, e tanti altri invisi al potere

    sicuramente ci ha mostrato la potenza della rete, ci ha mostrato un campo di battaglia nuovo, nel senso che è vero che i nuovi mezzi di comunicazione portano in sè delle conseguenze, così come la stampa privata delle bibbie rese possibile la riforma protestante

    l’idea che anch’io, umile cittadino ben poco abbiente, possa leggere un documento riservato dei palazzi del potere, al di là della qualità della notizia, è di per se un fatto straordinario

    quindi, caro prof. biuso, ha molta ragione a scrivere che è sempre la solita storia, ma io penso che la novità è il contesto tecnologico inedito rispetto al passato

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti