Skip to content


«Vita pensata»

«Vita pensata»

Per lo sguardo fenomenologico la filosofia è vita che pensa se stessa. Tra teoresi e prassi non si dà contraddizione, salto, differenza ma vige una profonda continuità. La vita senza pensiero è un insensato agire, il pensare privo di vita è niente.
Convinti di questo, insieme con la Prof. Giusy Randazzo (direttore scientifico) e il Prof. Augusto Cavadi (direttore responsabile) abbiamo progettato una Rivista on line che si intitola, appunto, Vita pensata.

Il primo numero è disponibile qui:  Vita pensata 1 luglio_2010
Chi si iscrive all’area riservata può scaricare anche il file pdf completo della Rivista.
Buona lettura.

[Miei contributi]

La filosofia come vita pensata
(con Giusy Randazzo)
p. 4

Ferdinand De Saussure
pp. 9-11

Agorà (con Giusy Randazzo)
pp. 18-19

L’onestà di Pirandello (con Giusy Randazzo)
pp. 22-23

La storia, eventi e strutture
pp. 26-27

2 commenti

  • Adriana Bolfo

    luglio 20, 2010

    Questa bella sorpresa, dopo lunga (mia) assenza!

  • Campo Paolina

    luglio 20, 2010

    Ho sfogliato con interesse la Rivista ” Vita Pensata”. L’articolo su Ferdinand de Saussure mi ha dato la possibilità di riflettere sul paragrafo 34 di “Essere e Tempo”, quando Heidegger scrive testualmente: “il discorso è l’articolazione “significante” della comprensibilità di quell’essere-nel-mondo di cui fa parte il con-essere e che si mantiene sempre in una modalità determinata dell’essere-assieme prendente cura.” Come lei ci spiegava, professore Biuso, noi siamo fondamentalmente dei dispositivi semantici ed in questa determinata situazione esistenziale, il linguaggio, la parola è la via attraverso cui il nostro pensiero si articola e dà significato a tutto ciò che ci circonda.
    L’essere insieme agli altri necessita di un linguaggio comprensibile; il silenzio è invece comunione con sè stessi, discorso intimo. Forse, proprio nel silenzio, il filosofo Maria Teresa Antonelli ha scoperto quella caratteristica dell’uomo “finito che percepisce in sè l’infinito”.
    Grazie.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti