Skip to content


Dürrenmatt su Berlusconi

Dürrenmatt su Berlusconi

«L’uomo al quale la città doveva soccombere viveva già fra di noi quando non gli facevamo ancora caso. Lo notammo solo quando cominciò a dare nell’occhio con un comportamento che ci parve ridicolo, tanto è vero che in quei tempi ci si burlava parecchio di lui: eppure, quando divenimmo attenti, aveva già la direzione del teatro. Non ridevamo di lui come si ride di persone buffe per ingenuità o arguzia, bensì come a volte si ride di cose sconce. Tuttavia è difficile dire cosa ci inducesse a ridere nei primi tempi della sua comparsa, tanto più che in seguito lo trattammo non solo con rispetto servile -e questo ci era ancora comprensibile, quale segno di timore- ma anche con franca ammirazione. Singolare era soprattutto il suo aspetto. Era piccolo di statura. Aveva un corpo che sembrava senz’ossa, tanto che emanava da lui un che di viscido. […]..] Però è incerto quando presagimmo per la prima volta in lui la possibilità del male […]..] pensavamo allora a una mancanza di gusto piuttosto, oppure ridevamo della sua supposta stupidità»
(“Il Direttore del teatro” [1945] in Racconti, trad. di U. Gandini, Feltrinelli 1996, p. 29)

6 commenti

  • agbiuso

    Luglio 19, 2014

    Era la nipote di Mubarak
    di Norma Rangeri

    Non sarà lo sta­ti­sta che in Europa e nel mondo ci invi­dia­vano, ed è pur sem­pre un impren­di­tore pre­giu­di­cato per reati di frode fiscale, oltre che un ex pre­si­dente del con­si­glio a pro­cesso per la compra-vendita di par­la­men­tari. Ma con l’assoluzione pro­nun­ciata dai giu­dici della corte d’appello di Milano, oggi Sil­vio Ber­lu­sconi con­qui­sta l’invidiabile sta­tus di anziano miliar­da­rio a tal punto cre­du­lone da scam­biare Ruby per la nipote di Mubarak.

    Quelle sei tele­fo­nate in una notte, alla que­stura di Milano, men­tre era a Parigi per un impor­tante ver­tice inter­na­zio­nale, erano sem­pli­ce­mente un gesto uma­ni­ta­rio verso una ragazza reclu­tata in una casa-famiglia dai suoi amici, malau­gu­ra­ta­mente finita in que­stura per furto. E come avrebbe potuto un pre­si­dente del con­si­glio, privo di col­la­bo­ra­tori e infor­ma­tori, imma­gi­nare che l’oggetto delle sue paterne cure fosse una mino­renne in cerca di pro­te­zione e denaro in cam­bio di sesso?

    Del resto c’è una legge che per que­sto tipo di reati, tra adulti e minori, pre­vede “l’ignoranza ine­vi­ta­bile”, cioè la pos­si­bi­lità, nel caso nostro, che l’anziano bene­fat­tore igno­rasse l’anagrafe dell’ospite delle sue cene ele­ganti. I magi­strati che lo ave­vano con­dan­nato a sette anni e all’interdizione perenne dai pub­blici uffici, non pote­vano pre­ten­dere che l’uomo più potente del paese fosse infor­mato dell’età di ogni sin­gola pas­seg­gera di quella caro­vana di donne pagate per esclu­si­va­mente per l’amabile con­ver­sa­zione come, al di là di ogni sospetto, spie­gava l’affidabile Minetti, mae­stra di bur­le­sque («c’è la dispe­rata, c’è quella che viene dalle fave­las, c’è la zoc­cola…»). Né c’è chi possa legit­ti­ma­mente sospet­tare che lo spac­chet­ta­mento del gra­vis­simo reato di con­cus­sione, con l’introduzione della fat­ti­spe­cie di “inde­bita indu­zione”, sia stato con­ge­gnato per offrire ai magi­strati la for­mula legale per ripu­lire l’immagine dell’imputato eccel­lente. Evi­den­te­mente la sen­tenza di primo grado aveva com­ple­ta­mente tra­vi­sato la realtà dei fatti.

    Del resto que­sto non è il paese divo­rato dal con­flitto di inte­ressi fino al punto di can­cel­lare i con­fini e i con­flitti tra destra e sini­stra a favore di quell’amalgama, riu­sci­tis­simo, delle lar­ghe intese, oggi bril­lan­te­mente ribat­tez­zate come il patto costi­tuente del Naza­reno. Così come in nes­sun modo il nuovo potere ren­ziano, arte­fice del patto, può aver influito sul giu­di­zio di asso­lu­zione che ha gra­ziato Ber­lu­sconi. La realtà supera sem­pre la fan­ta­sia, e dice che non c’era biso­gno di que­sta asso­lu­zione per ridare a Ber­lu­sconi il ruolo di part­ner pri­vi­le­giato nella revi­sione delle regole demo­cra­ti­che. Come si diceva una volta, il pro­blema è politico.
    =========

    Fonte: il manifesto, 19.7.2014

  • agbiuso

    Luglio 18, 2014

    Era un bandito prima della condanna, rimane un bandito dopo questa assoluzione.
    Il resto è propaganda dei suoi servi e degli amici.

  • Giacomo

    Giugno 27, 2009

    Buongiorno Prof!

    Dopo tanto tempo sono tornato sul suo sito: apprezzo il passaggio al cosiddetto web 2.0

    Il nostro Iper-losco non è un tipo umano raro né nuovo, a giudicare dalle numerose descrizioni ante-litteram che si offrono ogni giorno a chi ancora legge…

    Ho trascritto, qualche mese fa, queste poche righe, colpito dalla puntuale descrizione del nostro primo ministro.
    Con gli ultimi sviluppi dello scandalo, pare ancora più appropriato.

    Eccole, a chi interessa.

    A presto,
    Giacomo

    “La nave dei folli che guidava l’impero non era diversa da una remota periferia; anzi, era il ricettacolo naturale dei miasmi che da questa sprigionavano, in un reciproco meccanismo di contaminazioni dove l’immondo gioco della politica, la superstizione delle masse, la volgarità triviale dell’opinione pubblica si fondevano in un’intruglio di marci sapori.

    Il pessimismo della ragione individuale si rivolta contro l’ottimistica palude dell’idillio pubblicitario. Quali erano i decantati vantaggi della pace universale, se a reggere l’animo degli uomini erano pur sempre gli eterni moventi della speranza e della paura: se la collettività non era in grado di confidare il proprio futuro all’energia di meditate convinzioni, ma lo abbandonava ai miserabili trucchi di un ciarlatano da strapazzo?

    Un addomesticatore di serpenti mansueti fin dalla nascita, un abile artigiano di ordigni ingegnosi quanto elementari: ecco chi era l’eletto divino dei nuovi tempi. Tanto era bastato per assoggettare le folle, per sedurre i potenti del regno: un mannello di infime competenze aveva garantito a quest’uomo una celebrità indecorosa quanto proficua lungo un immenso territorio, aveva riempito i suoi archivi con i segreti più gravi della cosa pubblica, conferendo un terribile potere alle sue scellerate macchinazioni.

    E lo scopo di tutto ciò non era altro che il denaro, da profondere nei vizi meschini di una privata depravazione. Il passato aveva prodotto manigoldi altrettanto spregiudicati: ma grandiosi nel male, smisurati nelle ambizioni. Questo era il marchio dell’epoca, la sua irreparabile degradazione: l’assenza di grandezza, il letargo banale e pestifero di ogni tensione, fosse pure rivolta verso i trionfi della violenza e del sopruso.”

    Dario Del Corno, prefazione all’Alessandro o il falso profeta di Luciano di Samosata; Adeplhi 1992, p. 17

  • Biuso

    Giugno 27, 2009

    Come dico da qualche tempo ai miei amici, ciò che sta accadendo è pericoloso ma è anche liberatorio. Lo conferma il breve ma significativo editoriale di Ezio Mauro sulla Repubblica di oggi: Minacce e disperazione.
    Per quante risorse insospettate abbia mostrato negli anni s.b., costui sta adesso svelando il suo vero volto, il suo impulso profondamente dispotico e totalitario, quello che fu sin dall’inizio palese a chi sapesse vedere, a chi avesse un minimo di conoscenze psico-politiche. Attaccando tutto e tutti in modo così scomposto e furibondo, conferma di aver imboccato il proprio tramonto. A meno che -come conclude il racconto di Dürrenmatt (leggetelo!)- non utilizzi direttamente l’esercito e le armi. Un’ipotesi che questo personaggio sono sicuro non esclude dai propri strumenti ma spero che il resto dell’Europa e i timori dei suoi stessi alleati di partito ci salvaguardino da tale rischio.

  • Biuso

    Giugno 26, 2009

    Un Direttore di teatro è anche un intrattenitore. E proprio in questo modo s.b. ha definito ieri se stesso: «Io sono fatto così. E gli italiani così mi vogliono. Ho il 61 per cento. Io sono buono, generoso, leale, sincero, mantengo le promesse, sono un mattatore, un intrattenitore” (Ansa, 25 giugno)»

    Un intrattenitore che «ha prostitute nel suo letto, ma legifera per punire chi frequenta le prostitute; invoca per sé la privacy ma vuole scrivere le norme della nostra privacy, dalla procreazione al “fine vita”» (G. D’Avanzo, Repubblica oggi).
    D’Avanzo ricorda anche il modo in cui s.b. intende il corpo delle donne: «Le aspettative di Noemi, sollecitate dalle promesse di Berlusconi, sono in linea con le riflessioni critiche della signora Lario (“Ciarpame senza pudore”). E’ documentata, allora, anche la seconda accusa che colpiva il capo del governo: per lui il corpo delle donne è “un gingillo” utile per “proiettare una (falsa) immagine di freschezza e rinnovamento” politico” (…) Il capo del governo vive un clima psichico alterato. E’ la terza accusa della moglie: “[Silvio] non sta bene” (Repubblica, 3 maggio). La patologica sexual addiction di Berlusconi si sfoga in festicciole viziose. Anima “spettacolini” affollati da venti, trenta, quaranta ragazze: “farfalline” coccolate mentre il “sultano” indossa un accappatoio di un bianco accecante; “tartarughine” travestite da Babbo Natale; “bamboline” che mimano, in villa e tra i fiori, il matrimonio con “papi” (Repubblica, 12 giugno) Frequente la presenza di “squillo”, “escort”, “ragazze immagine” abituate a incontrare sceicchi sulle rive del Golfo Persico» .

    È addirittura Giuliano Ferrara a parlare della «licenziosità» di s.b, di «scelta sciagurata degli amici di bisboccia, la sciatteria in certe relazioni e soprattutto la caratterizzazione ostentatoria di tutti i suoi comportamenti privati» (Panorama, 26 giugno).
    Ed è a tali amici e amiche di bisboccia che s.b. offre la carica di parlamentare della Repubblica o d’Europa. A tanto è ormai ridotta la vita politica in quest’Italia «non donna di province, ma bordello!» (Purgatorio, VI, 78). La citazione dalla Commedia è banalissima, lo so. Ma è anche descrittiva dello stato di cose.

  • Biuso

    Giugno 24, 2009

    Ieri avevo ricordato lo sguardo inconsapevole e dunque profetico di Dürrenmatt sul pericolo che il “Direttore del teatro” rappresenta per tutti noi. Su Repubblica leggo oggi un articolo che conferma quella intuizione.
    Giuseppe D’Avanzo vi scrive, tra l’altro, che «acconciata così la sua esistenza che il più benevolo oggi definisce al contrario “licenziosa”, chi la racconta in altro modo non può essere che un “nemico”. Da un’inimicizia brutale sono animati i giornali che, insultati ma non smentiti, raccontano quel che accade nelle residenze del presidente. Antagonisti malevoli, prevenuti o interessati sono quegli editori che non azzittiscono d’imperio le loro redazioni. C’è qualcosa di luciferino (o di vagamente folle) nella pretesa che l’opinione pubblica -pur manipolata da un’informazione servile- s’ingozzi con questo intruglio»

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti