Skip to content


Bach – Glenn Gould

Bach – Glenn Gould

Johann Sebastian Bach
Variazioni Goldberg
Variazione 32
Glenn Gould

 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Versione html (universale)

Versione video
 
 

2 commenti

  • Alberto G. Biuso

    Novembre 26, 2008

    E’ esattamente come lei dice. Le VG eseguite da Gould sono per me la sostanza musicale delle cose. Bach non era un umano, era lui stesso musica embodied, Bach è la musica. Sempre e in modo stupefacente.
    Se era un umano, è stato uno di quegli uomini che da soli giustificano e riscattano la specie.
    Non mi interessano il suo luteranesimo, il carattere che dicono essere a volte duro, i tanti (troppi) figli che ha messo al mondo. Tutto ciò è proprio la miseria del soggetto, sullo sfondo della quale risplende la musica.
    Ricordo ancora una volta le parole di Proust, per il quale la musica è «l’unico esempio di quel che sarebbe potuta essere -senza l’invenzione del linguaggio, la formazione delle parole, l’analisi delle idee- la comunicazione delle anime» (La prigioniera, Einaudi, p. 264).
    In Bach tale comunicazione è immediata, chiarissima, disvelatrice, gloriosa.
    E Glenn Gould riesce a tradurla nel linguaggio contemporaneo, in disincantata potenza.

  • Cateno

    Novembre 26, 2008

    Ascoltare Glenn Gould che suona queste variazioni è penetrare il segreto stesso della musica (e quindi dell’esistenza); è musicale, proprio per questo non può essere espresso a parole. Al limite lo si può fare, come fa Gould, canticchiando.

Inserisci un commento

Vai alla barra degli strumenti